Tag: pasto

Il gelato al cioccolato di E’ sempre mezzogiorno

Ricettepercucinare.com


gelato al cioccolato di E' sempre mezzogiorno - Ricettepercucinare.com

Il gelato al cioccolato è una di quelle piccole grande delizie alle quali non sappiamo rinunciare nemmeno durante la stagione invernale. La ricetta che vi proponiamo oggi è quella del gelato al cioccolato di E’ sempre mezzogiorno. Una preparazione semplice e veloce, gustosa e sfiziosa, perfetta anche per chi non ha gelatiera. 

Ingredienti e preparazione del gelato al cioccolato al latte

Il gelato al cioccolato al latte è un prodotto che accontenta tutta la famiglia. Il suo gusto è rotondo e delicato e si presta bene per una merenda del pomeriggio o un fine pasto.

Ingredienti per il gelato al cioccolato di E’ sempre mezzogiorno

  • 100 grammi di polvere di cacao
  • 200 grammi di cioccolato fondente
  • 350 millilitri di latte parzialmente scremato
  • 150 grammi di zucchero
  • 50 grammi di miele millefiori

Come si prepara il gelato al cioccolato di E’ sempre mezzogiorno

  • Vediamo dunque come si prepara il gelato al cioccolato di E’ sempre mezzogiorno. Dovete procurarvi un pentolino e scaldare il latte assieme allo zucchero e al miele.
  • Prendete poi una seconda ciotola e cominciate a sminuzzare il cioccolato. Aggiungete al cioccolato a pezzetti anche il cacao in polvere. Quando il latte è ben caldo, aggiungetelo al cioccolato e amalgamate bene il tutto. Mescolate sino a quando tutto il cacao non è sciolto.
  • Procuratevi ora una pirofila di alluminio. Versate il composto nella pirofila e mettete in freezer per 4 o 5 ore.  Ogni tanto mescolate il gelato così da ottenere una consistenza cremosa e ben omogenea.
  • Al termine delle 5 ore è ora di servire il gelato! Potete servirlo in coppe individuali aggiungendo biscotti fatti in casa, frutta fresca o panna. Molto gradito e originale l’abbinamento con le fragole. Se avete bambini, potete anche aggiungere delle smarties!

Ecco pronto il gelato al cioccolato di E’ sempre mezzogiorno, una ricetta andata in onda nel famoso programma tv culinario diverso tempo fa, ma sempre attuale. Se l’amate, annotatela da qualche parte e non esitate a ripeterla. Diventerà il vostro cavallo di battaglia da sfoderare in occasione dell’arrivo di ospiti!



Piccola guida al porridge | Ricettepercucinare.com

Ricettepercucinare.com


piccola guida al porridge - Ricettepercucinare.com

Abbiamo già avuto modo di darvi la ricetta del porridge altrove e ormai sapete bene come preparare il porridge dolce e il porridge salato. Oggi riassumiamo brevemente quel che sappiamo sulla ricetta e rispondiamo ad alcune domande frequenti sul tema. Vediamo allora questa piccola guida al porridge cosa ci racconta.

Il porridge è sempre stato una colazione sofisticata?

Cominciamo la nostra piccola guida al porridge con qualche cenno storico su questa pietanza così semplice e così nutriente. Pensate che nel XVIII secolo il porridge era una zuppa povera. Un pò come in Pianura Padana la polenta era l’alimento principale in tempi di povertà, analogamente in Scozia accadeva con l’avena. La zuppetta di avena si gustava sia calda che fredda, a tutte le ore del giorno. Era un pasto semplice ma nutriente e soprattutto onnipresente.

Come si traduce in italiano porridge?

In inglese il porridge ha vari nomi. Si chiama anche porrige, parritch, porage. In italiano lo possiamo tradurre con pappa d’avena o zuppa d’avena. In realtà l’avena è una delle opzioni perchè oggigiorno si usano vari cereali per preparare il porridge, non solamente l’avena. L’importante è che siano cereali contenenti molto amido, capaci di dar vita ad una vera e propria “pappetta”.

Cosa si può mettere nel porridge? Il porridge fa bene?

Come detto, solitamente l’ingrediente principe del porridge classico sono i fiocchi di avena. Sono altamente proteici e ricchi di vitamina B1, oltre a un elevato numero di fibre. E’ un piatto semplice che garantisce un senso di sazietà prolungato. Potete poi giocare con i sapori aggiungendo frutta fresca o secca, yogurt, un topping particolare, gocce di cioccolato, vaniglia, frutta esotica. Quello che volete voi. Se vi piace, potete anche fare il porridge salato. Nel porridge salato potete aggiungere zucchine, tonno, salmone.

Con quali altri cereali oltre l’avena si può preparare il porridge?

Se non avete l’avena o volete provare qualche variante, usate il miglio, il grano saraceno, i semi di quinoa. Quanto ai liquidi, come sapete il porridge si cuoce nel latte, ma potete anche mettere acqua o altre tipologie di latte vegetale che potreste avere in casa. Latte di soia se siete vegani, latte di mandorle o altre bevande di vostro gusto.

 

 

 



Insalata di Anguria e Feta

Ecco la ricetta di Benedetta Parodi per un piatto semplicissimo e particolarmente indicato per un pasto fresco e leggero: l’insalata di Anguria e Feta. Scopriamo come cucinarla in pochissimi minuti.

Puntata I Menu di Benedetta: 18 settembre 2012 (Menu delle Buone Abitudini[1])
Tempo preparazione e cottura: 5 minuti ca.

Ingredienti Insalata di Anguria e Feta per 4 persone:

  • 200 gr di feta
  • 3 fette di anguria
  • sale
  • olio
  • pepe
  • basilico o menta qb

Procedimento ricetta Insalata di Anguria e Feta di Benedetta Parodi

  1. Tagliare a cubetti la feta e l’anguria e mescolarle insieme.
  2. Condire con olio, sale e pepe.
  3. Aggiungere a scelta menta o basilico e servire.

References

  1. ^ Menu delle Buone Abitudini

Proudly powered by WordPress