Tag: lievito di birra

I panini banana

 

 

 

E’ una storia lunga….dopo aver imparato a fare un buon pane con la pasta madre,mi dannavo perchè avrei voluto saper fare i bellissimi,morbidosi panini banana che vendono nelle nostre panetterie di Trapani…ma come fare? E la ricetta?
Un giorno ero con una collega in una zona del trapanese che si chiama Locogrande al fine di comprare in un casotto su strada dei peperoncini piccoli rotondi (da fare ripieni e da mettere sott’olio)quando la mia collega mi dice che a Locogrande c’è un panificio dove fanno pane di casa e biscotti fantastici.Non me lo faccio dire due volte ed andiamo al panificio.Compriamo quello che c’è da comprare e…mentre pago mi faccio coraggio e chiedo come fanno i panini .Miracolo!!!Ho trovato una persona disposta a rivelarmi il segreto.
La prima cosa che mi rivela è che i panini banana  si fanno nel forno elettrico e non in quello a legna,la seconda è che si usa il miglioratore che,invece,non deve essere assolutamente usato nel pane…..la terza è che per questi panini non va usata la pasta madre ma il lievito di birra.

In quelli che vedete nelle foto non ho messo il miglioratore e,pur essendo morbidissimi,non sono come quelli comprati nei panifici.

Quando,altre volte,ho usato il miglioratore erano UGUALI!!!!!!

 

Ingredienti:

500 g di farina 00

250 ml di acqua tiepida

mezzo cubetto di lievito di birra

10 g di sale

un cucchiaino di miele

Inoltre:

semi di sesamo

 

Avendo il bimby ho convertito la ricetta.
Mettere nel boccale 250 ml di acqua tiepida,mezzo cubetto di lievito di birra(12 g e mezzo),un cucchiaino di miglioratore(facoltativo),un cucchiaino di miele e fare andare per pochi secondi a velocità 2.
Poi unire 500 g di farina 00 (attenzione deve essere 00 e non altro tipo di farina) e 10 g di sale.Fare andare 2 minuti a vel.5 più 2 minuti e trenta a vel spiga.
Fare la palla,inciderla con una croce (l’impasto è più sodo di quello del pane) e lievitare 2 ore esatte.
Dopo di ciò,fare le banane prendendo un pezzo di pasta e sfregare con tutte e due le mani dando forma di un salsicciotto allungato ma ben ciccioso.
Mettere i salsicciotti in teglia con carta forno (ma senza farina nè sotto nè sopra) e rifare lievitare altre due ore o almeno un’ora e trenta.
Accendere il forno elettrico a 280°,prendere i salsicciotti che ora sono diventati lievitatissimi e spennellarli con acqua spargendoci sopra una generosa manciata di semi di sesamo.
Infornare per 15 minuti.
Con questa dose vengono 7 panini (troppo pochi,si mangiano che è una bellezza,consiglio doppia dose).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Taralli e grissini –

Ingredienti:

500 g di farina
1 cucchiaio di vino aromatizzato Vinchef
300 g di acqua
50 g di evo Dante
1 bustina di lievito di birra liquido
una manciata di semi di finocchio Melandri Gaudenzio
sale qb Gemma di Mare

Procedimento:
 Impastate con l’aiuto della planetaria per 10 minuti. Lasciate lievitare fino al raddoppio in luogo caldo.
Riprendete l’impasto,  formate i classici anelli e date la forma ad alcuni grissini.
 Appoggiateli su carta forno in teglia, e cuocete a 150 gradi  per 15/20 minuti circa.

Tempo di preparazione: 30 minuti
Tempo di lievitazione: 60 minuti
Tempo di cottura: 20 minuti
Difficoltà: bassa

Due parole..

Buoni ma non esagerate con i semi di finocchio,
coprono il buon sapore di questi crostini.

Per i doni ringrazio..

 il blog “La girandola creativa”  e il blog “I fornelli di alice”

e il blog “Le amiche di Dona”

Pizzette congelabili, delle Sorelle Simili-

 Con il burro e impastate con la planetaria.

Ingredienti:
500 g di farina
250 g di acqua
1 bustina di lievito di birra granulare
40 g di burro
1 cucchiaio di zucchero
1 cucchiaio d’olio
1 cucchiaino di sale
Per la farcia:
350 g conserva di pomodoro Pomì
350 g mozzarella tritata 
origano qb
Procedimento:
Mettete nell’impastatrice la farina con lo zucchero, l’olio, il burro morbido ed il lievito.
Impastando, aggiungete il sale, fate lievitare l’impasto che avete ottenuto, in luogo tiepido e coperto, per 40/50 minuti.
Quando avrà raggiunto il raddoppio, riprendetelo e senza impastarlo nuovamente, prelevate piccoli pezzetti e stendeteli con il mattarello.
Lo spessore non dovrebbe superare i 3 mm circa. Tagliate le pizzette con un bicchiere o tagliabiscotti e adagiatele in una teglia ricoperta di cartaforno.
Condite le pizzette con la conserva di pomodoro e infornate a 200 gradi per 5 minuti, estraetele dal forno, aggiungete la mozzarella tritata e l’origano e terminate la cottura per altri 4/5 minuti.
Servitele calde o a temperatura ambiente.
Due parole..
La ricetta proviene dalle Sorelle Simili,  e qui le potete vedere anche nel blog della bravissima Cindistar, mi ha incuriosito il fatto di poter congelare le pizzette già cotte.
Ottima idea.. scongelate e lasciate a temperatura ambiente, sono come appena fatte.
Siccome non amo molto cucinare con il burro, le ho rifatte, sostituendo il burro, con la stessa quantità di olio, risultato identico a mio avviso.
Se avete il bimby, l’impasto con questi dosaggi è perfetto, ho già provato.

 Con l’olio e impastate con il bimby.

Proudly powered by WordPress