Tag: ricette benedetta parodi

Risotto ai finferli e un lago di Garda spettacolare per un buon inizio

E’ da moltissimo tempo che non riesco a dedicarmi al mio piccolo blog.
Siamo già a settembre, un mese ricco di colori e profumi, l’autunno si avvicina e la natura diventa come la tavolozza del pittore ricca di infinite sfumature un risotto con i profumi del bosco è un piatto delizioso per festeggiare la nuova stagione che sta arrivando e con l’augurio che sia un buon inizio/rientro per tutti


Prima di un buon risotto ai finferli, uno scorcio dello splendido lago di Garda in una bellissima domenica di inizio settembre visto dal Corno di Nago
Finferli freschi o già cotti
350gr riso per risotti
sale e pepe
brodo vegetale
una noce di burro
una piccola cipolla
vino bianco
Pulire i finferli, tagliarli se sono grandi ma non a pezzi troppo piccoli è bello in un risotto poter distinguere il fungo. Farli cuocere per circa 15 minuti con un filo d’olio, uno spicchio d’aglio e una manciata di prezzemolo. Quando i nostri finferli saranno cotti, ma si possono usare anche dei funghi cotti avanzati, tagliare a cubetti una cipolla e metterla ad imbiondire con un filo d’olio nella pentola a pressione. Quando la cipolla sarà pronta aggiungere il riso e tostare leggermente quindi aggiungere i finferli, un po’ di vino bianco e far insaporire ed amalgamare il tutto per un paio di minuti.
A questo punto aggiungere al riso e ai funghi il brodo vegetale, quel tanto che basta fino a coprire il riso con un dito, mescolare e chiudere la pentola a pressione. Alzare la fiamma ed attendere il sibilo, dal sibilo calcolare 7 minuti di cottura. A cottura avvenuta sfiatare la pentola a pressione, quindi aprirla e mescolare bene il riso, aggiungere una noce di burro e del grana grattugiato e farlo mantecare. Aggiustare di sale e pepe a proprio gusto, servire ed assaporare i profumi dell’autunno.
Buon inizio di settembre a tutti

Mafalde in nero

Adoro questa pasta. Si prepara in un lampo ed e’ davvero sfiziosa. Lo scalogno con le uova di lompo  si sposa benissimo. E’ davvero una ricetta furbissima, da fare quando avete ospiti a cena e poco tempo: vi farà fare un figurone. E poi non solo è buona, ma è anche bella da vedere!

INGREDIENTI
250 gr di mafalde
Uova di lompo
1 scalogno
Olio
Acqua di cottura

Procedimento
Lessare la pasta. Tenere da parte un po’ di acqua di cottura. Intanto, tritare molto fine lo scalogno. Una volta pronta la pasta, scolarla e disporla in una terrina, quindi condirla con l’olio, lo scalogno e le uova di lompo. Mantecare bene il tutto, aggiungendo, se necessario, un po’ di acqua di cottura.

I bocconcini di sfoglia al pesto genovese

 

Dopo più di un mese di allontanamento dal mio blog rientro con tante nuove ricette e tanta voglia di riprendere a curare il mio amato blog.

Ho trascorso un’estate tranquilla godendomi un po’ di mare,di sole e continuando a cucinare per la mia famiglia.

Sono stata qualche giorno nella mia isoletta di Favignana ed una settimana nell’isola di Pantelleria dove ho trascorso delle bellissime serate ospite della dolce amica Rossella di “ Salsapariglia”.Abbiamo cucinato a quattro mani (a dire il vero anche di più) mangiando con gusto e con allegria. Nel prossimo post vi farò vedere una foto di me e Rossella…..

Ingredienti:

un rotolo di pasta sfoglia

alcuni cucchiaini di pesto alla genovese( ricetta qui )

alcuni pomodorini

parmigiano reggiano grattugiato

pistacchi tritati grossolanamente

fiocchi di sale di Cipro ( naturale) Falksalt

pepe macinato fresco

 

Disporre la pasta sfoglia già stesa in teglia su carta forno.

Coprire la sfoglia con un velo di pesto alla genovese ( comprato o meglio ancora se preparato in casa).

Porre sopra il pesto dei pomodorini tagliati a metà.

Condire con pizzichi di parmigiano reggiano grattugiato,pepe e dei pistacchi tritati grossolanamente.

Sconsiglio di mettere olio perchè già presente nel pesto.

Fare dei tagli,con un tagliapizza,in orizzontale ed in verticale creando tanti rettangolini.

Infornare a 200° fino a cottura.

Servire con sopra dei fiocchi di sale di Cipro.

 

ciotola Cartaffini

piatto Cartaffini

 

 

Proudly powered by WordPress