Tag: grande

Gustare e comprare ostriche: consigli utili

Ricettepercucinare.com


comprare ostriche - ostriche Longino - Ricettepercucinare.com

Comprare ostriche: come si fa? Quanto ne sappiamo? Le ostriche sono un piccolo lusso che a volte ci piace concederci volentieri. D’altronde, la buona tavola rientra tra i piaceri della vita! Al pari di altre delizie, come per esempio i percebes galiziani, il pata negra spagnolo, la famosa carne di Kobe giapponese, anche le ostriche sono una vera e propria coccola alla quale abbandonarsi di tanto in tanto. Ma sappiamo riconoscere le ostriche fresche? E sappiamo comprare ostriche? Rispondiamo assieme a qualche quesito sul tema. 

Impariamo a conoscere e a comprare ostriche fresche

Cominciamo dicendo che esistono due tipologie di ostriche: piatte oppure concave. Questa distinzione la notate subito, osservando semplicemente la forma del guscio. Non occorre essere esperti o adetti ai lavori per capire se l’ostrica è concava oppure piatta! Solitamente le ostriche piatte provengono dalla Bretagna, mentre quelle concave sono più comuni e provengono da zone differenti. Quelle piatte sono più pregiate e meno facili da trovare. Ma anche tra le concave trovate davvero dei prodotti di grande pregio.

A proposito di Bretagna, dovete sapere che i bacini acquei dove si allevano ostriche sono definiti Grand Cru. Sono luoghi unici nel loro genere, dove micrcoclima e qualità delle acque rendono davvero speciale il sapore delle ostriche.

Tra i grand cru più famosi al mondo, citiamo:

  • Belon e Cancale per quanto riguarda le ostriche piatte (in Bretagna)
  • Marennes et Oléron e Thau per le concave (sempre il Francia

 

Ostriche concave o piatte?

Che siano concave oppure piatte, le ostriche devono essere tondeggianti. L’affinamento delle ostriche è infatti un momento delicatissimo della produzione delle ostriche. In questa fase, le ostriche vanno tenute a debita distanza le une dalle altre. Se vengono lasciate crescere tutte attaccate, si allungheranno a dismisura, ma il frutto interno sarà piccolo o addirittura mancante. Al contrario, l’ostrica ha bisogno del giusto spazio per allargarsi comodamente e diventare tondeggiante. A quel punto il frutto al suo interno sarà ben tondeggiante e carnoso.

Il calibro delle ostriche

Gli addetti ai lavori ed esperti in fatto di ostriche si riferiscono poi al calibro dell’ostrica. Il calibro è il peso. E’ un po’ quello che accade per le uova, se vogliamo fare un paragone semplicistico. Le uova si dividono in categorie differenti a seconda delle dimensioni. Per le ostriche accade lo stesso: c’è una scala che va da 00 a 5 (dalle più grandi alle più piccole), per indicare la categoria, o meglio il calibro.

Se dovete comprare ostriche, sappiate che il calibro 3 è il più comune, il 2 è un calibro di grande pregio, mentre i calibri 1, 0 e 00 sono davvero merce rara, oltre che molto costosa!

comprare ostriche - ostriche Longino - Ricettepercucinare.com

Le ostriche si pagano al pezzo

Un altro parametro importante da conoscere per comprare ostriche è il cosiddetto indice di riempimento. L’indice di riempimento è un valore che si ottiene facendo un calcolo matematico. In soldoni, ci dà la misura di quanto il frutto sia carnoso o meno. Le ostriche poco carnose sono definite “fines” dal mercato. Quelle molto carnose si chiamano “speciales”.

Vi diamo un’idea generica di prezzo: l’ostrica “fine” costerà circa 3.5 euro, mentre le pregiate volano anche oltre i 6 euro al pezzo.

Comprare ostriche: come scegliere le migliori

Pe scegliere le migliori ostriche da acquistare dal pescivendolo, dovete fare attenzione ad alcuni fattori:

  • devono essere ben chiuse e sigillate
  • devono essere pesanti (quindi al loro interno c’è acqua)
  • se le percuotete sentite una vibrazione
  • la conchiglia deve essere anche ben pulita, senza impurità

Se invece il vostro obiettivo è comprare ostriche online, sappiate che oggigiorno vi sono alcuni siti e marketplace di nicchia che si propongono di vendere ostriche online, ma anche altri cibi di pregio tra i più famosi al mondo, come quelli citati in apertura. Ostriche Longino per esempio è a vostra disposizione con un sito particolarmente trasparente ed altamente descrittivo. Potrete dunque fare tesoro dei consigli che vi abbiamo dato in questo breve articolo, e scegliere le vostre ostriche preferite osservando se sono piatte o concave, il loro calibro ed il loro prezzo. Potrete anche acquistare un comodissimo ed elegante apri-ostriche, strumento indispensabile per gli amanti di questo prelibatissimo frutto di mare!

 



Guida alle torte di compleanno

Guida alle torte di compleanno


torte di compleanno - Ricettepercucinare.com

Il mondo delle torte di compleanno è molto vasto e come potete immaginare spazia dalle torte di compleanno fatte in casa a quelle di pasticceria. La scelta può dipendere dai gusti personali, dal tipo di festa di compleanno che si desidera fare. C’è chi preferisce una piccola torta simbolica in quanto non festeggia se non in casa e in famiglia, chi invece ama festeggiare con molti amici e parenti attorno e pertanto intende optare per una torta più importante. Bella, buona e coreografica. Comunque sia, dalla bontà non si prescinde mai. Vediamo allora di rispondere a qualche domanda sul tema delle torte di compleanno. 

Come scegliere una torta di compleanno?

La torta di compleanno è una scelta del tutto personale. Il giorno del compleanno va vissuto come meglio si crede, ove possibile. C’è addirittura qualcuno che si prende un giorno di ferie nel giorno del suo compleanno! E qualcuno che organizza il da farsi per quel giorno con un certo anticipo, pianificando il menu e ovviamente la torta o le torte di compleanno per dar vita ad un vero e proprio buffet. Se la domanda è “come scegliere una torta di compleanno”, tenete conto di diversi fattori:

  • in quanti sarete al momento del taglio della torta o quante persone verranno a farvi visita
  • se ci saranno bambini
  • i vostri gusti personali

In generale, se la torta di compleanno è una solamente, fate di testa vostra e preparate o acquistate la vostra preferita. Se invece intendete allestire un buffet di compleanno, tenete conto dei fattori sopracitati e fate in modo che vi siano diverse torte di compleanno: almeno una torta di frutta, una al cioccolato e magari un dolce al cucchiaio. Su quella più bella o maggiormente di vostro gusto, andrete ovviamente a collocare una candelina simbolica. O, se siete giovani, tutte le candeline del caso!

Come decorare una torta di compleanno fatta in casa?

Se avete deciso di cimentarvi nella preparazione di una torta di compleanno fatta in casa, dovrete anche decorarla in modo che faccia la sua figura. Ma evidentemente non tutti siamo pasticceri. Dunque vediamo come decorare una torta di compleanno in maniera fai da te. Se vi recate presso un negozio di articoli per la casa e per la cucina, troverete dei bellissimi oggetti per decorare le torte con fantasia. Tra questi, citiamo le sac à poche usa e getta, ma anche gli stencil, e poi tanti fiorellini di zucchero, perline e codette che potete usare per dare colore alla torta.

E come decorare torte di compleanno in modo semplice?

Le torte di compleanno si possono decorare in modo molto semplice anche non avendo grande esperienza in pasticceria. Riassumiamo dunque le modalità di decorazione per torte di compleanno semplici:

  • con frutta fresca a dadini
  • con sole fragole o solo frutti rossi
  • con una colata di caramello
  • con delle piccole meringhe, magari acquistate già pronte
  • con dei fiori eduli
  • con scagliette di cioccolato

Infine, quali sono le torte classiche?

Ora che abbiamo visto come organizzare un eventuale buffet di compleanno e come decorare torte di compleanno in modo semplice, ripetiamo velocemente quali sono le torte classiche che possiamo convertire facilmente in torta di compleanno.

  • crostata di frutta
  • torta sacher
  • torta foresta nera
  • un classico pan di spagna, da farcire con crema chantilly e pezzettini di frutta oppure gocce di cioccolato
  • una cheesecake

A presto per nuove domande e risposte sul tema delle torte di compleanno.

 



Sughi veloci per gnocchi, idee

Ricettepercucinare.com


sughi veloci per gnocchi - Ricettepercucinare.com

Preparare gli gnocchi è facile e divertente: un bel chilo di patate, un terzo di farina, un pizzico di sale e, se gradito, un uovo. E’ un passatempo divertente per la domenica mattina ed è l’ideale per coinvolgere anche i bambini. Se non vi va di cimentarvi, o se non è domenica, sono moltissimi i negozietti di pasta fresca fatta in casa dove potete anche acquistare degli ottimi gnocchi già pronti. Se cerchi sughi veloci per gnocchi, idee nuove e diverse dal solito perchè gli gnocchi ti piacciono tanto ma vorresti condirli con fantasia, ti diamo noi qualche spunto. 

I sughi veloci per gnocchi che andiamo or ora a proporre sono diversi dal solito. Diamo per scontato che i classici sughi per gnocchi siano già noti a tutti. Ci riferiamo ovviamente al sugo di pomodoro e al sugo al ragù. Un altro sugo o condimento per gnocchi abbastanza comune in alcune regioni italiane per condire gli gnocchi è quello a base di fegatini. Ma passiamo oltre e lasciamo spazio alla fantasia.

1 – Gnocchi alla sorrentina

Un altro grande classico in fatto di sughi per gnocchi sono gli gnocchi alla sorrentina. Preparate un sugo fresco di pomodoro, aggiungete del buon Parmigiano e completate con mozzarella filante.

2 – Gnocchi ai quattro formaggi

Per preparare gli gnocchi ai quattro formaggi potete anche attingere a ciò che avete nel frigorifero. Capita sovente che nel frigo si accumulino piccoli avanzi di formaggi misti più o meno dimenticati. Recuperateli, privateli delle croste, riduceteli a dadini piccoli e metteteli in padella. Aggiungete un filo di latte e accendete la fiamma bassa. Ne otterrete una bella cremina con la quale potete condire velocemente i vostri gnocchi di patate. Una ricetta svuotafrigo davvero intelligente che, se volete, potete rendere gourmet con una grattugiata di tartufo.

3 – Gnocchi al ragu di salsiccia

Un’alternativa al classico ragu alla bolognese per condire gli gnocchi di patate è il ragu di salsiccia. Anche questo è uno dei sughi veloci per gnocchi che a noi piace tanto. Acquistate la salsiccia, sgranatela, saltatela su un soffritto di cipolla e carota, aggiungete qualche pelato o un pò di passata di pomodoro e portate a cottura.

4 – Sughi veloci per gnocchi con i funghi: gli gnocchi alla boscaiola

Tra i sughi veloci per gnocchi menzioniamo poi un grande classico autunnale, gli gnocchi alla boscaiola. Procuratevi degli ottimi funghi misti freschi, se possibile anche qualche porcino. Mondateli, tagliateli a listarelle e saltateli su una base di aglio e prezzemolo. Aggiungete un pò di panna e saltatevi gli gnocchi. Completate con un cucchiaino di grana padano.

5 – Gnocchi al salmone fresco e zucchine

Completiamo la carrellata dei sughi veloci quello con salmone fresco e salmone. Acquistate una fetta bella spessa di gnocchi al salmone. Fatele prendere calore in padella e poi con un mestolo di legno sfaldate tutto il salmone per bene. Grattugiate tre zucchine grosse con una grattugia a fori grossi. Saltate tutto insieme per bene, salate, aggiungete la scorza di mezzo limone e un po’ del suo succo. Ed ecco l’ultimo golosissimo condimento per gnocchi veloce veloce.



Proudly powered by WordPress