Tag: confettura

Confettura di ciliegie, è tempo di organizzarsi

Confettura di ciliegie, è tempo di organizzarsi


confettura di ciliegie - liquore di ciliegie - Ricettepercucinare.com

Avete già messo in infusione il vostro prossimo liquore di ciliegie ma la stagione è nel pieno ed avete ancora innumerevoli e bellissime ciliegie sottomano. E allora perchè non pensare all’idea di preparare una bella confettura di ciliegie? Certo, voi tutti la chiamerete marmellata di ciliegie, per comodità. Ma vi incuriosirà sapere che per legge si chiama solamente un prodotto a base di agrumi! Ma non solo, la differenza sta anche nella percentuale di frutta contenuta. Per approfondire il tema della differenza tra marmellata e confettura vi rimandiamo a questa pagina. Ad ogni modo, i prodotti fatti in casa sono sempre molto sani, perchè si evita di aggiungere “cose in più” e si mette in pentola tanta frutta! E allora, comunque vogliate chiamarla, se confettura di ciliegie o marmellata di ciliegie, vediamo oggi qualche idea per farla buonissima e velocemente.

Come fare una confettura di ciliegie buona, fresca e leggera

Il segreto per ottenere ottime marmellate di ciliegie fatte in casa (o di altra frutta) che siano fresce, leggere e golose, è quello di non esagerare con lo zucchero. Troppo poco renderà il prodotto instabile e particolarmente propenso ad andare a male in breve tempo. Troppo, invece, renderà il prodotto stucchevole ed eccessivamente dolciastro. Finendo col sovrastare il sapore della frutta. Dunque, quali dosaggi andranno bene?

Ingredienti marmellata di ciliegie: quanto zucchero usare?

Considerando 2 kg di ciliegie (che una volta denocciolate rimarranno circa la metà del peso), 350 grammi di zucchero sono l’ideale. Non gettate i noccioli! Ci potrete preparare un bel liquore coi noccioli di ciliegie! Il liquore coi noccioli di ciliegie è una bella variante del liquore di ciliegie classico. Da provare!

Procedimento per la marmellata di ciliegie

Il procedimento come potrete immaginare è quello che si usa per tutte le marmellate. Dovrete dunque far bollire la frutta con lo zucchero, mescolando di tanto in tanto, sino a quando la marmellata non sarà pronta. Aggiungete anche il succo di un limone, non dimenticatelo!

Test del piattino, sempre infallibile!

La confettura di ciliegie sarà pronta quando eseguirete il famoso test del piattino: di che si tratta? Il test del piattino prevede che si prenda un piattino e ci si versi sopra un cucchiaino di marmellata. Inclinando poi il pattino, si potrà verificare quanto segue: o la marmellata cola giù velocemente, oppure rimane ferma. Nel primo caso, prolungate la cottura un altro po’. Nel secondo invece la confettura di ciliegie è pronta!

Parliamo ora delle varianti. Una delle varianti più importanti è quella citata poc’anzi. Ovvero lo zucchero. Vi abbiamo dato la dose minima di zucchero per dare stabilità al prodotto ma nulla vi vieta di abbondare un altro po’ se desiderate un prodotto più dolce.

Potete poi decidere di aggiungere in cottura una stecca di cannella, per profumare la vostra confettura di ciliegie. L’abbinamento di ciliegie con cannella è sempre molto gradito ed indovinato, e fa subito montagna!

Ancora, potete aggiungere un po’ di zeste di arancia grattugiata (solo la parte arancio, mai quella bianca, che è amara!). Anche gli agrumi si accompagnano molto bene alla marmellata di ciliegie.

Se avete altri abbinamenti di vostro gusto, non esitate a comunicarceli! E non dimenticate di non gettare i noccioli, così da preparare anche un ottimo liquore alla ciliegia coi noccioli!



Frollini con confettura di fichi


<a href="https://www.xn--imendibenedetta-pub.com/ricette/my-cooking-idea.html">My Cooking Idea</a>. Ricette di cucina vegetariana, vegana, dolci e dessert.: Frollini con confettura di fichi

Pagine



Frollini con confettura di fichi



I frollini ripieni di marmellata sono i biscotti ideali per la colazione, ma non sempre il risultato finale è quello che ci si aspetta… Finalmente dopo tante delusioni una piccola soddisfazione…

I frollini ripieni di marmellata sono tra i miei biscotti preferiti. Preparali è facilissimo, basta farcirli dopo la cottura come in questa[1] ricetta! Le cose si complicano leggermente quando vogliamo metterli in cottura già guarniti ed evitare la fuoriuscita della confettura. Dopo vari tentativi falliti, questa volta ho centrato il mio obiettivo. Come ho fatto? Ho utilizzato una frolla magra, ho usato una confettura di fichi preparata in casa molto densa ed ho cotto i biscotti ad una temperatura bassa. Non so se il buon risultato è riconducibile a questi elementi, sta di fatto che i biscotti sono molto buoni e ho deciso di condividerli con voi!
La ricetta di questa pasta frolla è tratta dal libro di Leonardo di Carlo “Tradizione in evoluzione” e per completezza vi riporto le dosi precise di tutti gli ingredienti, calcolate per ottenere 500 grammi di impasto. Per quanto riguarda l’aromatizzazione, io ho scelto per comodità cannella e vaniglia (che tra l’altro sposano bene con la confettura di fichi), ma potete utilizzare scorze di agrumi, o quello che preferite. Sullo zucchero a velo vi consiglio di usare solo quello acquistato ed evitate di farlo voi, se invece usate lo  zucchero semolato la ricetta dovrebbe essere ribilanciata aggiungendo il 10% in più di liquidi. Essendo una pasta frolla magra (17% di burro e 26% di zuccheri), i biscottini hanno una consistenza  più croccante che friabile, ma la presenza della marmellata tende ad ammorbidirli leggermente. In questi due post ( I,II ) troverete alcune brevi spiegazioni sul ruolo degli ingredienti della pasta frolla.


Ingredienti:

  • 90 grammi di burro;
  • 220 grammi di farina 00;
  • 53 grammi di uovo intero ( 1 uovo di categoria A);
  • 133 grammi di zucchero a velo;
  • 1,7 grammi  di sale;
  • 1 grammi di vaniglia;
  • 1 grammo di cannella;

Per la farcitura:

  • confettura di fichi;
  • zucchero a velo;

Setacciate la farina su una spianatoia, aggiungete il burro a pezzetti, il sale, gli aromi e iniziate a sabbiare in modo che tutta la farina sia ricoperta dalla componente grassa. L’aspetto deve ricordare appunto della sabbia umida. Aggiungete lo zucchero a velo, l’uovo e impastate il più velocemente possibile fino ad ottenere un composto omogeneo. Appiattite l’impasto, avvolgetelo con della pellicola e riponete in frigo per circa due ore, oppure 30-40 minuti in congelatore.
Trascorso il tempo di riposo, riprendete l’impasto e stendetelo ad uno spessore molto sottile. Con un coppapasta ricavate dei dischetti di circa 6 cm di diametro. Farcitene metà con un poco di confettura di fichi ( o un’altro gusto a vostra scelta) e richiudete ponendo sopra i restanti dischi di pasta. Sigillate bene i bordi (io per chiudere meglio ho ritagliato il biscotto così farcito con un coppapasta di diametro inferiore). Trasferite i biscottini nella leccarda  fate cuocere in forno ad una temperatura non troppo alta ( nel mio forno 160 °C) finché saranno leggermente dorati sia sopra che sotto. 

References

  1. ^ questa

I pancakes ai tre gusti

 

Oggi colazione all’americana.

 

 

Ingredienti:

500 ml di latte

due uova

270 g di farina 00

un pizzico di sale

un cucchiaino raso di bicarbonato

Inoltre:

poco burro per ungere il padellino

confettura di gelse nere Casa Barone

sciroppo d’acero Maple Joe  Luna Di Miele

top kroccant al gusto di cioccolato Fabbri

 

In una ciotola sbattere le uova ed unire,alternandoli,gli altri ingredienti.

Riposare il composto 30 minuti e poi cominciare a preparare i pancakes.

Ungere appena di burro un padellino e versare un mestolo del composto.

Cuocere la frittatina da entrambe le parti e continuare la preparazione dei dolci.

Servire alcuni pancakes con sciroppo d’acero,altri con confettura di gelse nere ed altri ancora con kroccant al cioccolato.

Buona colazione a me!!!!!

 

 

 

 

 

 

 

Proudly powered by WordPress