Focaccia di Patate genovese di Ale

Le focacce sono dei piatti deliziosi e molto versatili, da sole riescono a saziare un languorino improvviso o con degli affettati possono essere una bella alternativa per una cena con degli amici. Oggi per il Calendario del Cibo italiano e la Gn della Focaccia di Patate 

ho pensato di preparare la sua, perchè è una focaccia ben equilibrata e non permalosa, viene splendida anche se un po’ bistrattata. Focaccia di Patate alla genovese 

di Ale300 ml d’acqua500 g di farina250 g di patate10 g di lievito (io li ho dimezzati*)80 ml di olio extravergine di olivasaleBollite le patate per 15 minuti, in mezzo litro d’acqua meglio se con la buccia per evitare che assorbano troppa acqua; sbucciarle da calde e schiacciarle bene con l’apposito attrezzo, come per fare un purè.Mentre cuociono le patate, sciogliete il lievito in poca acqua tiepida e lasciate riposare, coperto, per una decina di minuti: appena la superficie si increspa e si formano le prime bolle, iniziate a lavorare l’impasto ** Unite le patate schiacciate, ancora calde, alla farina, aggiungete il lievito sciolto nell’acqua e iniziate ad impastare con le mani, unendo via via l’altra acqua e l’olio, alternandoli, fino ad ottenere un composto molto idratato, che si appiccica ‘ alle mani. Aggiungete il sale e lavorate ancora per una decina di minuti. Lasciate poi lievitare, in recipiente coperto, per circa due ore- o comunque fino al raddoppio. Se avete l’impastatrice potete usarla per lavorare l’impasto che è molto idratato: il segreto della morbidezza della focaccia è proprio questo, per cui è meglio cercare di non aggiungere farinaDopo la lievitazione stendete la focaccia in una teglia (40×33), precedentemente unta d’olio, bucherellate la superficie con la punta delle dita e lasciate lievitare ancora, per un’oretta circa. Cospargete di olio e di sale grosso e infornate a 200 gradi, per una ventina di minuti

Note speciali * + **Come vi dicevo è una focaccia che si adatta ai nostri tempi.Io oggi sapevo che sarei stata via di casa a lungo e che la focaccia l’avrei cotta dopo molte ore. Ho così deciso di dimezzare il lievito e metterlo direttamente nella farina senza attivarlo. Poi una volta impastato ho steso direttamente nella teglia unta d’olio, ho coperto e messo a lievitare.Alla sera, tornata a casa dopo più di 4 ore, la lievitazione era al limite ho così con attenzione mentre si riscaldava il forno ho tolto il naylon che copriva l’impasto ho cosparso con sale grosso ed olio, non ho bucherrellato per non compromettere il lievitato che era al limite ed ho infornatoBuonissima e molto gustosa

Focaccia rustica senza glutine

Focaccia rustica senza glutine. Ho utilizzato la farina senza glutine “Piaceri mediterranei” con cui ho spesso il piacere di collaborare. Utilizzando da un po’ queste farine ho notato che è sempre più facile preparare le ricette, esattamente come con le farine in cui è presente il glutine. L’impasto è più liscio e fine ma ha la giusta consistenza per essere manipolato bene. Per realizzare questa ricetta ho voluto utilizzare il bimby mettendo alla prova sia la farina che il robot. L’impasto è riuscito benissimo, ho utilizzato la dose di liquido e di farina con la proporzione che utilizzo, facendo l’impasto di pane tradizionale con il bimby. Ho utilizzato prosciutto crudo, lievito di birra miele e acqua. Per tutti i prodotti che utilizzate in caso di intolleranze al glutine consultate sempre il prontuario degli alimenti che L’Associazione Italiana Celiachia (AIC) mette a disposizione di chiunque ne abbia bisogno e ricordate il marchio spiga barrata che deve essere presente sulle confezioni di prodotti senza glutine.
  • Tempo di preparazione: 10 minuti
  • Tempo di lievitazione: 60 minuti
  • Difficoltà: bassa

Leggi il seguito…..»

Cozze gratinate

Le cozze gratinate sono un antipasto ottimo e leggero, diffusissimo in tutto il Meridione d’Italia e sono preparate in varie versioni.Questa è  una versione molto diffusa in Sicilia e potete prepararla anche senz’aglio saranno comunque ottime.Le cozze o Mitili, sono dei molluschi composti da due valve uguali. In natura si trovano aggrappate agli scogli grazie ad un filamento proteico chiamato bisso, secreto dal mollusco stesso. I mari ricchi di cozze sono il Mediterraneo e l’Atlantico, ma in commercio , di solito, troviamo quelle allevate.Da un punto di vista nutrizionale, le cozze sono degli ottimi antiossidanti, ricche di proteine nobili e di vitamine C e B. Inoltre contengono diversi sali minerali come il potassio, sodio, fosforo e zinco che hanno proprietà stimolanti e digestive. Non sono da trascurare le proprietà di questo mollusco nei confronti del cuore. Il suo alto contenuto di potassio aiuta a controllare la pressione e la ritenzione idrica. (Fonte: Pazienti.it)LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.Ingredienti per 4 persone1 kg di cozze½ bicchiere di vino bianco1 spicchio d’aglio1 mazzetto di prezzemolo4 cucchiai di Parmigiano Reggiano grattugiato80 gr di pangrattatoPeperoncino rosso q.b.olio extravergine d’oliva q.b.Sale q.b.ProcedimentoLavate bene le cozze, eliminate quelle già aperte o con il guscio rotto, raschiate i gusci per eliminare le impurità e il bisso (la barbetta che fuoriesce dal guscio).Risciacquate beneLavate e sgrondate il prezzemolo e tritatelo insieme allo spicchio d’aglioIn una casseruola scaldate  3 cucchiai d’olio,  aggiungete le cozze, un po’ del trito di prezzemolo e aglio, il peperoncino, il vino  e fatele cuocere a fuoco vivace  finché saranno tutte aperte (5 minuti).Scolatele, gettate quelle che non si sono aperte e filtrate il liquido di cottura.Lasciatele raffreddare.Nel frattempo preparare il composto per la gratinatura.In una ciotola unite il pangrattato, il formaggio, il rimanente trito di prezzemolo e aglio e un pochino dell’acqua di cottura delle cozze.Prima di aggiungere il sale assaggiate sia le cozze che il liquido perché normalmente sono già sapide e non richiedono l’aggiunta di sale, diversamente aggiustate la sapidità.Amalgamate bene il tutto fino ad ottenere un composto morbido e cremoso, non acquoso, se è il caso aggiungete ancora un po’ di pangrattato.Staccate dalle cozze la parte di guscio senza il mollusco e gettatelo, disponete l’altra metà in una teglia e farcite con il preparato.Infornate in forno preriscaldato a 180°C per 15 minuti, passate poi alla funzione grill per 3 minuti.Le cozze dovranno rimanere morbide all’interno e croccanti fuori.Potete servirle sia calde che fredde accompagnate da un buon bicchiere di vino bianco.

Proudly powered by WordPress