Tag: seguito

Dolce di savoiardi e crema, come farlo perfetto

Ricettepercucinare.com


dolce di savoiardi e crema

Se sei un appassionato dei dolci, ma soprattutto ti piace sempre sperimentare qualcosa di nuovo dietro ai fornelli, allora il dolce di savoiardi e crema potrebbe esser proprio uno dei prossimi che preparerai!

Ecco come fare il dolce di savoiardi e crema

Molto spesso ci troviamo nella nostra cucina per preparare dei dolci che, oramai, li conosciamo a memoria, mentre che sperimentare – magari anche con gli stessi ingredienti – potrebbe far ritornare l’appetito a tutti. Proprio per questo, oggi ti proponiamo un dolce che, in un certo senso potrebbe ricordare il tiramisù, ma che in realtà è una vera e propria scoperta. Stiamo parlando del dolce con savoiardi e crema!

Se desideri prepararlo insieme a noi, qui di seguito troverai le indicazioni degli ingredienti e tutte le fasi grazie alle quali potrai realizzare il tuo gustoso dolce.

INGREDIENTI

  • 300 g di savoiardi
  • 800 ml di latte
  • 3 uova intere
  • 150 g di sciroppo di amarene
  • 30 amarene
  • 150 g di zucchero semolato
  • 1 bustina di vanillina o semini di una bacca di vaniglia

Per la crema:

  • 500 ml di latte intero
  • 130 g di zucchero
  • 125 g di tuorli
  • 2 baccelli di vaniglia
  • 40 g di amido di riso
  • 1/2 scorza di limone

PREPARAZIONE

Per la crema:

  • In un pentolino, far scalare il latte con i semini della bacca di vaniglia e i baccelli;
  • Aggiungere anche la scorza del limone (priva della parte bianca) e accendere il fuoco;
  • Portare a bollore il tutto, mescolando di tanto in tanto;
  • Nel frattempo, in un altro tegame mettere i tuorli d’uovo, zucchero e amido di riso;
  • Mescolare con la frusta fino a quando non si otterrà un composto privo di grumi e liscio;
  • Quando il latte sarà quasi a bollore, unirlo al composto degli albumi mettendo un colino per filtrare il composto;
  • Mescolare con una frusta e riportare sul fornello;
  • Proseguire la cottura fino a quando la crema non si addenserà;
  • Versare la crema in una scodella fredda e farla raffreddare coprendola con della pellicola trasparente a contatto;

Per il dolce di savoiardi e crema:

  • In una scodella, rompere le uova e aggiungere lo zucchero;
  • Sbattere con una frusta a mano il composto fino a quando non risulterà spumoso;
  • Proseguire aggiungendo la farina già setacciata ed unita con la bustina di vanillina;
  • Aggiungere il latte continuando a mescolare il composto;
  • A questo punto, incorporare lentamente lo sciroppo di amarene;
  • Iniziare a montare il dolce, bagnando i savoiardi con questa bagna;
  • Formare diversi strati all’interno di un vassoio, alternandoli con la crema raffreddata;
  • Terminare con uno strato di crema ed aggiungere le amarene sciroppate;
  • Far riposare il dolce in frigo per qualche ora prima di servirlo in tavola;

Hai preparato il tuo dolce di savoiardi e crema: ora lo puoi servire in tavola e conservare per 1/2 giorni in frigorifero!

Alternative al classico dolce di savoiardi e crema

Come hai visto, il dolce con savoiardi e crema è di facile preparazione e potrai anche suddividere la ricetta in due giorni, preparando dapprima la crema pasticciera e montando successivamente il dolce. Ad eccezione della crema, questo è un dolce senza cottura che potrai preparare per le occasioni più speciali oppure per una merenda gustosa. Se ti piace l’idea, potrai aggiungere anche delle gocce di cioccolato al posto delle amarene, non sempre gradite ai bambini, oppure costruire il tuo dolce in dei bicchieri, così da realizzare un dessert monoporzione. Ora che sai come fare il tuo dolce di savoiardi e crema, non ti resta che metterti al lavoro!



Calamari ripieni al forno morbidissimi, ricetta facile da copiare subito

Ricettepercucinare.com


Calamari ripieni - Myitalian.Recipes

Come preparare dei calamari ripieni al forno morbidissimi, con una ricetta facile e veloce, perfetta per stupire i propri commensali con un secondo piatto di pesce adatto a tutta la famiglia, tenero e gustoso. Perfetto persino per fare la “scarpetta”! A voi la ricetta e qualche piccolo segreto che vi consentirà di non sbagliare.

Curiosità sui calamari

Prima di addentrarci nella ricetta dei calamari al forno, vediamo qualche piccola curiosità sul tema. Forse non tutti sanno che il nome “calamaro” deriva dal latino “calamo”, che era il contenitore che conteneva l’inchiostro (il calamaio, appunto) per scrivere con la penna. Non a caso, il calamaro è un cefalopode contenente una sacca di inchiostro, che usa all’occorrenza per intorbidire l’acqua e fuggire di fronte ad eventuali predatori. I calamari sono presenti sia nel Mediterraneo che nel mare del Nord ed abbondano sulle tavole di tutta Europa. Sono molto graditi fritti, ma si prestano anche molto bene a dar vita ad altre tipologie di ricette, tra cui appunto quella che ci accingiamo a proporre di seguito

Calamari ripieni al forno morbidissimi: gli errori da non fare per ottenere una ricetta perfetta

I calamari ripieni al forno che vi illustreremo di seguito saranno morbidissimi se farete attenzione a qualche piccolo dettaglio. La preparazione a dire la verità è molto semplice, ma è comunque necessario fare attenzione a qualche piccolo passaggio, per non ottenere un prodotto finale stopposo e poco gradevole al palato. Ecco i consigli “della nonna” per fare i calamari morbidi:

  1. Il pesce non va mai stracotto. La carne diventa tenera con le cotture lunghe, il pesce al contrario diventa duro. Per dei calamari di dimensioni medie, 20 minuti sono sufficienti
  2. E’ fondamentale usare il coperchio se si tratta di calamari in padella. Se invece si tratta di calamari al forno, potete coprirli con un foglio di alluminio
  3. Se cuocete i calamari ripieni al forno in padella, sfumateli con il vino bianco e non esagerate con la rosolatura. Una rosolatura troppo lunga li renderà duri.
  4. L’acqua di cottura dei tentacoli e delle pinne non va buttata, al contrario va messa nel ripieno

Ecco dunque svelato come ottenere dei calamari al forno morbidissimi.

La ricetta dei calamari ripieni al forno morbidissimi

Ingredienti per i calamari ripieni al forno

  • 4 calamari (regolatevi in base alle dimensioni, l’ideale è una dimensione media
  • 20 grammi di pecorino non troppo piccante
  • 1 uovo
  • 4 patate
  • capperi sottosale ben sciacquati qb
  • 2 spicchi d’aglio
  • 40 g di pangrattato
  • 100 g di pane raffermo
  • due manciate di olive nere denocciolate
  • sale e pepe
  • 1 mazzetto piccolo di prezzemolo
  • 5 cucchiai di olio extravergine di oliva (ottimo l’olio pugliese, ma va anche bene quello di altre regioni di vostro gusto)
  • mezzo bicchiere di vino bianco secco, va bene un vino da cucina

Preparazione dei calamari ripieni al forno

Ecco la preparazione dei calamari al forno, ricetta facile e veloce

  • pulire bene il calamaro eliminando la cartilagine, tagliando pinne e tentacoli e lavandolo bene
  • tagliuzzate pinne e tentacoli e cuoceteli in padella con aglio, olio e prezzemolo e poi sfumando con vino bianco. Regolate di sale e, se gradito, di pepe
  • mettete il pane raffermo a bagno in acqua
  • adesso non dovrete far altro che strizzare bene il pane e creare la farcia con tutti gli ingredienti eccetto le patate. Aggiungete l’uovo per ultimo, vi servirà da legante
  • Farcite i calamari per bene e chiudeteli con uno stuzzicadenti
  • preparate una emulsione con olio, sale, prezzemolo tritato, un pò di pangrattato
  • adagiate i calamari su carta forno, spennellateli con il preparato
  • mettete tutto attorno le patate tagliate a dadini piccoli o fette sottili (non pezzi troppo grossi, altrimenti non faranno in tempo a cuocere)
  • infornate a 180 gradi per 20 minuti coperto da alluminio
  • i vostri calamari ripieni al forno facili e veloci sono pronti!



Come fare il merluzzo in umido con patate

Ricettepercucinare.com


merluzzo in umido

Se vuoi preparare un secondo piatto a base di pesce, il merluzzo in umido con patate è sicuramente uno della tradizione che riuscirà a soddisfare il tuo palato. Scopri questo goloso piatto per un pranzo o una cena sana e gustosa!

Ecco la ricetta del merluzzo in umido che devi provare

Questo secondo piatto è senz’altro una variante interessante per cucinare il pesce in maniera saporita. Solitamente, difatti, il merluzzo viene servito in tavola dopo esser stato cotto in forno con una panatura o gratinatura.

La proposta che, invece, desideriamo farti oggi, è in umido con patate: potrai preparare il tuo piatto direttamente in padella, in una versione mediterranea. Qui di seguito ti illustriamo tutti i passaggi e le grammature ideali per la preparazione del merluzzo in umido con patate.

INGREDIENTI

PREPARAZIONE

  1. Inizia tritando lo spicchio d’aglio;
  2. In una padella antiaderente mettere un filo di olio evo ed aggiungere l’aglio tritato;
  3. Fai andare dolcemente il tutto per insaporire
  4. Aggiungi le patate pelate e tagliate a dadini non troppo grossi
  5. Dopo 10 minuti, aggiungi il merluzzo ben tamponato con carta da cucina e infarinato leggermente
  6. Fai rosolare il pesce per qualche minuto, girandolo sui diversi lati;
  7. Sfuma con il vino bianco e far evaporare l’alcool;
  8. Aggiungi i capperi dissalati, la salsa di pomodoro e le olive nere;
  9. Mescola il tutto facendo attenzione a non danneggiare i filetti di merluzzo (saranno molto delicati);
  10. Aggiungi mezza tazzina di acqua, condisci con sale e pepe a piacere e poi copri;
  11. Far cuocere il merluzzo in umido, a fiamma dolce, per circa 10 minuti;
  12. Spegni il fuoco e aggiungere il prezzemolo tritato;
  13. Porta in tavola il tuo merluzzo in umido da caldo;

Segreti per un merluzzo in umido davvero gustoso

Come avrai ben capito, si tratta di un piatto di estrema facilità da preparare, ma davvero gustoso. In questo modo, potrai gustare una ricetta a base di pesce, senza trascorrere chissà quanto tempo davanti ai fornelli. Oltre alle indicazioni per la preparazione, però, desideriamo anche darti degli ulteriori suggerimenti per rendere migliore la ricetta del merluzzo in umido.

Iniziamo dicendo che il merluzzo dovrà esser fresco: generalmente lo si compra surgelato, ma se vuoi davvero ottenere un piatto da leccarti i baffi, ti suggeriamo di andare direttamente dal pescivendolo a prendere la giusta quantità di pesce. Un altro suggerimento che è altrettanto importante riguarda il vino: mi raccomando, per sfumare il tuo piatto non utilizzare qualcosa che hai aperto già da troppi giorni, che sa di tappo o di scarsa qualità. Porta in tavola un buon vino bianco ed utilizzalo pure per cucinare il tuo merluzzo in umido!

Terminiamo con l’ultimo suggerimento: se non gradisci la versione mediterranea con olive e capperi, potrai optare per una proposta a base di verdure, aggiungendo quelle che ti piacciono di più, come le zucchine o le melanzane. Ne otterrai un buon merluzzo in umido, diverso dal solito e ugualmente buonissimo.



Proudly powered by WordPress