Tag: carta

Strudel di mele FAQ | Ricettepercucinare.com

strudel di mele velocissimo- Ricettepercucinare.com


strudel di mele velocissimo- Ricettepercucinare.com

Il gustoso viaggio nello strudel di mele: risposte alle domande più frequenti

Introduzione:

Lo strudel di mele è una delizia culinaria che ha radici antiche e una popolarità che si estende ben oltre i confini delle Alpi. Originario dell’area austro-ungarica, questo dessert ha conquistato il cuore e il palato di molti, diventando un piatto amato in tutto il mondo. Ma dietro ogni fetta fragrante di questo dolce c’è una storia da raccontare, così come molte domande che possono sorgere su di esso.

Dove fanno lo strudel di mele?

Lo strudel di mele viene preparato principalmente nelle regioni alpine dell’Austria, della Germania, dell’Alto Adige in Italia e dell’Ungheria. Tuttavia, è diventato un piatto diffuso in molti paesi europei e viene preparato in molte cucine casalinghe e pasticcerie in tutto il mondo.

Quali sono le mele più adatte per fare lo strudel?

Le mele più adatte per fare lo strudel sono quelle con una consistenza soda e un gusto leggermente acidulo, come le mele Granny Smith, Fuji o Jonathan. Queste varietà mantengono la loro forma durante la cottura e offrono un equilibrio perfetto tra dolcezza e acidità al ripieno dello strudel.

Come si accompagna lo strudel di mele?

Lo strudel di mele si accompagna tradizionalmente con panna montata o gelato alla vaniglia, che aggiungono una cremosità deliziosa e contrastano bene con la dolcezza e la consistenza morbida del dessert. Alcune persone preferiscono anche servirlo con una spolverata di zucchero a velo o una salsa alla vaniglia.

Di dove è originario lo strudel?

Prodotti correlati Shop Laterradipuglia

Lo strudel ha le sue radici nella cucina dell’Impero asburgico, che comprendeva territori dell’attuale Austria, Ungheria, Repubblica Ceca e altri paesi dell’Europa centrale. Tuttavia, la sua forma moderna e la sua popolarità sono principalmente associate all’Austria e alle regioni circostanti.

Quante calorie ha un pezzo di strudel?

Le calorie in uno strudel di mele possono variare a seconda degli ingredienti e delle dimensioni della porzione. Tuttavia, in media, un pezzo di strudel di mele di dimensioni standard (circa 100 grammi) può contenere circa 250-300 calorie. Questo valore può variare leggermente in base agli ingredienti e al metodo di preparazione.

Come riscaldare lo strudel di mele?

Lo strudel di mele può essere riscaldato nel forno preriscaldato a 180°C per circa 10-15 minuti o fino a quando non è riscaldato uniformemente. In alternativa, può essere riscaldato in microonde per circa 1-2 minuti a potenza media. Assicurarsi di coprirlo con un foglio di alluminio per evitare che si secchi troppo durante il riscaldamento.

Quanto dura il dolce in frigo?

Lo strudel di mele può essere conservato in frigorifero per circa 3-4 giorni se conservato correttamente in un contenitore ermetico. Tuttavia, è meglio consumarlo entro 1-2 giorni per garantire la freschezza e la qualità ottimali del sapore.

Quanto si conserva?

Lo strudel di mele può essere conservato a temperatura ambiente per un massimo di 2 giorni, avvolto in carta stagnola o conservato in un contenitore ermetico. Per conservarlo più a lungo, è consigliabile riporlo in frigorifero o congelarlo.

Quanto costa lo strudel?

Il costo dello strudel di mele può variare a seconda della dimensione, della qualità degli ingredienti e del luogo dove viene acquistato. In genere, in una pasticceria o in un caffè, il prezzo di una fetta di strudel di mele può variare da circa 2 a 5 euro.

Quanto pesa una fetta di strudel di mele?

Il peso di una fetta di strudel di mele dipende dalle dimensioni del taglio e dalla consistenza del dolce. In media, una fetta di strudel di mele di dimensioni standard può pesare circa 100-150 grammi.

Quando è nato lo strudel di mele?

Le origini precise dello strudel di mele non sono note con precisione, ma si ritiene che abbia origini antiche risalenti al periodo dell’Impero asburgico, intorno al 17° secolo. Tuttavia, la sua forma moderna e la sua popolarità sono emerse principalmente nel XIX secolo, quando è diventato un piatto distintivo della cucina austriaca e ungherese.



Patate al forno 4 errori da non fare

Patate al forno 4 errori da non fare


patate al forno - My Italian Recipes

Le patate al forno sono uno di quei piatti che non ha bisogno di domande nè di particolari presentazioni. Piacciono e basta. A tutti, da nord a sud, di qualunque età. Eppure, a volte ci è capitato di mangiarle più buone del solito, in qualche ristorante o gastronomia…mentre a noi sembra sempre che manchi qualcosa. E allora, ecco quattro errori da non fare quando si preparano le patate al forno. 

1 – Sbagliare patate

Ebbene sì, ci sono patate e patate. Ogni patata ha il suo uso e spesso sui sacchetti quest’uso è anche indicato, ma non sempre. Per “riassumere” sommariamente, dovete sapere che esistono le patate a pasta gialla, più grandi e spesso vendute in sacchetti a rete, le patate novelle, piccoline, e le patate rosse. Per fare le patate al forno vi sconsigliamo di usare le patate rosse, ma al contrario vi consigliamo di prediligere le patate a pasta gialla. Vanno bene quelle grandi e anche quelle novelle. Nel caso di quelle novelle, potete anche lasciare la buccia, più sottile e commestibile.

2 – Non metterle a bagno

L’errore numero due che potete commettere quando preparate le vostre patate al forno è quello di non mettere a bagno le patate. Il che significa lavarle, sbucciarle (a meno che non siano patate novelle), tagliarle a pezzi e metterle un quarto d’ora almeno in acqua fredda. In questo modo le patate rilasceranno gran parte dei loro amidi e saranno maggiormente predisposte a diventare irresistibilmente croccanti. Dopo averle sciacquate, scolatele benissimo dell’acqua in eccesso e disponetele su un canovaccio bene aperte. Tamponatele con carta assorbente ed asciugatele.

3 – Non ungerle a dovere

Le patate vanno unte ma non devono “nuotare” nell’olio. Per cuocerle, disponetele su carta forno, irroratele con un filo d’olio, salatele, aggiungete gli aromi che gradite (aglio, rosmarino, salvia, quello che vi piace) e poi, con le mani, rimestatele in modo che siano tutte ben unte su tutta la loro superficie. Questo metodo vi consentirà di avere tutte le patate ben unte senza usare litri d’olio.

4 – Farne troppe!

Anche sulle quantità vi dovrete regolare e, se davvero volete fare tante patate, dovrete considerare di usare due leccarde o teglie da forno. Perché vi diciamo questo? Perchè le patate non devono essere ammassate, ma tutte ben distese e ben aperte. Se le ammassate, finirete per lessarle.

 

Pomodori gialli al farro-

Ingredienti per 3 persone:
10 pomodori gialli
200 gr di farro Melandri Gaudenzio
3 cucchiai di pane grattugiato
3 cucchiai di parmigiano grattugiato
2 cucchiai di pesto
1 uovo
olio evo qb Dante
Procedimento:
Lessate il farro e nel frattempo lavate e tagliate a metà i pomodori, svuotateli dai semi e poneteli in una teglia da forno ricoperta di carta forno.
Scolate il farro passatelo sotto il getto dell’acqua fredda e conditelo con il pesto il formaggio grattugiato, l’uovo e il pane.
Riempite i pomodori aggiungete un filo di olio e cuocete per 40 minuti a 170 gradi, attivando la ventola gli ultimi 10 minuti.

Proudly powered by WordPress