Tag: con

Le ricette di È sempre Mezzogiorno del 23 settembre 2022

Ricettepercucinare.com


E' sempre mezzogiorno - Ricettepercucinare.com

La puntata di oggi, 23 settembre 2022, a È Sempre Mezzogiorno inizia in maniera scoppiettante con Antonella Clerici e il suo braccio destro Alfio. La prima persona a cucinare è  zia Cri torna allo show cooking per farci scoprire la sua ricetta dolce. Sarà ospite solo una volta a settimana, poiché ha ripreso a insegnare a scuola.

Latteruolo di Zia Cri

INGREDIENTI

per la pasta matta:

  • 220 g di farina 0
  • 110 ml di acqua

per la crema:

  • 1,2 l di latte intero
  • 150 g di zucchero
  • 2 uova
  • 6 tuorli
  • 1 baccello di vaniglia
  • zucchero a velo

PREPARAZIONE

  • Mettere in un tegame il latte a scaldare per quasi 1 ora facendolo diventare metà, unendo anche i semini di vaniglia;
  • Verso la fine, agli ultimi 10 minuti, aggiungere lo zucchero;
  • Preparare la pasta matta con farina e acqua;
  • Far riposare la pasta e poi stenderla con il mattarello;
  • In una scodella sbattere le uova e i tuorli;
  • Unire nel latte pronto e raffreddato le uova;
  • Sistemare la pasta stesa nella teglia e versare il composto di latte aiutandosi con un mestolo;
  • abbassare i bordi della pasta eliminando l’eccesso;
  • Cuocere a 160°C dai 40 a 60 minuti;

Facci siciliani di Fulvio Marino

INGREDIENTI

  • 250 g di semola di grano duro
  • 250 g di farina 0
  • 330 g di acqua
  • 4 g di lievito di birra
  • 30 g di olio evo
  • 12 g di sale

Per la farcitura:

  • 150 g di mollica di pane
  • 200 g di pomodori pelati
  • 150 g di primo sale
  • 150 g di pecorino
  • 2 cipolle bianche
  • olio evo
  • origano

PREPARAZIONE

  • Mescola le farine con l’acqua e il lievito;
  • Mescolare il tutto e poi aggiungere l’ultima parte dell’acqua con il sale;
  • Continuare e alla fine aggiungere l’olio extravergine di oliva;
  • Continuare ad impastare facendolo assorbire completamente;
  • Lievitare per 2 ore a temperatura ambiente;
  • Dividere in due parti l’impasto ottenendo dei filoni e farli lievitare fino al raddoppio;
  • Preparare la farcitura: unire ai pomodori pelati il pane tagliato a cubetti (raffermo), primo sale, pecorino, cipolle tritate, olio, origano e mescolare con le mani;
  • L’impasto dovrà essere omogeneo per poi stenderlo sulla pasta;
  • Dovrà riposare comunque in attesa della pasta;
  • Stendere la pasta e adagiarla sulla teglia con sopra il composto;
  • Cuocere in forno con un filo di olio evo a 200°C per 25 minuti;

INGREDIENTI

  • 400g di riso originario
  • 200g di controfiletto di manzo a fette
  • 120g di carote
  • 100g di insalata gentile
  • 150g di funghi cardoncelli cotti
  • 200g di germogli di soia
  • 1 foglia di alga Nori
  • 30ml di olio di sesamo
  • 2 cucchiai di olio di girasole
  • semi di sesamo tostate e sbriciolati

per la marinatura della carne:

  • 40ml di salsa di soia
  • 20 g di zucchero di canna
  • aglio grattugiato
  • zenzero grattugiato
  • 20 ml di succo di pera
  • semi di sesamo
  • olio di sesamo
  • pepe macinato
  • sale

Per la salsa gochujang:

  • aceto di riso
  • aglio grattugiato
  • 2 cucchiai di gochujang
  • olio di sesamo
  • miele di acacia
  • semi di sesamo tostati e sbriciolati

Inoltre:

PREPARAZIONE

  • Marinare la carne con un cucchiaio di salsa di soia, un cucchiaio di olio di sesamo un spicchio d’aglio tritato, 1 cucchiaino di zucchero oppure miele;
  • Mescolare e far riposare in frigo per 30 minuti;
  • Sbollentare gli spinaci in acqua bollente e salata per 30 secondi circa;
  • Scolare e far raffreddare;
  • Condire con un po’ di olio di sesamo e un cucchiaio di salsa di soia;
  • Pulire i germogli di soia, eliminando le parti annerite e cuocere in acqua bollente e salata per 8-10 minuti;
  • scolare e far raffreddare;
  • condire con un cucchiaio di olio di sesamo e un pizzico di sale;
  • Tagliare le verdure e affettare anche i funghi;
  • Cuocere il riso a vapore;
  • Cuocere separatamente le verdure e i funghi;
  • In una padella mettere a rosolare la carne per 2-3 minuti;
  • Nel mentre preparare anche 3 uova a occhio di bue;
  • Quando il riso sarà fatto, impiantare;
  • In una scodella mettere il riso nel centro e le verdure di contorno insieme alla carne;
  • Aggiungere l’uovo nel centro e poi condire con la salsa piccante fatta con un cucchiaio di gochujang, un cucchiaio di olio di sesamo e un cucchiaino di aceto di riso o mele;
  • Mescolare il tutto e poi servire;

Lonza di maiale con taralli di Antonio Paolino

INGREDIENTI

Per la carne:

  • 600 g di lonza di maiale
  • 60 g di olio evo
  • uno spicchio d’aglio
  • 100 g di carote
  • 100 g di cipolla
  • 30 g di sedano
  • un bicchiere di birra chiara
  • 200 g di brodo vegetale
  • un rametto di timo
  • un rametto di rosmarino
  • sale e pepe
  • 5 albumi
  • 350 g di taralli napoletani

per schaicciatina di patate:

  • 500 g di patate
  • 150 g di pomodori sechi sott’olio
  • 100 g di olive nere denocciolate
  • timo
  • alloro
  • rosmarino
  • maggiorana sminuzzati
  • 50 g di formaggio grattugiato
  • sale e pepe

per impiattamento:

PREPARAZIONE

  • Scaldare una padella e aggiungere sedano, carota e cipolla grossolani con un filo di olio;
  • Legare la carne e poi rosolare la carne pepata e salata nel tegame;
  • Aggiungere anche le erbe aromatiche e far dorare su tutta la superficie;
  • Sfumare con la birra e far evaporare l’alcool;
  • terminare la cottura per 1 ora in forno, a 68°C al cuore;
  • Asciugare con la carta da cucina la carne e poi togliere lo spago;
  • Frullare grossolanamente i taralli;
  • Sbattere il bianco d’uovo e poi passarci la carne;
  • Impanare con i taralli la carne e ripetere nuovamente;
  • Cuocere a 190°C per 10 minuti;
  • Schiacciare le patate lessate;
  • Unire alle patate formaggio, erbe aromatiche, pomodori secchi grattugiati e anche il loro olio;
  • Aggiungere anche un battuto di olive;
  • Mescolare il composto e metterlo in un sac-a-poche e in una pentola con acqua a 60°C;
  • Frullare un po’ di sugo dove ha cotto la carne;
  • Servire la carne con questo delizioso composto;

Segui tutte le puntate di È Sempre Mezzogiorno direttamente sul nostro portale!



Daniele Persegani ballerino – Ricettepercucinare.com

Daniele Persegani È Sempre Mezzogiorno - Ricettepercucinare.com


Daniele Persegani bravo in cucina e non solo!
Daniele Persegani È Sempre Mezzogiorno - Ricettepercucinare.com

Daniele Persegani pieno di passioni anche al di fuori dei fornelli….cosa vi stiamo per raccontare? Solitamente quando parliamo dei cuochi di È Sempre Mezzogiorno suggeriamo ricette e leccornie che si possiamo preparare in casa, seguendo i loro suggerimenti. Oggi però vogliamo svelarvi una curiosità riguardo lo chef Daniele Persegani e il suo amore per la danza.

Daniele Persegani: bravo in cucina e in pista da ballo

Il cuoco di Castelvetro Piacentino, Daniele Persegani, non ha mai nascosto la sua passione per il ballonzoli studi di È Sempre Mezzogiorno. Molti di voi, infatti, lo ricorderanno nella precedente edizione quando parlava delle giornate trascorse durante l’estate, insieme anche a zia Cri, a ballare. Nonostante la sua grande passione e il suo impegno per il mondo del cucina, in realtà ha sempre lasciato spazio al ballo, tanto da concedersi un momento per il liscio romagnolo durante le pause dal suo lavoro.

L’insegnante dell’Istituto Alberghiero di Salsomaggiore, peraltro, nasce da una famiglia di ballerini: infatti, i suoi genitori gli hanno trasmesso la passione per il ballo sin dalla giovane età, facendogli praticare il ballo del liscio. Tuttora il cuoco cremonese si diverte ad andare in balera e a partecipare ai tour organizzati da Raul Casadei Orchestra.

La gelosia di Daniele nei confronti di Lorenzo Biagiarelli

Nella puntata di oggi di È Sempre Mezzogiorno, però, Daniele Persegani non ha potuto fare a meno di dimostrare la sua profonda gelosia – scherzosa – nei confronti del “giovane vecchio” Lorenzo Biagiarelli. Il fidanzato di Selvaggia Lucarelli, infatti, quest’anno è stato scelto come ballerino per il celebre programma televisivo di Milly Carlucci, Ballando con le stelle. Daniele Persegani, da sempre suo fan, non ha potuto fare a meno di sottolineare quanto avrebbe voluto partecipare al talent show del ballo al posto di Lorenzo che, come ha sottolineato più volte, non è di certo un gran ballerino, anche se sa tenere il tempo!

Un inaspettato collegamento con Ballando Con Le Stelle

Sempre durante la puntata di oggi, poi, vi è stato pure un collegamento con la presentatrice di Ballando con le stelle e, in anteprima, è stata presentata la ballerina che sarà al fianco di Lorenzo: stiamo parlando della ballerina Anastasija Kuz’mina che da ben 10 anni non si aggiudica il titolo di coppia vincente allo show della danza. Daniele Persegani, quindi, ne ha approfittato per mostrare al “giovane vecchio” come ballare la salsa e ha lasciato tutti a bocca aperta, tanto che lo stesso Lorenzo ha proposto al cuoco di presentarsi al posto suo indossando una barba e una parrucca.

Insomma, chissà se un giorno riuscirà anche Daniele Persegani a ballare nella pista di Ballando con le stelle. Per il momento, però, possiamo apprezzare tutti i suoi gustosi piatti che ci propone quotidianamente a È Sempre Mezzogiorno!



Quanto deve cuocere il salmone?

quanto deve cuocere il salmone - Ricettepercucinare.com


quanto deve cuocere il salmone - Ricettepercucinare.com

Quanto deve cuocere il salmone? Questa domanda ce la siamo posta varie volte ed è ora di dare una risposta univoca. Naturalmente ci stiamo riferendo al salmone fresco e non a quello affumicato, che come ben sapete non ha bisogno di essere cotto. Vediamo subito tutte le info in merito al salmone fresco o decongelato.

Quanto deve cuocere il salmone in padella

Parola d’ordine umidità

Per fare il salmone in padella non serve aver frequentato corsi di alta cucina. E’ un piatto molto semplice e gustoso che non richiede né abilità né tempo. Adesso vi diamo subito le indicazioni necessarie riguardo il tempo di cottura del salmone in padella. Se si tratta di tranci di salmone decongelato, non avranno la pelle. Se invece sono tranci o fette di salmone fresco, avranno la pelle. Puoi lasciarla! Abbi cura però di cominciare la cottura dal lato della pelle e di fare in modo che questa abbrustolisca per bene. Mentre i tranci cuociono, raccogli con un cucchiaio i fluidi di cottura e versali mano a mano sul salmone.

Se cuoci troppo il salmone, questo diventerà stopposo e sgradevole. Ecco perchè i tempi di cottura sono importantissimi! 4 minuti per lato sono sufficienti! Ti accorgerai che il salmone è cotto semplicemente osservandolo: il suo colore, da rosa scuro diventerà mano a mano rosa pallido. Più il calore penetra in profondità e più il colore cambia.

Osserva il salmone mentre lo cuoci: l’andamento del colore stesso ti indicherà che è ora di girare il tuo trancio! Ti accorgerai infatti che è cotta metà inferiore perchè mano a mano cambia il suo colore.

Il segreto per avere un buon salmone, sia esso in padella o al forno, è accertarsi che questo rimanga ben umido. Una cottura troppo prolungata lo renderà secco e stopposo! Ecco perchè una cottura veloce e fiamma alta, bagnandolo continuamente, è l’ideale.

Quante calorie ha il salmone in padella?

Il salmone non è un pesce particolarmente magro, ma è un pasto proteico nutriente adatto a tutta la famiglia

Il salmone in padella ha 396 calorie ogni 100 grammi. Come detto non è un alimento troppo magro, ma è un ottimo alimento per tutta la famiglia, sano e altamente proteico, oltre che ricco di Omega 3 e grassi buoni per la salute. Per un’alimentazione completa, ti consigliamo di alternare il salmone a del buon pesce azzurro di pezzatura piccola, pescato nel mar Mediterraneo.

Quanto deve cuocere il salmone al forno?

Veniamo ora ai tempi di cottura del salmone al forno. Per cuocere il salmone al forno dovrete accendere il forno a 180 gradi in modalità statica. La modalità statica vi aiuta a mantenere il salmone umido e succoso. Se fate l’errore di accendere il forno in modalità ventilata finirete per seccare il pesce! A meno che non decidiate di cuocere il pesce in un bel cartoccio ben sigillato, con aromi vari e del buon succo di limone. In tal caso otterrete un pesce molto tenero ma in buona sostanza praticamente bollito. Ora invece vi diremo come cuocere il salmone al forno mantenendolo umido e avendo una buona rosolatura. 

Ecco quanto deve cuocere il salmone al forno

Vediamo subito quanto deve cuocere il salmone al forno: ad una temperatura di 180 gradi cominciate la cottura del vostro salmone e protraetela per 20 minuti. Dopodichè azionate la funzione grill e alzate a 230 gradi. Dopo 3 o 4 minuti toglietelo dal forno. Servitelo caldo!

Come si fa a capire se il salmone è cotto?

Il colore, come detto già poc’anzi, è un valido aiuto. Il colore del salmone tende a schiarire mano a mano che il salmone cuoce. Dunque si passerà da un rosa vivace e brillante ad un rosa pallido.

Quali contorni vanno bene con il salmone?

Abbiamo parlato dei tempi di cottura del salmone, ora vediamo come servire il salmone. I contorni che vanno bene per il salmone sono:

  • spinaci lessi
  • insalata verde
  • insalata mista
  • cous cous
  • riso basmati bianco, magari da accompagnare con una buona salsa alla curcuma

Quali piatti posso preparare con un trancio di salmone?

Se hai un solo trancio di salmone o vuoi risparmiare e desideri acquistarne solo uno, sappi che ti può bastare per dar vita a piatti deliziosi e gustosi. Ecco alcune idee:

  • penne al salmone, che puoi preparare anche con del buon salmone fresco, che farai cuocere il padella a fuoco vivace, sfaldandolo mano a mano con un cucchiaio di legno
  • noodles al salmone, per un tocco etnico in cucina, saltati in padella con verdurine a julienne e salsa di soia
  • un panino o baguette con salmone e coleslaw, spalmata con un delicato burro erborinato
  • caserecce con salmone e crema di tartufo bianco

Vi abbiamo raccontato quanto tempo deve cuocere il salmone, fate tesoro dei nostri consigli e fateci sapere qualche ricetta preferite!

 



Proudly powered by WordPress