Tag: salvia

Patate al forno 4 errori da non fare

Patate al forno 4 errori da non fare


patate al forno - My Italian Recipes

Le patate al forno sono uno di quei piatti che non ha bisogno di domande nè di particolari presentazioni. Piacciono e basta. A tutti, da nord a sud, di qualunque età. Eppure, a volte ci è capitato di mangiarle più buone del solito, in qualche ristorante o gastronomia…mentre a noi sembra sempre che manchi qualcosa. E allora, ecco quattro errori da non fare quando si preparano le patate al forno. 

1 – Sbagliare patate

Ebbene sì, ci sono patate e patate. Ogni patata ha il suo uso e spesso sui sacchetti quest’uso è anche indicato, ma non sempre. Per “riassumere” sommariamente, dovete sapere che esistono le patate a pasta gialla, più grandi e spesso vendute in sacchetti a rete, le patate novelle, piccoline, e le patate rosse. Per fare le patate al forno vi sconsigliamo di usare le patate rosse, ma al contrario vi consigliamo di prediligere le patate a pasta gialla. Vanno bene quelle grandi e anche quelle novelle. Nel caso di quelle novelle, potete anche lasciare la buccia, più sottile e commestibile.

2 – Non metterle a bagno

L’errore numero due che potete commettere quando preparate le vostre patate al forno è quello di non mettere a bagno le patate. Il che significa lavarle, sbucciarle (a meno che non siano patate novelle), tagliarle a pezzi e metterle un quarto d’ora almeno in acqua fredda. In questo modo le patate rilasceranno gran parte dei loro amidi e saranno maggiormente predisposte a diventare irresistibilmente croccanti. Dopo averle sciacquate, scolatele benissimo dell’acqua in eccesso e disponetele su un canovaccio bene aperte. Tamponatele con carta assorbente ed asciugatele.

3 – Non ungerle a dovere

Le patate vanno unte ma non devono “nuotare” nell’olio. Per cuocerle, disponetele su carta forno, irroratele con un filo d’olio, salatele, aggiungete gli aromi che gradite (aglio, rosmarino, salvia, quello che vi piace) e poi, con le mani, rimestatele in modo che siano tutte ben unte su tutta la loro superficie. Questo metodo vi consentirà di avere tutte le patate ben unte senza usare litri d’olio.

4 – Farne troppe!

Anche sulle quantità vi dovrete regolare e, se davvero volete fare tante patate, dovrete considerare di usare due leccarde o teglie da forno. Perché vi diciamo questo? Perchè le patate non devono essere ammassate, ma tutte ben distese e ben aperte. Se le ammassate, finirete per lessarle.

 

Tagliatelle ai funghi FAQ | Ricettepercucinare.com

tagliatelle ai funghi - Ricettepercucinare.com


tagliatelle ai funghi - Ricettepercucinare.com

Esplorando il delizioso mondo delle tagliatelle ai funghi porcini

Le tagliatelle ai funghi porcini rappresentano un piatto classico della cucina italiana, amato per il loro sapore robusto e la consistenza avvolgente. Questa prelibatezza culinaria unisce la delicatezza delle tagliatelle fresche alla ricchezza aromatica dei funghi porcini, creando un’esperienza gustativa che delizia i palati di chiunque le assaggi. In questo articolo, esploreremo non solo come preparare e gustare al meglio le tagliatelle ai funghi porcini, ma anche risponderemo a domande frequenti su questo piatto e suggeriremo accorgimenti per rendere l’esperienza culinaria ancora più appagante.

Cosa bere con tagliatelle ai funghi porcini?

Le tagliatelle ai funghi porcini offrono una ricca varietà di sapori che possono essere accompagnati da diverse bevande per esaltarne il gusto. Per esempio, un vino bianco morbido e leggermente aromatico come un Chardonnay o un Vermentino può essere un’ottima scelta per bilanciare la cremosità del piatto. Allo stesso modo, un vino rosso leggero e fruttato come un Pinot Nero o un Chianti può sposarsi bene con i sapori terrosi dei funghi. Se preferisci una bevanda senza alcol, un tè verde o una bevanda frizzante come l’acqua tonica con una spruzzata di limone possono essere alternative rinfrescanti.

Quante calorie hanno le tagliatelle ai funghi porcini?

Le calorie nelle tagliatelle ai funghi porcini dipendono principalmente dagli ingredienti utilizzati nella preparazione, come la pasta, i funghi, la panna e il formaggio eventualmente aggiunto. In generale, una porzione di tagliatelle ai funghi porcini può variare dalle 300 alle 500 calorie, a seconda delle proporzioni degli ingredienti e della grandezza della porzione stessa. È sempre consigliabile prestare attenzione alle dimensioni delle porzioni e bilanciare l’apporto calorico complessivo del pasto con la propria dieta e il proprio stile di vita.

Come si cucinano i funghi porcini congelati?

I funghi porcini congelati possono essere cucinati in vari modi per mantenere intatto il loro sapore e la loro consistenza. Per preparare i funghi porcini congelati per le tagliatelle, è consigliabile scongelarli delicatamente in frigorifero per diverse ore o durante la notte. Successivamente, è possibile scaldare una padella con un po’ di olio d’oliva e aglio tritato, quindi aggiungere i funghi porcini e cuocerli fino a quando non diventano morbidi e dorati. Si consiglia di aggiustare di sale e pepe secondo il proprio gusto e di utilizzare i funghi così preparati per condire le tagliatelle.

Cosa posso mangiare con i funghi?

I funghi sono un ingrediente versatile che si presta a molteplici abbinamenti culinari. Oltre alle tagliatelle, i funghi si sposano bene con risotti, polenta, frittate, omelette, crostini e persino insalate. Possono essere utilizzati anche come ripieno per ravioli o come condimento per bruschette. Inoltre, i funghi si accoppiano splendidamente con erbe aromatiche come il prezzemolo, il timo e il rosmarino, così come con formaggi come il parmigiano e il pecorino.

Cosa non mangiare con i funghi?

Quando si tratta di funghi, è importante fare attenzione a non consumare quelli che non sono stati correttamente identificati o preparati. Alcune varietà di funghi selvatici possono essere tossiche se non trattate adeguatamente, quindi è sempre consigliabile acquistare funghi da fonti affidabili o raccoglierli con la guida di un esperto. Inoltre, evita di consumare funghi crudi o poco cotti, poiché potrebbero essere difficili da digerire e potenzialmente causare disturbi gastrointestinali.

Come esaltare il gusto dei funghi?

Per esaltare il gusto dei funghi, è importante cuocerli correttamente per concentrare i loro sapori e aromi. Utilizzare una padella antiaderente e un po’ di olio d’oliva per cuocere i funghi a fuoco medio-basso fino a quando non rilasciano i loro succhi e diventano dorati. Aggiungere una spruzzata di vino bianco secco o brodo di verdure per intensificare il sapore e aggiustare di sale e pepe secondo il proprio gusto. Inoltre, l’aggiunta di erbe aromatiche come il timo o il rosmarino può arricchire ulteriormente il profilo gustativo dei funghi.

Quale odori stanno bene con i funghi?

I funghi hanno un sapore terroso che si sposa bene con una vasta gamma di aromi, tra cui aglio, cipolla, scalogno, prezzemolo, timo, rosmarino e salvia. Gli ingredienti aromatici come il vino bianco, il brodo di verdure e la panna possono anche essere utilizzati per arricchire il profumo dei funghi durante la cottura. Inoltre, spezie come il pepe nero, la noce moscata e il peperoncino possono essere aggiunte per dare un tocco di vivacità al piatto.

Che odori mettere nei funghi?

Per migliorare il sapore dei funghi durante la cottura, è possibile aggiungere ingredienti aromatizzanti come aglio tritato, cipolla affettata, rosmarino fresco, timo fresco o foglie di alloro. Questi aromi si amalgamano bene con i funghi, creando un profilo gustativo complesso e appagante. Inoltre, l’utilizzo di brodo di pollo o vegetale anziché acqua durante la cottura può aggiungere ulteriore profondità di sapore ai funghi.

Come rendere i funghi più digeribili?

Per rendere i funghi più digeribili, è importante assicurarsi di cuocerli a sufficienza in modo che diventino morbidi e facilmente digeribili. Evita di consumare funghi crudi o poco cotti, poiché possono essere più difficili da digerire e possono causare disagio gastrointestinale. Inoltre, è consigliabile consumare i funghi in piccole quantità e accompagnare il pasto con altri alimenti ricchi di fibre, come verdure e cereali integrali, per favorire la digestione.

Chi soffre di reflusso gastroesofageo può mangiare i funghi?

Le persone che soffrono di reflusso gastroesofageo dovrebbero fare attenzione a consumare cibi che possono aumentare il rischio di reflusso acido, tra cui i funghi. Sebbene i funghi non siano generalmente considerati tra gli alimenti più acidi, alcune persone potrebbero sperimentare un’aggravamento dei sintomi dopo averli consumati. Si consiglia di consultare un medico o un dietologo per determinare se i funghi possono essere inclusi nella dieta di chi soffre di reflusso gastroesofageo e in quali quantità.

Chi soffre di meteorismo può mangiare i funghi?

Le persone che soffrono di meteorismo dovrebbero fare attenzione a consumare cibi che possono aumentare la formazione di gas nell’intestino, tra cui i funghi. Anche se i funghi non sono noti per causare meteorismo in tutti, alcune persone potrebbero essere sensibili a certi tipi di funghi o a determinati metodi di preparazione. Per ridurre il rischio di meteorismo, è consigliabile consumare i funghi in piccole quantità e prestare attenzione alla propria tolleranza individuale.

Come eliminare le tossine dai funghi?

Per eliminare le tossine dai funghi, è importante seguire pratiche di sicurezza alimentare durante la raccolta e la preparazione. Assicurati di raccogliere i funghi solo se sei sicuro della loro identificazione e scegliere fonti affidabili quando li acquisti. Inoltre, è consigliabile cuocere i funghi a temperature sufficientemente alte per distruggere eventuali tossine presenti. Evita di consumare funghi crudi o poco cotti, poiché potrebbero contenere batteri o sostanze nocive che potrebbero causare avvelenamento alimentare. Se hai dubbi sulla sicurezza dei funghi, è meglio evitare di consumarli e consultare un esperto per un’adeguata valutazione.

Con queste informazioni, puoi sperimentare con fiducia la preparazione e il consumo delle tagliatelle ai funghi porcini, godendo di un piatto delizioso e nutriente con la consapevolezza di come apprezzarlo al meglio. Buon appetito!



Le ricette di È Sempre mezzogiorno del 25 ottobre 2023

È sempre mezzogiorno - Ricettepercucinare.com


È sempre mezzogiorno - Ricettepercucinare.com

Oggi a è Sempre Mezzogiorno del 25 ottobre 2023 cuciniamo insieme ad Antonella Clerici e tutti i cuochi ospiti per questa puntata.

 Torta e tortine d’antipasto di Francesca Marsetti

Ingredienti

Per la pasta brisée

  • 300 g di farina 0
  • 150 g di burro
  • 130 ml di acqua
  • 30 ml di aceto
  • sale

Per il ripieno

  • 200 g di spinaci
  • 400 g di ricotta
  • noce moscata

Per ultimare:

  • 400 g di zucca
  • 250 g di castagne
  • 150 g di gorgonzola
  • 50 g di burro
  • salvia
  • timo

Preparazione

  • Impastare gli ingredienti in planetaria per fare la pasta brisée;
  • Stendere l’impasto con il mattarello;
  • Tritare grossolanamente le castagne con un coltello;
  • In una padella, mettere un goccio di olio, burro e timo e salvia;
  • Aggiungere la zucca tagliata a tocchetti;
  • Aggiungere anche la castagne tagliate e già lessate;
  • In una scodella mettere la ricotta con gli spinaci lessi e condire con un po’ sale e noce moscata;
  • In una tortiera con la base che si alza adagiare la pasta brisée;
  • Far riposare in frigo la pasta;
  • Fare la stessa cosa anche con delle forme più piccole;
  • Farcire con il ripieno di spinaci;
  • Cuocere per 25 minuti le tortine e 30-35 la torta grande a 180°C;
  • Raffreddare il composto di zucca;
  • In una scodella mettere il gorgonzola e mescolare.:
  • Condire con la zucca e un po’ di gorgonzola;

 Fagottini alle mandorle di Fulvio Marino

Ingredienti

  • 500 g di farina 0 forte (14 % di proteine)
  • 150 ml di latte
  • 3 uova
  • 90 g di zucchero
  • 10 g di sale
  • 10 g di lievito di birra
  • 80 g di burro
  • 1 bacca di vaniglia
  • 240 g di mandorle
  • miele per spennellare

Preparazione

  • In una scodella mettere la farina, latte freddo e il lievito sbriciolato;
  • Mescolare il composto e unire le uova fredde e mescolare tutto il composto con il cucchiaio;
  • Unire anche lo zucchero in 2 volte e l’ultima volta mettere anche il sale e il restante latte;
  • Impastare fino ad avere un composto omogeneo;
  • Aggiungere il burro a pomata unire con i semi di bacca di vaniglia;
  • Una volta assorbito tutto far lievitare il panetto liscio in frigo per 8 ore;
  • Stendere l’impasto con il mattarello e realizzare dei rettangoli da circa mezzo centimetro;
  • Ottenerne 6 rettangoli su cui spalmare un velo di confettura oppure burro e poi le mandorle tostate e tritate grossolane;
  • Arrotolare ogni rettangolo su sé stesso, dal lato corpo, e formare una piccola chiocciola da mettere sulla teglia con carta da forno;
  • Coprire e far raddoppiare di volume;
  • Spennellare con il miele e aggiungere mandorle a lamelle;
  • Cuocere a 180°C per 18 minuti;

Continua la lettura » 1 2



Proudly powered by WordPress