Tag: lungo

Cornetti sfogliati velocissimi, come fare?

Sfornare e gustare


Sfornare e gustare

I cornetti sfogliati sono uno dei grandi “tormentoni” del momento. Al pari della pizza fatta in casa, del pane fatto in casa e di altre ricette imperdibili che immancabilmente fanno capolino nelle cucine degli italiani, anche i cornetti non sono da meno. Tuttavia, il procedimento per realizzarli è piuttosto lungo e laborioso. Fare le varie “pieghe” con relativi tempi di attesa richiede tempo, pazienza ed un minimo di manualità. E allora, vediamo come preparare dei cornetti sfogliati velocissimi e davvero super sfogliati e super buoni. Si parte!

Cornetti sfogliati velocissimi: bye bye pieghe!

Come preparare insomma dei cornetti sfogliati velocissimi senza perdere troppo tempo, ma con la garanzia di avere un buon prodotto finale? I segreti non mancano e non abbiamo timore a svelarveli…

  1. Aggiungere all’impasto della panna fresca per dolci
  2. Aggiungere all’impasto dello yogurt bianco
  3. Usare direttamente la pasta sfoglia!

Aggiungere panna o yogurt all’impasto dei cornetti sfogliati

Aggiungere panna o yogurt all’impasto conferisce al prodotto finale una sofficità davvero notevole ed un effetto sfogliato impareggiabile e più che dignitoso, anche se non siete pasticceri provetti. Se avete una planetaria o una impastatrice o un robot da cucina Bimby farete ancora prima, ma anche impastando a mano non sarà difficile realizzarli.

Per leggere la ricetta completa, testata e collaudata, dei cornetti allo yogurt, cliccate qui.

Non dimenticate di inviarci la fotografia del vostro prodotto finito, sempre che facciate in tempo a scattarla.

Cospargere di zucchero granella

Preparare i cornetti sfogliati velocissimi con la pasta sfoglia

E’ vero, è un trucco davvero scontato, eppure anche con la pasta sfoglia potrete ottenere dei cornetti sfogliati gradevoli e divertenti per tutta la famiglia. Stendete il vostro disco di pasta sfoglia già pronta, spennellatelo di burro, spolverizzatelo di zucchero, poi tagliatelo a spicchi che arrotolerete su loro stessi. Infine, spennellate con latte e cospargete con granella di zucchero….e via in forno! Basteranno 10 minuti a 180 gradi per “ingannare” e deliziare tutta la famiglia!

Abbiamo soddisfatto la tua voglia di cornetti sfogliati velocissimi? Se così non fosse, non esitare a mandarci i tuoi consigli.

Quanto devono cuocere le lenticchie

quanto devono cuocere le lenticchie - Ricettepercucinare.com


quanto devono cuocere le lenticchie - Ricettepercucinare.com

Il segreto della perfetta cottura delle lenticchie: come ottenere il massimo sapore e consistenza

Quanto devono cuocere le lenticchie? Spesso ci scrivete per chiedercelo, e allora ecco a voi la risposta. Le lenticchie sono un alimento versatile, ricco di proteine, fibre e sostanze nutrienti essenziali. Sono utilizzate in molte cucine del mondo per la loro versatilità e il loro sapore robusto. Una delle domande più comuni riguardo alle lenticchie riguarda il tempo di cottura ottimale per ottenere la consistenza desiderata senza compromettere il sapore o la qualità nutrizionale. In questo articolo, esploreremo il segreto della perfetta cottura delle lenticchie, fornendo consigli pratici e suggerimenti per un risultato ottimale.

Tipi di lenticchie e tempi di cottura

Quanto devono cuocere le lenticchie? Dipende anche dalla varietà di lenticchie

Prima di tutto, è importante conoscere i diversi tipi di lenticchie e come influenzano i tempi di cottura. Le lenticchie sono disponibili in varie varietà, tra cui le lenticchie verdi, rosse, nere e marroni. Ogni tipo ha una consistenza e un tempo di cottura leggermente diversi. Ecco una panoramica generale:

  • Lenticchie verdi. Queste lenticchie hanno una consistenza relativamente soda e richiedono di solito circa 20-30 minuti di cottura a fuoco medio. Sono perfette per zuppe, insalate e piatti principali.
  • Lenticchie rosse. Le lenticchie rosse si sfaldano facilmente durante la cottura e sono ideali per zuppe cremose o curry. Richiedono solo circa 15-20 minuti di cottura a fuoco medio.
  • Lenticchie nere. Le lenticchie nere sono più piccole e richiedono di solito circa 20-25 minuti di cottura a fuoco medio. Hanno una consistenza più soda rispetto alle lenticchie rosse e sono ottime per insalate o piatti a base di riso.
  • Lenticchie marroni. Le lenticchie marroni hanno una consistenza soda e richiedono di solito circa 25-35 minuti di cottura a fuoco medio. Sono ideali per zuppe, stufati e piatti a base di verdure.

Suggerimenti per la perfetta cottura delle lenticchie

Oltre al tempo di cottura, ci sono alcuni suggerimenti che possono aiutarti a ottenere il massimo dalle tue lenticchie. Rispondiamo dunque alla domanda “quanto devono cuocere le lenticchie” e scopriamo tutti i segreti per la loro cottura perfetta.

  • Lavare le lenticchie. Prima di cucinarle, è importante sciacquare le lenticchie sotto acqua corrente per rimuovere eventuali detriti o impurità.
  • Ammollo opzionale. Ammollare le lenticchie per diverse ore o durante la notte può aiutare a ridurre il tempo di cottura e rendere le lenticchie più facili da digerire. Tuttavia, questo passaggio non è sempre necessario e dipende dal tipo di lenticchie che stai utilizzando e dalla tua preferenza personale.
  • Aggiungere aromi. Per aumentare il sapore delle lenticchie, puoi aggiungere aromi come aglio, cipolla, sedano, carote, spezie o erbe aromatiche durante la cottura.
  • Aggiungere sale alla fine. Aggiungere il sale alla fine della cottura può aiutare a mantenere la consistenza delle lenticchie e evitare che diventino troppo morbide.
  • Controllare la consistenza. Controlla la consistenza delle lenticchie durante la cottura e aggiungi più acqua se necessario. Assicurati di non farle bollire troppo a lungo, altrimenti rischiano di diventare troppo morbide.

Quanto devono cuocere le lenticchie?

Seguendo questi suggerimenti e adattando il tempo di cottura in base al tipo di lenticchie che stai utilizzando, potrai godere del massimo sapore e della migliore consistenza delle tue preparazioni culinarie con le lenticchie. Sperimenta con diverse ricette e scopri nuovi modi per incorporare questo superfood nella tua dieta quotidiana. Buon appetito!

Prodotti correlati Shop Laterradipuglia



Puntarelle come condirle? | Ricettepercucinare.com

come condire le puntarelle - Ricettepercucinare.com


come condire le puntarelle - Ricettepercucinare.com

Le puntarelle sono dei deliziosi germogli contenuti nel cuore di alcune varietà di cicoria, tra cui la cicoria catalogna, ma non solo. Anche la cicoria di Galatina, di Gaeta e di Molfetta si presentano con deliziosi e croccanti talli nascosti e custoditi tra le loro lunghe foglie verdi. E queste infiorescenze – dette talli, appunto – sono deliziosamente fresche e croccanti. Il loro sapore fresco e lievemente amarognolo al contempo conquista davvero tutti. Le puntarelle romane si gustano sia cotte che crude. Vediamo ora, nel caso in cui vogliate gustarle crude, come condirle e rispondiamo per l’appunto alla domanda: puntarelle come condirle?

Come pulire la cicoria per preparare la ricetta

La prima operazione da compiere è quella di pulire le puntarelle. Non si tratta di una operazione complessa, ma ci vuole un po’ di pazienza. Se imparerete a pulirle e a prepararle, potrete preparare tante ricette, dai grandi classici come l’insalata di puntarelle alla romana fino alle ricette gourmet. L’insalata romana di puntarelle è un grande classico, ma potete, come accennato, sfiziarvi in tanti abbinamenti gustosi e originali: con le olive, con carne bianca, con lattuga, con salmone, con pinoli e uvetta, con salsa di soia, con arance, con pistacchi, uova sode, capperi e molto altro.

come condire le puntarelle - Ricettepercucinare.com

Per pulire le puntarelle dovete dapprima eliminare le foglie esterne, quelle più lunghe e coriacee. Tenetele da parte: potrebbero tornarvi utile per dar vita a vellutate e zuppe. Le foglie esterne della cicoria danno il meglio di sé da cotte. Un buon motivo per non gettarle. Ma torniamo a noi. Dopodichè staccate le foglioline più piccole e tenere, e mettetele a bagno in acqua. Quindi tagliate alla base tutte le cimette. Tagliate ciascuna cimetta a metà e poi, con un tagliere ed un coltellino affilato, a striscioline per lungo. Mettete tutto in acqua freddissima o, ancor meglio, in acqua o ghiaccio. In questo modo rimarranno di un meraviglioso colore verde brillante e si attorciglieranno su loro stesse.

Ma veniamo a noi e scopriamo come condire le puntarelle.

Come condire le puntarelle

Vediamo ora come condire le puntarelle. Prendete uno spicchio d’aglio e pelatelo. Tagliatelo poi a metà e privatelo dell’anima. A questo punto tritatelo finemente a coltello. Tritatelo più che potete e poi spostatelo in una ciotolina e pestatelo come fareste con un mortaio. Cercate di ridurre l’aglio in crema per quanto possibile. A questo punto aggiungete qualche acciuga sott’olio. Anche quelle acciughe hanno il pregio di sciogliersi molto velocemente. Si aggiunge poi del buon olio di oliva, mescolando molto bene sino ad ottenere una emulsione. Poi si aggiungono succo di limone fresco e sale. Questa è la ricetta dell‘insalata di puntarelle alla romana. 

Se vi state chiedendo come condire le puntarelle in modo tradizionale questa è la ricetta, altrimenti potete aggiungere o togliere a piacimento. C’è chi preferisce l’aceto al succo di limone, chi invece condisce le puntarelle con olio e sale senza una parte acida, ma aggiunge qualche cappero sott’aceto.

 



Proudly powered by WordPress