Tag: fanno

Lampascioni ricetta salentina | Ricettepercucinare.com

lampascioni ricetta salentina - RicettePerCucinare.com


lampascioni ricetta salentina - RicettePerCucinare.com

Lampascioni: la tradizione salentina in un piatto saporito – ricetta e segreti

Lampascioni ricetta salentina: chi ha voglia di replicarla? Nella terra fertile della Puglia, c’è un tesoro culinario amato da generazioni: i lampascioni. Questi bulbi, noti anche come cipollotti selvatici, sono un’autentica delizia salentina. In questo articolo, esploreremo la ricetta tradizionale dei lampascioni alla salentina e sveleremo i segreti per preparare un piatto che incanterà i vostri palati e vi farà sentire come se foste seduti a tavola in una trattoria nel cuore del Salento. O, se avete origini salentine, vi farà ritornare con la memoria ai sapori della vostra infanzia.

Il tesoro del Salento, lampascioni proprietà e caratteristiche

I lampascioni sono un prodotto tipico della regione pugliese, in particolare della provincia di Lecce. Questi bulbi crescono spontaneamente nei terreni sassosi e sono stati a lungo una fonte di nutrimento preziosa per le comunità locali. Oggi, sono un elemento fondamentale della cucina salentina e sono apprezzati sia per il loro sapore unico che per le loro proprietà nutritive. Effettivamente – parlando di lampascioni proprietà nutritive e benefiche – la lista è davvero lunga. Queste piccole ed insospettabili cipolline ci regalano tanto benessere e tanta salute rinforzando il nostro sistema immunitario, fornendoci vitamine e sali minerali e, non ultimo, regolarizzando le nostre funzioni intestinali. E, si sa, l’intestino è il nostro secondo cervello! Le fibre, vitamine e minerali essenziali, fanno di questi simpatici bulbi un’ottima scelta per mantenere una dieta equilibrata e nutriente. Le fibre presenti nei lampascioni favoriscono la digestione e contribuiscono al benessere dell’intestino, mentre le vitamine e i minerali forniscono al corpo energia e sostanze nutritive vitali.

La ricetta tradizionale dei lampascioni ricetta salentina o alla pugliese

Lampascioni ricette: entriamo subito nel merito della questione. Per preparare i lampascioni alla pugliese, avrete bisogno di pochi ingredienti semplici ma essenziali. La ricetta dei lampascioni ricetta salentina è davvero una ricetta di casa: come avrete modo di notare, si tratta di ingredienti che comunemente si trovano in tutte le case. Non a caso, la ricetta dei lampascioni in Puglia è considerata una ricetta povera. Una di quelle ricette tipiche regionali che tutti amiamo riscoprire perché custodita nella nostra memoria gastronomica.

  • Lampascioni freschi
  • Olio extravergine d’oliva
  • Aceto
  • Sale
  • Pepe nero
  • Prezzemolo fresco (opzionale)
  • Cipolla
  • Sedano
  • Peperoncino
  • Carota
  • Pomodori

I lampascioni devono essere puliti accuratamente per eliminare la terra e le impurità e poi incisi sul fondo con una sorta di X. Una volta puliti, vi consigliamo di lasciarli una notte in acqua fredda, in modo che perdano un po’ del loro caratteristico amaro. Dopodichè, i lampascioni vanno lessati con tutti gli ingredienti sopra descritti per circa 3 ore. Al termine della cottura saranno teneri e saporiti. Non dimenticate di gustare anche la loro acqua di cottura.

Prodotti correlati Shop Laterradipuglia

Se invece desiderate gustare i lampascioni crudi, ne avete facoltà. I lampascioni si possono mangiare crudi. Cominciate sempre lavando accuratamente e mondando i lampascioni. Successivamente, in una ciotola, mescolate l’olio extravergine d’oliva con un po’ di aceto, sale e pepe nero, creando una vinaigrette leggera e saporita. Aggiungete i lampascioni tagliati a fettine sottili alla vinaigrette e mescolate delicatamente, assicurandovi che siano ben conditi. Questo condimento è l’ideale anche qualora vogliate sbollentare i lampascioni in acqua bollente e gustarli bolliti.

Potete servire i lampascioni come antipasto, accompagnandoli con fette di pane rustico tostato e guarnendo il tutto con prezzemolo fresco tritato finemente.

I segreti per un perfetto piatto di lampascioni: lampascioni ricetta salentina

Ora che conoscete la ricetta di base, è tempo di svelare alcuni segreti per preparare dei lampascioni davvero straordinari:

  • Selezione degli ingredienti. Assicuratevi di scegliere lampascioni freschi e di alta qualità per ottenere il miglior sapore e la migliore consistenza.
  • Pulizia accurata. La pulizia dei lampascioni è essenziale per rimuovere la terra e le impurità. Dedicate del tempo a questo passaggio per garantire un piatto perfetto. Ci vuole un po’ di pazienza perchè il lampascione è un bulbo che cresce sottoterra dunque è pieno di terra e impurità da rimuovere. Si rimuoveranno anche le foglioline esterne e le radici.
  • Lessatura adeguata. Fate attenzione a non cuocere troppo i lampascioni durante la lessatura, altrimenti rischiate di renderli troppo molli. Controllate la cottura regolarmente per ottenere la consistenza desiderata.
  • Condimento bilanciato. La vinaigrette deve essere equilibrata, con il giusto mix di olio, aceto, sale e pepe nero. Assaggiate e regolate gli ingredienti secondo i vostri gusti personali.

Lampascioni Puglia: un tesoro nutrizionale

Nella regione della Puglia, i lampascioni sono un elemento imprescindibile della cultura culinaria locale. Qui, la loro raccolta e preparazione sono tramandate di generazione in generazione, custodendo gelosamente antiche ricette e segreti culinari. I lampascioni sono un simbolo della genuinità e dell’autenticità della cucina pugliese, e la loro presenza nei mercati locali è un segno tangibile della connessione profonda tra le persone e la terra che coltivano.

Lampascioni sott’olio: conservare il gusto della puglia

Abbiamo conosciuto i lampascioni ricetta salentina, ma la ricetta sopra descritta non è l’unica. Una delle modalità più amate per conservare i lampascioni è sott’olio. Questo metodo permette di prolungare la loro freschezza e di preservarne il gusto unico anche fuori stagione. Per preparare i lampascioni sott’olio, è necessario prima sottoporli a un processo di pulizia e sterilizzazione, quindi immergerli in un barattolo di vetro insieme a erbe aromatiche, aglio e peperoncino. L’olio extravergine d’oliva avvolge i bulbi, creando un’atmosfera protettiva che ne mantiene intatta la bontà per lungo tempo. Questa conserva è un vero e proprio tesoro culinario da gustare durante tutto l’anno e rappresenta una deliziosa aggiunta a tavola durante i pasti festivi o le occasioni speciali. Potete preparare i lampascioni sott’olio sia a partire dai lampascioni crudi, che a partire dai lampascioni sbollentati. In qualunque caso non dimenticate di lavorare sempre nella massima igiene e di usare un buon olio extravergine pugliese.

I lampascioni sono un vero gioiello della cucina salentina, ricchi di storia e tradizione. Con questa ricetta e i suoi segreti, potete portare un pezzo dell’autentica Puglia sulla vostra tavola e deliziare famiglia e amici con un piatto che racchiude tutto il calore e il sapore del Sud Italia.



Cipolle lesse FAQ | Ricettepercucinare.com

cipolle lesse FAQ - RicetteperCucinare.com


cipolle lesse FAQ - RicetteperCucinare.com

A cosa fanno bene le cipolle lesse?

Le cipolle lesse conservano ancora molte delle loro proprietà nutrienti. Sono ricche di antiossidanti, vitamine e minerali come la vitamina C e il potassio. Inoltre, il processo di cottura può rendere alcune sostanze presenti nelle cipolle più facili da digerire.

A cosa serve la cipolla bollita?

La cipolla bollita può essere utilizzata in molti modi in cucina. Aggiunta a zuppe, salse o stufati, aggiunge profondità di sapore e dolcezza. La sua consistenza morbida la rende ottima per aggiungere corpo e sapore a piatti come le creme di verdure.

A cosa fa bene le cipolle cotte?

Le cipolle cotte mantengono molte delle loro proprietà benefiche, tra cui le proprietà antiossidanti. Inoltre, il calore della cottura può rendere alcune sostanze nutritive più biodisponibili. Le cipolle cotte possono essere benefiche per la salute del cuore, il controllo del diabete e la salute delle ossa, oltre ad avere proprietà anti-infiammatorie.

Come si possono mangiare le cipolle?

Le cipolle possono essere consumate crude, cotte o lessate, a seconda delle preferenze personali e del piatto che si sta preparando. Possono essere aggiunte a insalate, sandwich, stufati, salse, zuppe e molti altri piatti. Possono essere saltate in padella con altre verdure o carne, o essere arrostite al forno per un sapore più dolce e concentrato. Se le cipolle crude sono troppo forti per il tuo gusto, puoi marinarele in aceto o limone per addolcirle leggermente.

Quando non si deve mangiare la cipolla?

Per alcune persone, consumare cipolle può causare disagio digestivo, come gonfiore, flatulenza o bruciore di stomaco. In questi casi, potrebbe essere meglio evitare di mangiare cipolle crude o troppo abbondanti. Inoltre, alcune persone possono essere allergiche alle cipolle, quindi è importante prestare attenzione a eventuali reazioni avverse dopo averle consumate. Se hai problemi digestivi o sei allergico alle cipolle, potresti dover evitarle completamente nella tua dieta.

Come cucinare le cipolle digeribili?

Ci sono diversi modi per rendere le cipolle più digeribili durante la cottura:

  • Taglia le cipolle finemente o tritalle per ridurre la quantità di fibre insolubili, che possono essere più difficili da digerire.
  • Soffriggi le cipolle lentamente a fuoco basso finché non diventano morbide e traslucide. Questo processo può rendere le cipolle più facili da digerire rispetto a cucinarle a fuoco alto in modo più veloce.
  • Puoi anche sbollentare le cipolle per alcuni minuti prima di utilizzarle in ricette che richiedono una cottura più lunga. Questo può aiutare a renderle più morbide e digeribili.
  • Se le cipolle crude sono difficili da digerire per te, prova a marinarele in aceto o limone per ammorbidirle e renderle più dolci.

Seguendo queste tecniche di cottura, puoi rendere le cipolle più digeribili e godere dei loro benefici senza causare disagi digestivi.



La puntata del 21 dicembre 2023 a È Sempre Mezzogiorno

È sempre mezzogiorno - Ricettepercucinare.com


È sempre mezzogiorno - Ricettepercucinare.com

Scopriamo tutte le ricette di giovedì 21 dicembre 2023!

Tortellini di Alessandra Spisni

Ingredienti

Per la pasta:

  • 300 g di farina tipo 00
  • 3 uova

Per il ripieno:

  • 150 g di lombo di maiale
  • 150 g di mortadella
  • 150 g di prosciutto crudo
  • 150 g di formaggio grattugiato
  • 2 uova
  • 50 g di burro
  • noce moscata
  • sale e pepe

Per il brodo:

  • mezzo cappone
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 1 cipolla
  • sale

Preparazione

  • Preparare la sfoglia impastando farina con le uova e poi farla riposare in pellicola per mezz’ora;
  • Tagliare dei quadretti per preparare a fare i tortellini;
  • Preparare il ripieno dei tortellini: insaporire la lonza tagliata a cubetti in una padella antiaderente con un po’ di burro ed erbe aromatiche;
  • Tritare la carne per 2 volte, prosciutto crudo e mozzarella;
  • Mettere tutto in una scodella e aggiungere formaggio grattugiato, noce moscata e le uova;
  • Amalgamare tutto per bene e poi mettere su ogni quadretto di pasta un po’ di ripieno;
  • Cuocere in brodo di cappone i tortellini fino a quando non vengono a galla;
  • Spegnere il fuoco e lasciarli fino a quando non fanno le grinze;
  • Servire all’interno di una zuppiera;

Pollo farcito con salsiccia di zia Cri

Ingredienti

  • 1 pollo disossato
  • 2 spicchi d’aglio
  • rosmarino
  • 2 carciofi
  • 300 g salsiccia sgranata
  • 1 uovo
  • 50 g formaggio grattugiato
  • 50 g mollica di pane
  • 200 ml latte
  • 80 g pecorino grattugiato
  • mezzo bicchiere di brandy
  • 2 carote
  • 1 cipolla
  • 2 coste di sedano
  • 3 scalogni
  • brodo vegetale
  • olio evo
  • sale e pepe

Per il contorno:

  • 400 g cavoletti di Bruxelles
  • 1 cipolla
  • 100 g castagne lesse
  • 3 cucchiai di aceto di mele
  • 2 cucchiai di miele
  • olio
  • sale e pepe

Preparazione

  • Aprire il pollo su un foglio di carta da forno e poi aggiungere il trito di rosmarino, aglio, sale e pepe;
  • Preparare in una scodella il ripieno mettendo la salsiccia sgranata con l’uovo, il pane ammollato nel latte e strizzato, il pangrattato e il formaggio grattugiato;
  • Pulire i carciofi e saltarli in padella a spicchi con un po’ di olio e sale;
  • Mettere sul pollo il ripieno di salsiccia e carciofi ripassati in padella;
  • Arrotolare il pollo sul ripieno e chiudere come una caramella con il foglio di carta da forno;
  • Legare il tutto con lo spago e fare rosolare in un tegame con un po’ di olio, rigirandolo;
  • Aggiungere il trito di sedano, carota e cipolla e unire anche il brodo;
  • Coprire e far andare per 1 ora;
  • Preparare il contorno in una padella mettendo a rosolare la cipolla con un goccio di olio;
  • Unire i cavoletti di Bruxelles già tagliati a metà e rosolare;
  • Sfumare poi con l’aceto e unire il miele;
  • Aggiungere le castagne lesse e far insaporire il tutto;
  • Servire la carne con il contorno;

Continua la lettura » 1 2



Proudly powered by WordPress