Tag: fresco

Risotto con pesce spada e zucchine FAQ

risotto di pesce spada e zucchine FAQ - RicetteperCucinare.com


risotto di pesce spada e zucchine FAQ - RicetteperCucinare.com

Il perfetto risotto con pesce spada e zucchine: risposte alle domande più frequenti

Il risotto è un piatto classico della cucina italiana, noto per la sua cremosità e versatilità. Tra le innumerevoli varianti, una delle più deliziose è il risotto con pesce spada e zucchine. Questa combinazione unisce sapori freschi del mare con la dolcezza delle zucchine, creando un piatto equilibrato e pieno di gusto. Per aiutarti a preparare un risotto perfetto con pesce spada e zucchine, abbiamo raccolto alcune delle domande più frequenti e le relative risposte.

Come preparare il risotto base?

Per preparare un risotto base, hai bisogno di riso arborio o carnaroli, brodo di verdure o di pollo, cipolla, burro, vino bianco secco e formaggio grattugiato come parmigiano reggiano. Inizia facendo soffriggere la cipolla tritata finemente nel burro fino a renderla traslucida. Aggiungi il riso e fallo tostare leggermente per alcuni minuti. Sfuma con il vino bianco e, una volta evaporato, aggiungi gradualmente il brodo caldo, mescolando costantemente fino a che il riso non sia cotto al dente e la consistenza sia cremosa.

Come preparare il pesce spada per il risotto?

Per preparare il pesce spada per il risotto, taglialo a dadini o a strisce. Puoi marinare il pesce spada con olio d’oliva, succo di limone, aglio e prezzemolo per aggiungere sapore. Successivamente, puoi saltare il pesce spada in padella per pochi minuti fino a quando diventa tenero e leggermente dorato.

Come preparare le zucchine per il risotto?

Prodotti correlati Shop Laterradipuglia

Per preparare le zucchine per il risotto, lava e taglia le zucchine a cubetti o a fette sottili, a seconda delle tue preferenze. Puoi saltare le zucchine in padella con un po’ di olio d’oliva e aglio finché non diventano tenere ma ancora croccanti. Assicurati di non farle cuocere troppo, altrimenti diventeranno molli e perderanno la loro consistenza.

Quale formaggio è migliore per il risotto con pesce spada e zucchine?

Il formaggio più comune e tradizionalmente usato per il risotto è il parmigiano reggiano. Questo formaggio italiano conferisce al risotto una cremosità e un sapore ricco. Puoi aggiungere il parmigiano reggiano grattugiato direttamente al risotto una volta cotto, mescolando bene fino a quando non si fonde completamente.

Posso aggiungere altri ingredienti al risotto con pesce spada e zucchine?

Certamente! Il risotto è estremamente versatile e puoi personalizzarlo aggiungendo altri ingredienti come pomodori secchi, olive nere, prezzemolo fresco, peperoncino per un tocco piccante o anche un po’ di panna per renderlo più cremoso. Sperimenta con gli ingredienti che ti piacciono di più e crea la tua versione unica del risotto con pesce spada e zucchine.

Qual è il segreto per un risotto perfetto?

Il segreto per un risotto perfetto è la pazienza e la costanza nella cottura. Mescola il risotto frequentemente durante la cottura per rilasciare l’amido e ottenere la cremosità desiderata. Assicurati anche di aggiungere il brodo gradualmente e di non farlo assorbire completamente prima di aggiungerne altro. Inoltre, assaggia spesso per controllare la cottura del riso e aggiusta di sale e pepe secondo i tuoi gusti personali.

Preparare un risotto con pesce spada e zucchine può sembrare impegnativo, ma seguendo questi semplici passaggi e suggerimenti, puoi ottenere un piatto delizioso e soddisfacente che sicuramente conquisterà il palato di tutti i commensali.



Calamari ripieni in umido, ricetta

Le migliori ricette con calamari


ricette con calamari ripieni in umido - Ricettepercucinare.com

I calamari ripieni in umido sono un secondo piatto di pesce gustoso e giornaliero. Non serve un’occasione speciale per gustarli. Si prestano molto bene a sfamare tutta la famiglia e “l’umido” ovvero il gustoso sughetto di pomodoro, è perfetto per la scarpetta. Un’abitudine italiana che piace a tutta, e che sfama ulteriormente anche le bocche più voraci. Vediamo subito come si preparano. 

Calamari ripieni in umido

I calamari ripieni in umido – come già accennato in apertura – sono un secondo piatto di pesce molto gradito a tutta la famiglia. Anche chi non ama troppo il pesce solitamente si convince di fronte alla tenerezza di questo piatto e alla delicatezza del suo sapore. Naturalmente dei calamari non dovrete gettare nulla. Utilizzerete anche i tentacoli, ora vi spieghiamo come.

Come ottenere calamari morbidi morbidi

I calamari sono dei cefalopodi delicati: cuoceteli con le dovute attenzioni onde non renderli duri e sgradevoli. Per fare ciò, calcolate i minuti di cottura. Basterà un quarto d’ora di cottura per ottenere un risultato delizioso. Evitate anche di soffriggerli troppo a lungo: non è necessario soffriggerli, basta sfumarli velocemente con poco vino bianco, coprirli con la passata di pomodoro, salare leggermente, coprire e attendere! Peraltro, la cottura in umido già di per sé è garanzia di risultati teneri teneri. Ma veniamo alla nostra ricetta dei calamari ripieni in umido.

Ingredienti della ricetta dei calamari ripieni

Preparazione dei calamari ripieni in umido

Prendete una padella e irroratela con un filo di olio evo. Aggiungete i tentacoli tritati a coltello, metà spicchio d’aglio privato dell’anima e tritato finemente, le erbe aromatiche di vostro gusto (noi abbiamo consigliato il prezzemolo), i capperi tritati e la mollica di pane. Fate stufare per bene. Regolate di sale e se vi piace aggiungere una grattata di pepe.

A questo punto prendete i vostri calamari precedentemente lavati ed asciugati e riempiteli con il composto di pane. Fermate la chiusura con uno stecchino. Posateli in padella e fateli rosolare molto velocemente in olio evo con la restante metà dello spicchio d’aglio. Rigirateli e sfumate con vino bianco.

Aggiungete la passata, salate e coprite con un coperchio. Attendete venti minuti e servite!



Radicchio di Treviso in padella con speck

Ricettepercucinare.com


radicchio di Treviso in padella - Ricettepercucinare.com

Il radicchio di Treviso è uno degli ortaggi più amati e consumati nelle case degli italiani durante tutti i mesi freddi. E c’è chi lo ama a tal punto che lo surgela per ritrovarselo disponibile durante l’estate, o lo mette sott’aceto o sott’olio per il medesimo motivo. Oggi scopriamo insieme una ricetta particolarmente saporita per portare in tavola il radicchio di Treviso e coccolare anche gli amanti della carne e degli insaccati: si tratta della ricetta del radicchio di Treviso in padella con speck. Vediamo subito come si prepara. 

Radicchio di Treviso in padella con speck

Lo speck è un insaccato particolarmente gustoso e saporito capace di donare il giusto sprint a qualunque tipo di piatto. Un panino, una pizza, una torta salata al radicchio, un piatto al forno, un risotto, degli involtini… Anche un semplice ortaggio come il radicchio può diventare ancor più gustoso grazie alla presenza dello speck. Ovviamente vi consigliamo di acquistare uno speck di buona qualità, saporito e realizzato artigianalmente. Anche il radicchio dovrà essere fresco e compatto! Detto questo, vediamo come procedere.

Ingredienti per la ricetta del radicchio di Treviso in padella con speck

  • 4 cespi di radicchio di Treviso ben compatti
  • un filo di olio evo
  • uno spicchio d’aglio
  • 150 grammi di speck
  • sale e pepe

Preparazione della ricetta

Prendete una padella, irroratela con un filo di olio e aggiungete l’aglio. Accendete la fiamma bassa. Dopo alcuni minuti togliete l’aglio. Aggiungete il radicchio a listarelle e cominciate a cuocere. Nel frattempo aggiungete anche lo speck. Quando il radicchio è a metà cottura, aggiungete lo speck e coprite. In questo modo lo speck rimarrà morbido e non cuocerà eccessivamente. Quando il radicchio è cotto, regolate di sale, aggiungete una grattata di pepe se gradito e servite.

La ricetta del radicchio di Treviso con speck è un secondo piatto molto gustoso e semplice. Poiché contiene proteine ed ortaggi può essere considerata anche un piatto unico. Non siate timidi dunque: preparatene in abbondanza e gustatela come piatto unico con del buon pane di casa! 



Proudly powered by WordPress