Tag: farina

Baci di dama-

Ingredienti per 25 biscotti:
150 g di burro
150 g di mandorle pelate
100 g di zucchero eridania
150 g di farina
un pizzico di fior sale gemma di mare
alcune gocce di aroma all’arancia
70 g di cioccolato fondente
Procedimento:
Con il mixer tritate le mandorle e lo zucchero fino ad ottenere un composto molto fine. Lo zucchero assorbirà l’olio emesso dalle mandorle e questo vi permetterà di ottenere un ottimo risultato.
Aggiungete il burro tagliato a pezzetti e gli altri ingredienti, amalgamate fino ad ottenere una palla di impasto liscio e omogeneo.
Fatelo riposare in frigo un paio di ore avvolto da pellicola, volendo, potete fare questo impasto anche il giorno prima.
Trascorso il tempo di riposo, togliete dal frigo e cominciate a preparare delle palline della dimensione di una piccola noce, deponetele su di una teglia da forno, foderata di carta forno, ben distanziate tra loro.
Infornate a 160 gradi per 25/30  minuti circa. (forno a gas)
Nel frattempo sciogliete al microonde il cioccolato fondente per qualche minuto a media potenza, andate di minuto in minuto mescolando, per evitare di abbrustolirlo.
Quando avrete cotto tutte le palline, fatele raffreddare e cominciate a farcirle con una piccola quantità di cioccolato, depositata al centro di una pallina soltanto e dalla parte piatta, quella che appoggiava alla teglia. Coprite ora con una pallina vuota, sempre con la parte piatta, comprimendola leggermente sul cioccolato in modo da distenderlo un po’ ma senza farlo debordare dal biscotto. Procedete fino alla fine degli ingredienti, lasciate solidificare il cioccolato e servite.
Grazie a questo blog, ho rispolverato una vecchia ricetta uguale a questa, nei passaggi di base, che ho proposto molto tempo fa…. poi elaborata diversamente per ottenere un risultato più colorato.

Scaloppine di maiale con biete scomposte

La scaloppina è un piatto che faccio spesso, perché la trovo deliziosa con ogni tipo di carne e poi riscuote sempre un gran successo. 
E’ rapida da fare e così quando questo mese ho visto la scelta di Elisa per MTC di giugno, mi sono detta
“….. questa volta non ci sono problemi le so fare …… “
… ecco le classiche parole famose

Già leggendo la mail di Alessandra, ho capito che c’era qualche inghippo, poi quando ho letto il post di Elisa mi sono resa conto che …… c’è sempre da imparare e con MTC si impara sempre.


L’altro giorno finalmente ho avuto un po’ di tempo per dedicarmi alle scaloppine seguendo scrupolosamente il post di Elisa.
Non avevo il taglio giusto per delle scaloppine doc, ma con tutte le attenzioni sono venute favolose e sono state molto apprezzate.



4 Fettine di maiale
burro chiarificato
farina bianca per infarinare
1 limone
biete
brodo vegetale
uvetta e pane grattugiato per le biete

Avevo un pezzo di coppa di maiale senza osso che ho tagliato a fettine molto sottili, utilizzando quelle meno interzate (io adoro questi tagli di carne, difficile che da me troviate la classica fettina magra)


Dopo aver tagliato la carne molto sottile, l’ho battuta con il batticarne per renderla veramente sottile.
Ho infarinato le fettine che ho fatto rosolare da entrambi i lati per un paio di minuti in una pentola dove avevo fatto sciogliere del burro chiarificato.
Quando le fettine sono ben rosolate, metterle a riposare in un piatto e salarle solo in questo momento e mentre le fettine riposano bisogna tornare ad occuparci della salsa.
Ho deglassato aggiungendo al fondo di cottura (rimasto in padella dopo aver rosolato le fettine) il succo di mezzo limone ho lasciato evaporare un po’ e poi ho aggiunto come fondo di cucina del brodo vegetale (circa un bicchiere) che ho fatto cuocere per un paio di minuti, fino ad avere una bella salsina a questo punto ho rimesso in padella le fettine per farle insaporire, ho spento e servito con delle biete scomposte.


Le biete con questo strano clima sono molto rigogliose e buonissime e mi piace assaporarle scomposte.

La foglia verde l’ho lessata e condita con un filo d’olio e del succo di limone, sono più dolci degli spinaci.
Le coste invece le cuocio a vapore e poi le salto in padella con un filo d’olio, un po’ d’uvetta e una spolverata di pane grattugiato (per renderle ancor più gustose si può aggiungere alcuni filetti di sarde sotto sale)

Un piatto così composto è delizioso e adatto alla stagione estiva.



Ringrazio come sempre le ragazze di MTC ed Elisa per la splendida scelta e adesso le scaloppine le farò sempre così.




Pane a stella-

Ingredienti:
600 g di farina
350 g di acqua tiepida
1 cubetto di lievito di birra
1 cucchiaino di miele
una manciata di salvia tritata
sale qb
Procedimento:
In una tazza sciogliete il lievito con una parte dell’acqua e il miele.
Inserite il composto nella planetaria aggiungete l’acqua rimasta, la farina e impastate in modo superficiale, aggiungete il sale e la salvia tritata. Completate il procedimento per circa 10 minuti.
Togliete l’impasto dal contenitore della planetaria, dategli una forma tonda, lavorandolo con le mani. Appoggiatelo su una teglia circolare senza bordi e fate 4 incisioni con una lama affilata.
 Accendete il forno a 250 gradi per 1 minuto, spegnete e inserite il pane e fatelo lievitare per mezz’ora. Accendete il forno senza togliere il pane e cuocete per 35 minuti a 180 gradi.
Tempo di preparazione: 10 minuti
Tempo di lievitazione: 30 minuti
Tempo di cottura: 35 minuti
Difficoltà: bassa
Due parole:
Per le incisioni, fate le due classiche a croce, una in verticale e una in orizzontale  poi proseguite con le altre seguendo lo stesso metodo. Quando il pane sarà lievitato si aprirà a stella seguendo le incisioni che avete fatto, quindi più regolari sono e più la forma assomiglierà ad una stella.
Per quanto riguarda la teglia senza bordo, io ho utilizzato una piastra di refrattario di 35 cm di diametro e a pane lievitato ne uscivano solamente le punte. Ma in alternativa si presterà perfettamente allo scopo, la base di una tortiera a cerniera, rivestita di carta forno.
Avrete capito che i bordi dello stampo darebbero una forma diversa al pane, incurvando verso l’alto le punte.

Proudly powered by WordPress