Tag: fare

A Mr. Pan di Spagna non mettetegli fretta!

Lo so, sicuramente è un argomento trattato e ritrattato in giro per la rete, ma visto che in tante mi scrivete chiedendomi consigli e su “come si fa un bel pan di Spagna come il tuo”  (?!?!?) oggi ho pensato di scriverci un post.
Spero vi sia utile, di fugarvi ogni dubbio, di soddisfare tutte le vostre curiosità e di dare una risposta a tutte le vostre domande, ciò non toglie che potete comunque scrivermi per qualsiasi dubbio o chiarimento 😉

Buona lettura, intanto vado a godermi un po’ la mia piscina :)))
Felice giornata.

Alla prossima :))

E’ una delle primissime cose che ho imparato tempi addietro e che non dimentico mai: quando devi fare il Pan di Spagna non andar di fretta!

Diciamo che in quasi tutte le preparazioni dolci il tempo gioca il suo ruolo: difficilmente si trovano ricette “sbatti e via“!

L’argomento Pan di Spagna è già stato trattato tante volte su tanti blog, siti e forum.

Per molti prepararlo è un vero e proprio terno al lotto, ho amiche che spessissimo mi chiedo di far loro solo il Pan di Spagna perchè “non mi riesce mai bene” e di finire poi con farcitura e decorazioni per conto loro.

Io non l’ho mai considerato una “bestia nera” e credo che a mio favore ha giocato SEMPRE il fattore “tempo” oltre che la qualità degli ingredienti.

Partiamo proprio da questi ultimi: gli ingredienti.

Le dosi
Per ogni uovo: 40gr di zucchero e 40gr di farina ma arrivo anche a metterne 50gr.
Solitamente uso il lievito nel pan di Spagna perché almeno così vado sul sicuro e non butto tutto nella pattumiera, quindi:
al di sotto delle 6 uova (quindi 240gr di farina) uso mezza bustina di lievito, dalle 7 in poi ne metto una intera (fino a 500 gr di farina).

La farina
Uso quella “0” o “00” indifferentemente, sempre setacciata insieme al lievito.
L’aggiungo a mano, con una spatola o con una frusta, poca per volta, con movimento lento dal basso verso l’alto per far incorporare aria.
Mai mettere altra farina se prima non è stata assorbita la precedente.

Le uova
Le uova sono importantissime per questo tipo di preparazione, devono essere sempre fresche (io le prendo da mia mamma e se avete possibilità di prenderle dal contadino belle fresche è la miglior cosa), tirate dal frigo almeno 20-30 minuti prima di utilizzarle (anche se, qualche volta per la fretta, l’ho fatto con le uova appena prese dal frigo e mi è venuto bene uguale, quindi, secondo me, non credo sia indispensabile come punto), se avete fretta e poco tempo potete anche fare così: metterle per una decina di minuti in una ciotola con dell’acqua tiepida oppure una volta aperte scaldarle nel micro per pochissimi secondi a bassa temperatura (ma non lo consiglio).

I tempi
Personalmente non impiego mai meno di tre quarti d’ora per fare un Pan di Spagna (sarà per questo che lo faccio sempre di sabato pomeriggio quando è a casa mio marito che mi tiene la pesti?!?).
Prima di tutto sbatto le uova intere insieme allo zucchero per 15-20 minuti (non di meno).
Unire la farina settacciata insieme al lievito amalgamando con una frusta o una spatola (o cucchiaio di legno) a mano con un movimento dal basso verso l’altro e cercando di non far smontare il composto oppure potete usare direttamente le mani nude!
Io uso il primo sistema: setaccio sulla massa piccole quantità di farina per volta che amalgamo alle uova con un movimento lento, dal basso verso l’alto, e senza lavorarlo troppo, giusto il tempo che la farina “sparisca” dalla superficie, solo allora ne setaccio altra e così via fino ad esaurimento degli ingredienti.

Qualche volta ho usato anche un altro metodo: con lo sbattitore elettrico.
Abbasso la velocità delle fruste a 1 e comincio a setacciare la farino col lievito, non amalgamo a lungo, ma giusto il tempo che la farina “sparisca” dalla superficie della massa.
Fermo le fruste e setaccio dinuovo e così via fino a finire gli ingredienti.
Ma è un sistema che vi consiglio di usare raramente anche perché non posso garantirvi al 100% il risultato, io l’ho fatto e mi è riuscito lo stesso il pan di Spagna e ho comunque voluto condividerlo con voi.

Sbattere a lungo le uova con lo zucchero vi permetterà di ottenere una massa soda e che non si sgonfierà al momento dell’aggiunta della farina (il momento critico e che fa “crollare” il pan di Spagna prima della cottura).

La teglia
Sempre imburrata e infarina abbondantemente, possibilmente antiaderente, assolutamente non di vetro (io non mi ci trovo bene).
Per sformare perfettamente il pan di Spagna ed evitare quell’odioso effetto “vulcano” al centro, ho sperimentato un sistema (consigliato anche su cookaround mi pare): prima di iniziare la lavorazione imburrare e infarinare la teglia e tenerla in frigo fino al momento di versarci l’impasto e infornare subito in forno già caldo (acceso con debito anticipo).

6 uova = teglia diametro 24-26
9/10 uova = teglia diametro 30/32 oppure 25×35
12 uova = teglia monouso in alluminio (Cuki) da 12 porzioni

Il forno
Statico!
Acceso in abbondante anticipo e, soprattutto, solo la parte inferiore.
La temperatura è (come quasi sempre per i dolci) di 180°C.
I tempi di cottura vanno dai 35-40 minuti per pan di Spagna piccolini (teglie del diametro che vanno da 20 cm a 30 cm) ai 45-50 per quelli un po’ più grandi.
Non aprire mai il forno prima di 30 minuti, rischiereste lo sgonfiamento della preparazione.
Mia nonna prima e mia mamma dopo quando ero piccola mi hanno insegnato un trucchetto che tengo sempre presente: il dolce è pronto quando, guardando attraverso il vetro del forno (quindi senza aprirlo) si è staccato dalla teglia (e mai prima dei 30 minuti)!

Questi sono dei piccoli appunti in base alla mia esperienza col pan di Spagna e che ho voluto condividere con voi.

Per un esempio pratico trovate il mio pan di Spagna con le foto passo passo qui.
Qui ho usato il sistema dello sbattitore e non quello a mano (ma non vi garantisco il risultato, a vostro rischio e pericolo :))) ).

Torta di ricotta FAQ | Ricettepercucinare.com

torta di ricotta nutella che non affonda - Ricettepercucinare.com


torta di ricotta nutella che non affonda - Ricettepercucinare.com

La torta di ricotta è una prelibatezza culinaria che affonda le sue radici nella tradizione gastronomica italiana. Caratterizzata da un impasto morbido arricchito dalla cremosità della ricotta, questa delizia dolce ha conquistato il palato di numerosi appassionati di dolci in tutto il mondo. La sua versatilità si riflette nella varietà di ricette e varianti regionali che ne esaltano il gusto e la consistenza. La ricotta, ingrediente principale di questa torta, conferisce non solo una consistenza soffice e leggera, ma anche un sapore delicato e avvolgente. La torta di ricotta può essere gustata da sola, arricchita con frutta fresca, candita o frutta secca, oppure accompagnata da una leggera spolverata di zucchero a velo. La sua storia è intrisa di tradizione e cultura culinaria, rappresentando un simbolo di convivialità e piacere gastronomico che si tramanda di generazione in generazione. In questa introduzione, esploreremo le origini, le caratteristiche e le diverse interpretazioni di questo classico della pasticceria italiana.

Torta di Ricotta: risposte alle domande più frequenti

La torta di ricotta è una prelibatezza culinaria amata da molti, ma spesso suscita domande e curiosità riguardo alla sua preparazione, alle varianti regionali e alle caratteristiche nutrizionali. In questo articolo, esploreremo le risposte alle domande più frequenti sulla torta di ricotta, guidandovi attraverso un viaggio gustoso e informativo nel mondo di questa delizia dolce.

Quali sono gli ingredienti principali per fare una torta di ricotta?

Gli ingredienti fondamentali per preparare una torta di ricotta classica includono la ricotta fresca, uova, zucchero, farina, burro e aromi come la vaniglia o la scorza di limone. Tuttavia, a seconda delle ricette e delle preferenze personali, possono essere aggiunti ingredienti aggiuntivi come frutta fresca, frutta secca o cioccolato per arricchire il sapore e la consistenza della torta.

Qual è l’origine della torta di ricotta?

Le origini esatte della torta di ricotta sono difficili da tracciare con precisione, ma è ampiamente accettato che abbia radici nella tradizione culinaria italiana. La ricotta stessa è un ingrediente molto utilizzato nella cucina italiana, e la torta di ricotta è diventata un classico della pasticceria regionale, con varianti che variano da regione a regione.

Quali sono le varianti regionali della torta alla ricotta?

In Italia, ogni regione ha la propria versione della torta di ricotta, ognuna con le sue caratteristiche uniche. Ad esempio, la Sicilia è famosa per la “Cassata Siciliana”, una torta di ricotta riccamente decorata e arricchita con frutta candita e glassa. Altre regioni come la Campania e la Puglia hanno le loro versioni della torta, alcune più semplici e altre più elaborate.

La torta con ricotta è adatta a persone con intolleranza al lattosio?

La ricotta è un formaggio a basso contenuto di lattosio e molte persone con intolleranza al lattosio possono tollerarlo senza problemi. Tuttavia, la tolleranza individuale può variare e alcune persone potrebbero dover limitare o evitare la ricotta o sostituirla con alternative senza lattosio.

Qual è il contenuto nutrizionale della torta di ricotta?

La torta di ricotta può essere una scelta relativamente leggera se preparata con moderazione di zucchero e burro. La ricotta stessa è una buona fonte di proteine e calcio, ma la torta di ricotta può essere ricca di calorie e grassi se gli ingredienti come lo zucchero e il burro vengono utilizzati in eccesso.

Posso conservare la torta di ricotta in frigorifero?

Sì, la torta di ricotta può essere conservata in frigorifero per alcuni giorni, coperta con pellicola trasparente o conservata in un contenitore ermetico. Tuttavia, è consigliabile consumarla entro pochi giorni per garantire la freschezza e la qualità del sapore.

In conclusione, la torta di ricotta è un dessert versatile e delizioso che ha conquistato il cuore di molti amanti della pasticceria. Con le giuste informazioni e qualche trucco in cucina, è possibile preparare e gustare questa prelibatezza in molte forme e varianti. Che si tratti di una versione classica o di una reinterpretazione creativa, la torta di ricotta rimane un piacere culinario da non perdere.



La Prova del Cuoco, torna Antonella Clerici

antonella clerici - My Italian Recipes


antonella clerici - My Italian Recipes

Come tutti sanno, Antonella Clerici è la Prova del Cuoco. Possiamo affermarlo senza timore di sbagliare, nè di far torto alla bravissima Elisa Isoardi. Perchè, salvo poche parentesi, il celebre programma culinario va in onda da ben 20 anni. E da 20 anni ha visto al timone proprio Antonella. La quale, a quando parte, si sta preparando a fare ritorno sulla scena, a partire dal mese di settembre. 

Se la Prova del Cuoco è diventato un format di grande successo, in fondo, lo si deve proprio alla presenza della conduttrice che in qualche modo ha dato i natali al programma. Antonella ha saputo identificare ed incarnare perfettamente la trasmissione, diventandone la protagonista e l’anima assoluta. Nei brevi periodi durante i quali è stata sostituita, principalmente da Elisa Isoardi, il programma è sempre stato piacevole ma i telespettatori più affezionati hanno sentito che, in qualche modo, era stato snaturato e ne mancava una parte importante.

Antonella Clerici torna a settembre protagonista a La Prova del Cuoco e non solo

Dopo la rottura con la Rai, non era chiaro quale potesse essere il futuro professionale di Antonella. Ma la brava ed intelligente Antonella è riuscita a tornare alla ribalta, e da settembre ci sarà un ritorno in grande stile sulla scena, con la Prova del Cuoco, che finalmente tornerà a condurre, e forse anche un altro programma in prima serata. Possiamo affermare senza esitazione che la Prova del Cuoco ritroverà il suo sprint e la sua verve, insomma. Davvero non ne abbiamo dubbi.

E la Isoardi cosa farà?

Alla simpatica Elisa Isoardi sarà forse proposta una co conduzione di Uno Mattina o altro programma in fascia mattutina. I suoi fan non rimarranno delusi insomma, dovranno solamente sintonizzarsi in tv in una fascia oraria differente. Certo, ci mancheranno le sue gag con Claudio Lippi, ma ci penserà Antonella a dar vita ad altri esilaranti siparietti, arte nella quale sappiamo è maestra.

E per quanto riguarda la rimessa in onda della Prova del Cuoco dopo l’emergenza Covid?

Come tutti sapete, La Prova del Cuoco è stata sospesa per l’emergenza Covid l’11 marzo 2020. Il programma tornerà in onda il giorno 18 maggio, e finalmente potremo riprendere a cucinare insieme ai protagonisti che in questi 20 anni ci hanno tenuto tanta compagnia. Sicuramente, alcuni chef saranno in collegamento dalle loro regioni. Chi invece potrà raggiungere lo studio, ci sarà.

Non ci resta che aspettare il 18 maggio per la ripresa della Prova del Cuoco, e settembre per rivedere Antonella Clerici di nuovo dietro i suoi amati fornelli.

Proudly powered by WordPress