Tag: menù di benedetta

Marmellata e Bacche di Goji

Ingredienti
 per 250 g di marmellata di Bacche di goji:
5 cucchiai colmi di Bacche di Goji
300 g di Acqua
1 cucchiaio di dolcificante Misura stevia
1 cucchiaino di farina semi di carruba
1 cucchiaino di succo di limone Lemondor Polenghi
 Procedimento:
Mettete le bacche di Goji in pentolino antiaderente e
versateci sopra l’acqua.
Aggiungere il dolcificante, il succo di limone e portate ad
ebollizione.
Poi aggiungere la farina di semi di carrube, mescolate bene
e cuocete per 25 minuti mescolando di tanto in tanto.
Aggiungete un po’ d’acqua se necessario.
A cottura ultimata, le bacche devono essere gonfie.
Si conserva in frigo per diversi giorni.
Tempo di cottura 25 minuti

La ricetta proviene da Fb, ho dovuto modificarla nelle quantità e negli ingredienti.
A mio avviso non era veritiera.
 Un concentrato di salute…
Da consumarsi come snack, durante la giornata, sono gustose e
mettono di buon umore.
Le bacche non sono  morbide, ma potete metterle
in ammollo in pochissima acqua per ammorbidirle, oppure consumarle nello  yogurt o nel latte.
Si possono realizzare dei dolci, delle insalate e molto
altro ancora.
Ringrazio molto per la possibilità che mi è stata data di
conoscere e provare le bacche di  Goji  e il succo.
Se avete curiosità e voglia di approfondire, vi rimando qui .

Risotto al Radicchio

Vi presentiamo la ricetta per preparare un primo piatto originale e vivace: il risotto al radicchio.
Una portata dal sapore fresco, arricchita dal gusto della provola a cubetti.

Risotto al Radicchio

350 g di riso Carnaroli

150 g di provola
50 g di burro
1 cespo di radicchio
1 spicchio d’aglio
½ cipolla bianca
Brodo vegetale q.b.
Pepe nero q.b.
Sale q.b.
Olio extravergine d’oliva q.b.
Sbucciate la cipolla, tritatela e ponetela a rosolare in una pentola con il burro e un filo d’acqua.

Appena la cipolla inizia a imbiondire unitevi il riso, fatelo tostare per circa 2 minuti e salatelo a piacere, dopodiché proseguite la cottura versando gradualmente il brodo vegetale caldo e mescolando di tanto in tanto, fino a quando il riso non sarà pronto al dente.

Nel frattempo, separate le foglie del cespo di radicchio, lavatele per bene e tagliatele in pezzettini o in listarelle, quindi ponetele a rosolare per alcuni minuti in una padella antiaderente con un filo d’olio evo e l’aglio sbucciato; salate e pepate a piacere e fatele saltare, in modo che si insaporiscano e prendano colore.

Quando la cottura del riso sta per terminare, unitevi il radicchio e la provola tagliata a cubetti, mescolate la preparazione e lasciatela insaporire per qualche minuto a pentola chiusa. Il vostro risotto al radicchio è dunque pronto per essere servito in tavola.

Accorgimenti:
Per legare ancora meglio gli ingredienti, al termine della preparazione potete aggiungere una noce di burro e mantecare bene il risotto al radicchio.

Idee e varianti:
Se non gradite la provola, potete eliminarla dalla preparazione e spolverizzare il risotto con del parmigiano grattugiato e con un pizzico di pepe nero macinato: sarà un piatto comunque molto delizioso!

Banana Bread

Avevo 3 banane (giuste giuste per la ricetta) che erano lì che chiedevano giustizia e io ho accolto il loro grido di aiuto, come potevo non farlo?

E Banana Bread sia!

3 banane mature
130 gr di zucchero di canna
100 gr di burro
2 uova
240 gr di farina
2 cucchiaini di lievito per dolci
1 pizzico di bicarbonato
1 pizzico di sale
1/2 limone
50 gr di gocce di cioccolato.

Sbucciate le banane, schiacciatele in una ciotola e irroratele con qualche goccia di succo di limone.

In una ciotola a parte montate il burro morbido con lo zucchero, aggiungete poi le uova un pizzico di sale e continuate a montare.
Incorporate ora la purea di banane.
Aggiungete la farina, il lievito per dolci e il bicarbonato.
Infine unite le gocce di cioccolato e mescolate il composto fino a renderlo omogeneo.
Foderate uno stampo per plumcake con la carta forno e versate l’impasto all’interno, infornate il banana a 180° e cuocete per circa 45 minuti.
Una volta pronto, lasciate intiepidire e servite.

Fonte: Misya

Proudly powered by WordPress