Tag: crema

Dolce alla crema di mandorle e composta di amarene

Dolce alla crema di mandorle e composta di amarene


La composta di amarene bio che ho utilizzato per questa ricetta è
prodotta dall’Azienda Agricola
biologica Masseria Bosco delle Rose
di Lavello (Potenza).

La varietà usata è l’amarena a “pignul” che è un’antica cultivar di Lavello
in Basilicata e dei suoi dintorni: Melfi e Venosa.

Deve il suo nome al singolare portamento, stretto e chiuso all’apice come
una pigna.

Pianta che una volta non mancava in nessuna “vigna”, perché coi suoi frutti
si preparava quella che era la “regina delle marmellate”.

Non si mangiava con il pane come le altre confetture, ma si serviva come un
prezioso dessert o veniva usata come ingrediente raffinato per i dolci più
pregiati; oppure si riservava alle donne incinte o ai convalescenti per
“aggiustare” la bocca e lo stomaco.

Purtroppo col tempo la sua coltivazione è stata abbandonata perché non
adatta alla “moderna” agricoltura per l’agroindustria in quanto le piante sono
poco produttive, la raccolta è solo manuale e la trasformazione, se si vuole un
prodotto di qualità, non si può meccanizzare.

La signora Liliana Iacoviello titolare della Masseria Bosco delle Rose le
ha cercate nei vecchi poderi, nelle friches e nelle siepi residuali di vigne
scomparse, le ha chieste a chi ne aveva ancora qualcuna; le ha raccolte e
ospitate nel Frutteto Giardino e le ha fatte rinascere.

Un frutto abbandonato ma mai dimenticato che rende la composta così
speciale  con un bouquet ricco di note
fresche e selvatiche, un incanto per il palato.

A colazione o a fine pasto, da sola o per esaltare preparazioni semplici
con ricotta o fromaggi dolci, su creme o budini, con la panna cotta, su gelati
o yogurt.

Irresistibile riscaldata sui dolci caldi al cioccolato, squisita su
crostate con o senza crema e ingrediente raffinato per la “pizza di ricotta e
amarene” della tradizione di Lavello.

LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’
DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E
SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL
POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE
PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti per 4 persone:

250 d di pan di Spagna

600 ml di latte di mandorle zuccherato

30 g di farina (3 cucchiai pieni)

10 g di amido di mais (1 cucchiaio pieno)

30 ml di rum

Cacao amaro q.b.

Roselline di zucchero per decorare q.b.

Procedimento

Portate ad ebollizione 500 ml di latte di mandorle, versatene un pochino
lentamente sulla farina mescolando per inglobarla senza formare grumi, poi
unite il restante latte.

Rimettete sul fuoco e fate cuocere, sempre mescolando e a fuoco basso, per
5 minuti.

Amalgamate l’amido di mais  in 1
cucchiaio di latte di mandorle freddo e incorporatelo al composto caldo  e continuate la cottura per altri 5 minuti
sempre mescolando con un cucchiaio di legno (dovete ottenere una crema densa e
omogenea).

Versate i rimanenti 100 ml di latte di mandorle in un piatto fondo,
aggiungete il rum e amalgamate.

Mettete metà del pan di Spagna in un contenitore  e imbibitelo con il miscuglio di latte e rum.

Distribuite sopra metà della crema di mandorle.

Sovrapponete il rimanente pan di Spagna, imbibitelo con il miscuglio di
latte e rum.

Distribuite sopra il pan di Spagna la confettura di amarene e ricoprite con
la restante crema.

Coprite con la pellicola per alimenti e mettete in frigorifero a rassodare
per almeno 3 ore.

Togliete il dolce dal frigo, spolverizzate con il cacao a piacere.

Tagliatelo a quadrotti o a rombi, trasferito su singoli piattini, guarnite
con le rose di zucchero e servite.

Si ringrazia  l’ azienda  agricola per la fornitura degli
ingredienti per la realizzazione della ricetta.

Potage Parmentier

Benedetta Parodi ci propone questa sera la sua ricetta rivisitata per la preparazione del potage parmentier, la crema vellutata di porri e patate tipica francese.

Puntata I Menu di Benedetta: 6 novembre 2012 (Menu Appunti di Viaggio[1])
Tempo preparazione e cottura:  1 ora ca.

Ingredienti Potage Parmentier per 4 persone:

  • 1 porro
  • olio
  • 4 patate
  • brodo vegetale qb
  • basilico qb
  • 3-4 cucchiai di panna
  • 1 tuorlo
  • crostini di pane qb

Procedimento ricetta Potage Parmentier di Benedetta Parodi

  1. Affettare il porro e stufarlo con un po d’olio nel tegame.
  2. Aggiungere anche le patate sbucciate e tagliate a cubetti.
  3. Unire il brodo vegetale e cuocere per circa 45 minuti, poi frullare tutto col mixer ad immersione.
  4. Aggiungere basilico, panna e tuorlo.
  5. Impiattare e servire con crostini di pane.

References

  1. ^ Menu Appunti di Viaggio

Ricerche frequenti:

Il gelato furbo alla Nutella

Gelato furbo alla Nutella


Un dessert per la nostra estate: il gelato furbo alla Nutella

Gelato furbo alla Nutella

Tutti i golosi di Nutella, la famosa crema alle nocciole di Ferrero, non potranno fare a meno di preparare durante questa estate il gelato furbo alla Nutella. Scoprite i passaggi per farlo senza gelatiera!

Perché fare a casa il gelato furbo alla Nutella senza gelatiera

Sono tante le persone che, durante la bella stagione, si vogliono gustare un ottimo gelato senza per forza dover ricorrere all’acquisto dell’ultimo momento al supermercato. Purtroppo, molto spesso capita che i gelati in vendita al supermercato sono spesso pieni di ingredienti inutili, quindi non proprio sani, mentre che ciò che possiamo preparare noi a casa è sicuramente più semplice e meno “ricco” di ingredienti superflui. A tal proposito, abbiamo pensato alla veloce ricetta del gelato furbo alla Nutella: lo abbiamo definito così poiché non è assolutamente necessario acquistare una gelatiera e mettersi all’opera con chissà quali mosse. Per la preparazione di questo fantasioso gelato gusto Nutella, vi basterà semplicemente recuperare tre ingredienti che troviamo solitamente già nella dispensa di casa o che potrete acquistare facilmente dal negozio, dove fate la spesa!

La preparazione del gelato furbo alla Nutella senza gelatiera

Per la preparazione di questo gustoso gelato furbo alla Nutella, dovrete recuperare questi ingredienti:

  • 170 grammi di Nutella o crema alle nocciole
  • 250 millimetri di panna da montare
  • 170 grammi di latte condensato
  • 1 bicchierino di Rub (a vostro piacere, se solo per adulti)
  • Granella di nocciola o menta fresca

Per prima cosa, vi suggeriamo di prendere una scodella molto fredda nella quale dovrete montare la panna presa direttamente da frigorifero. Mi raccomando, la temperatura bassa favorisce il montaggio della panna! Nel frattempo, utilizzando un’altra scodella a bagnomaria, fate scaldare per 1 minuto circa la Nutella, così da poterla lavorare con maggiore facilità. Proseguite mettendo in una scodella il latte condensato con la crema di nocciole e due cucchiai di panna montate. Mescolate il tutto per bene con una spatola! A questo punto, aggiungete la parte restante di panna e se di vostro piacere anche il rum; dopodiché, siete pronti per mescolare dal basso verso l’alto il composto, così da far inglobare l’aria e non smontare la panna. Utilizzate uno stampo da plumcake per versare il composto ottenuto e coprite con la pellicola trasparete. Giunti a questa fase, lasciate riposare per almeno 3 ore il vostro composto in freezer. Levate qualche minuto prima di servire  il vostro gelato furbo alla Nutella: in questo modo, potrete creare delle palline con un cucchiaio bagnato e decorare con granella di nocciole o menta, secondo i vostri gusti.

Proudly powered by WordPress