Tag: formaggio

Panini di Patate

Oggi Francisco ci propone un piatto preparato con pochi ingredienti da servire come aperitivo: dei finti panini fatti di patate e farciti con speck e formaggio a fette.

Puntata I Menu di Benedetta: 11 aprile 2013 (Menu Tale e Quale[1])
Tempo preparazione e cottura: 60 min. ca.

Ingredienti Panini di Patate per 4 persone:

  • patate
  • sale
  • olio
  • rosmarino
  • speck
  • formaggio a fette

Procedimento ricetta Panini di Patate di Benedetta Parodi

  1. Sbucciare le patate e incidere dei taglietti sulla superficie per favorire la migliore cottura.
  2. Trasferire le patate su una placca con carta forno, condirle con olio, sale e rosmarino tritato.
  3. Mettere in forno a 200 gradi per 40 minuti.
  4. Dividere a metà le patate come fossero dei panini, poi scavarle un po’ all’interno.
  5. In una ciotola mescolare l’interno delle patate con formaggio e speck tagliati a pezzettini.
  6. Farcire i panini di patate con la farcia e una fetta di speck.
  7. Ripassare in forno per un minuto.

References

  1. ^ Menu Tale e Quale

Rubatelli – Chupa chupa di formaggio e Rubatà di Chieri

Le palline di formaggio sono perfette da servire con l’aperitivo e potete sbizzarrirvi con formaggi vari o impanature di diverse colori.Facili e veloci da realizzare queste palline uniscono il gusto dei formaggi morbidi con quello croccante dei grissini Rubatà di Chieri.Il Piemonte è famoso per essere la patria dei grissini, da gli “stirati” friabili e ricchi di grassi fino ai   famosi Rubatà  di Chieri. Il loro nome deriva dal dialetto piemontese, e significa caduto, richiamando proprio la tecnica con la quale si formano i grissini. In particolare indica il gesto che fa il panettiere nel prendere sulle punte i “Grissini” appena stirati a mano e nel rivoltarli, facendogli fare un giro completo con i pollici a palme unite e lasciandoli “Cadere”, o meglio “Rubatè”, con dolce violenza sul tavolaccio di stiramento al fine di compattarne l’impasto. Hanno un diametro di 1 -1,5 cm  e sono facilmente riconoscibili per le caratteristica nodosità, dovuta alla lavorazione a mano. Esistono numerose ricette, tramandate di padre in figlio ed è nell’impasto che sta il segreto della preparazione: il dosaggio dai vari ingredienti e dall’acqua che a Chieri e nei dintorni ne permette la singolare bontà. Il rubatà di Chieri è incluso nella lista prodotti agroalimentari tradizionali italiani del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. I Rubatà non sono da confondere con l’altra forma tutelata di grissino tradizionale che è il Grissino Stirato, altro prodotto tipico del chierese di invenzione più recente. Si distingue da questi in quanto la pasta, invece che essere lavorata per arrotolamento, viene allungata dal panificatore.#RubataH24LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050 TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSIIngredienti per 18 chupa chupa:100 gr di grissini Rubatà di Chieri200 gr di ricotta200 gr di robiola spalmabile non troppo morbida1 cucchiaio di bagnetto verdePistacchi tritati q.b.Mix di semi di sesamo e semi di lino  q.b.Paprika q.b.ProcedimentoSbriciolate i grissini.In una ciotola mettete i formaggi e il bagnet verd (se non lo avete tritate una ventina di rametti di prezzemolo, mezzo spicchio d’aglio, un cucchiaio di capperi e mezzo cucchiaino di pasta d’acciughe, aggiungete un po’ d’olio amalgamate bene)  e lavorate con una forchetta  fino ad ottenere un composto morbido e omogeneoUnite i rubatà tritati e inglobate bene il tutto.Formate delle palline di circa 3 cm. (inumiditevi leggermente le mani per agevolare l’operazione)Impanatene  una parte nella granella di pistacchi, una nei semi di sesamo e lino, una nella paprika. Infilate al centro di ogni pallina un grissino, metteteli in un unico contenitore  o in singoli bicchieri  e servite.Potete preparli in anticipo e conservarli in frigorifero fino a due giorni prima.CHIERI FIERA DI SAN MARTINO 

Whoopie Pies

Le whoopie pies sono dei piccoli dolcetti al cacao con farcia burrosa al formaggio spalmabile tipici americani. Benedetta questa sera li preparati sostituendo il latticello per l’impasto della ricetta originale con un mix di latte e yogurt. Davvero una delizia e un’ottima idea per la merenda dei bambini.

Puntata I Menu di Benedetta: 12 febbraio 2013 (Menu Al Posto di…[1])
Tempo preparazione e cottura: 100 min. ca.

Ingredienti Whoopie Pies:

  • 1 uovo
  • 200 gr di zucchero
  • 115 gr di burro
  • 160 gr di yogurt al miele
  • 90 ml di latte
  • 1 cucchiaino e 1/2 di bicarbonato
  • sale
  • 260 gr di farina
  • 50 gr di cacao amaro
  • 225 gr di formaggio spalmabile
  • 50 gr di burro
  • 100 gr di zucchero a velo

Procedimento ricetta Whoopie Pies di Benedetta Parodi

  1. Sbattere l’uovo con lo zucchero, poi unire il burro fuso.
  2. A parte unire yogurt e latte, poi versare questo composto nell’uovo.
  3. Unire a parte anche le polveri: farina, sale e bicarbonato e versarli nell’impasto.
  4. Aggiungere anche il cacao amaro e mescolare. Aggiungere latte al bisogno per rendere morbido l’impasto.
  5. In una placca foderata di carta forno, stendere l’impasto a cucchiaiate, modellando bene i dischetti come si fa per i biscotti.
  6. Cuocere in forno a 180 gradi per 12 minuti.
  7. Nel frattempo preparare la farcia mescolando il formaggio spalmabile con il burro ammorbidito, poi unire lo zucchero a velo e amalgamare.
  8. Accoppiare i dischetti al cacao farcendoli con la crema di formaggio.

References

  1. ^ Menu Al Posto di…

Proudly powered by WordPress