Tag: tempo

Come fare la pizza in casa

Come fare la pizza in casa


Le strategie migliori utili per sapere come fare la pizza fatta in casa morbida

Tra i piatti più gustosi ed apprezzati della nostra tavola italiana vi è la pizza: oggi scopriremo insieme come fare la pizza fatta in casa, così da poter stupire i nostri commensali e appagare le nostre papille gustative.

Come fare la pizza fatta in casa morbida e gustosa?

Come potete ben immaginare, per poter preparare un’ottima pizza, è necessario scegliere con estrema attenzione gli ingredienti, ma soprattutto sapere bene come fare la pizza fatta in casa morbida. Solitamente, i meno esperti che si imbattono in questa preparazione non fanno sempre molta attenzione a tutti i comportamenti che bisogna adottare con gli ingredienti e alla fine si accontentano di una pizza modesta. Noi, invece, non vogliamo semplicemente rispondere alla vostra domanda “come fare la pizza fatta in casa”, bensì vogliamo darvi i migliori suggerimenti per poter preparare un’ottima base per la pizza, da condire poi secondi i propri gusti.

Il segreto per una pizza perfetta? Meno lievito e più pazienza!

La prima cosa da sapere per l’ottenimento di una pizza morbida riguarda i tempi di lievitazione: meno lievito si utilizzerà e più lungo sarà il tempo di attendere prima di poter gustare una pizza soffice. In alternativa, però, vi sono anche delle ricette che vi consentono di ottenere una buona pizza, aumentando la quantità di lievito e diminuendo i tempi.

Come fare l’impasto per la pizza

La ricetta che vi mostriamo oggi è perfetta per sapere come fare l’impasto per la pizza fatta in casa: si tratta di una ricetta che porta la firma di un grande maestro della panificazione, ovvero Renato Bosco. Molto spesso, difatti, abbiamo notato questo personaggio della cucina italiana a La Prova del Cuoco, mentre dava sfoggio delle sue grandi abilità. Per la preparazione di questa pizza non sarà necessario avere un forno da pizzeria, ma vi basterà semplicemente seguire le istruzioni, acquistare ingredienti di prima qualità e, dopodiché, mettervi a lavoro per la realizzazione di questa deliziosa ricetta.

Ecco come fare la pizza fatta in casa.

Renato Bosco ci insegna a preparare una buona pizza fatta in casa con un metodo chiamato impasto INDIRETTO.

INGREDIENTI per il preimpasto POOLISH

  • ingredienti per preparare il preimpasto poolish (250 grammi di farina 1, 250 grammi di acqua e 2 grammi di lievito, 10 gr di sale, 10 gr di olio)

Preparate il preimpasto poolish mescolando con una frusta tutti gli ingredienti. Ne otterrete un impasto molto “cremoso”. Lasciatelo riposare a temperatura ambiente per 12 ore.

INGREDIENTI per la pizza

Una volta preparato il preimpasto poolish, procuratevi gli ingredienti per la pizza, che saranno:

  • il preimpasto poolish,
  • 250 gr di farina 1
  • 150 gr di acqua
  • 10 gr di olio
  • 10 gr di sale

Procedimento: ecco come fare una buona pizza fatta in casa

  • Mettete nella vostra impastatrice (o impastate a mano) il preimpasto poolish con la farina e l’acqua. Dopo una decina di minuti aggiungete anche olio e sale.
  • A questo punto prendete un recipiente di plastica, ungetelo e riponetevi al suo interno l’impasto.
  • Ungete anche la superficie con olio e coprite con una pellicola a contatto, cosicchè l’impasto non prenda aria.
  • Lasciate in frigo per 12 ore.
  • Trascorse le 12 ore, prendete l’impasto e fate i vostri panetti.
  • Lasciate lievitare i panetti per due / tre ore circa a temperatura ambiente.
  • A questo punto stendete i panetti con i soli polpastrelli
  • Farcite e infornate a 250 gradi forno statico.

Preparazione Nocino dei Frati | Ricettepercucinare.com

Ricettepercucinare.com


nocino fatto in casa - nocino di San Giovanni - Myitalian.recipes

Il gusto avvolgente del nocino dei frati: un viaggio nella tradizione e nella preparazione

Cari amici appassionati di liquori artigianali e tradizioni italiane, oggi vi porterò in un affascinante viaggio nella preparazione del Nocino, un liquore tipico che porta con sé secoli di storia e il sapore avvolgente della tradizione monastica.

Nocino dei frati: un breve contesto storico

Il Nocino dei Frati è un liquore tipico pugliese, ed in particolare molto legato alla meravigliosa cittadina di Altamura, in provincia di Bari.. La sua storia e soprattutto la sua ricetta è radicata nelle tradizioni monastiche, con i frati che per secoli hanno dedicato tempo ed esperienza per perfezionare la ricetta di questo nettare oscuro. Perché oscuro? Perché la ricetta originale del Nocino dei frati di Altamura è un segreto custodito gelosamente da lungo tempo.

La magia degli ingredienti nella preparazione Nocino dei frati

La preparazione del Nocino è un’arte che richiede pazienza e dedizione. Gli ingredienti chiave includono noci verdi non mature, alcool, zucchero, e una selezione di spezie come chiodi di garofano, cannella e vaniglia. Questa miscela di ingredienti crea un connubio unico di sapori e aromi che rendono il Nocino così irresistibile. Le dosi? I frati altamurani che producono il famosissimo Padre Peppe, non la svelerebbero mai. Ma in Italia vi sono tante altre varianti del nocino dei frati, tutte ugualmente gustose ed interessanti.

Il rituale della raccolta delle noci

La magia inizia con la raccolta delle noci verdi, di solito a metà giugno, quando sono ancora tenere e immaturi. Questo momento è cruciale, poiché le noci devono essere tagliate con attenzione per evitare l’amaro eccessivo che potrebbe influire sul risultato finale.

La macerazione e l’attesa

Prodotti correlati Shop Laterradipuglia

Una volta raccolte, le noci vengono fatte macerare nell’alcool, dando vita a un processo lento e delicato. Il contenitore utilizzato tradizionalmente è di vetro o ceramica, consentendo al liquore di acquisire lentamente i sapori delle noci e delle spezie. La pazienza è la chiave in questa fase, poiché il Nocino richiede diverse settimane di riposo prima di raggiungere la perfezione.

Il dolce piacere del Nocino

Dopo la lunga attesa, il Nocino è pronto per essere filtrato e dolcificato con uno sciroppo di zucchero. Il risultato è un liquore dal colore scuro, con un aroma intenso e un sapore complesso che cattura l’essenza delle noci e delle spezie.

Tradizione da condividere

Il Nocino dei frati non è solo un liquore, ma un simbolo di convivialità e tradizione. La sua preparazione artigianale è una forma di arte che collega il passato al presente, offrendo a chiunque abbia il privilegio di assaporarlo un viaggio nei sapori autentici e nelle antiche tradizioni italiane.

In conclusione, preparare il Nocino dei frati è molto più di una semplice ricetta; è un atto di preservazione delle tradizioni e di celebrazione della ricchezza culturale italiana. Provate a immergervi in questo antico rituale e scoprite il piacere di gustare un nettare che racchiude secoli di esperienza e passione. 



Salsiccia cotta o cruda? | Ricettepercucinare.com

come capire se salsiccia cotta - Ricettepercucinare.com


come capire se salsiccia cotta - Ricettepercucinare.com

La salsiccia è un piatto amato in molte culture del mondo, dalla salsiccia italiana alla bratwurst tedesca. La sua versatilità e il suo sapore succulento la rendono una scelta popolare in molte cucine. Tuttavia, la cottura della salsiccia può essere una sfida per molti cuochi, specialmente per i principianti. Capire se la salsiccia è cotta è fondamentale per garantire una consistenza perfetta e un sapore delizioso. In questo articolo, esploreremo alcuni consigli e trucchi per assicurarti di cuocere la salsiccia nel modo giusto.

Colore e aspetto

Uno dei modi più semplici per capire se la salsiccia è cotta è osservare il suo colore e aspetto esterno. Una salsiccia cotta correttamente dovrebbe avere una tonalità uniforme di marrone dorato. Evita di cuocere troppo la salsiccia, poiché un colore troppo scuro potrebbe indicare una cottura eccessiva e renderla secca.

Guarda anche l’aspetto della pelle della salsiccia. Quando è cotta, dovrebbe essere croccante e dorata. Un aspetto opaco o una pelle troppo chiara potrebbero suggerire che la salsiccia ha bisogno di più tempo in padella o al forno.

Consistenza al tatto della salsiccia cotta e di quella cruda

Un altro metodo affidabile per verificare la cottura della salsiccia è toccarla. Usa una forchetta o le pinze per premere delicatamente sulla salsiccia. Se è cotta correttamente, dovrebbe essere soda al tatto ma non dura. Una salsiccia sottocotta apparirà molle, mentre una salsiccia troppo cotta sarà rigida e asciutta.

Temperatura interna: salsiccia cotta o no?

Misurare la temperatura interna della salsiccia è il metodo più accurato per garantire una cottura perfetta. Utilizza un termometro per carne inserito nel centro della salsiccia senza toccare l’osso, se presente. La temperatura interna ideale per la salsiccia di maiale è di circa 160 gradi Celsius, mentre per la salsiccia di manzo è di circa 145 gradi Celsius.

Tempo di cottura adeguato

Seguire il tempo di cottura consigliato è essenziale. Consulta la ricetta o le indicazioni sulla confezione della salsiccia per avere un’idea del tempo necessario. Tuttavia, ricorda che i tempi di cottura possono variare in base al tipo e alla dimensione della salsiccia. Non affidarti esclusivamente al tempo: verifica sempre la consistenza e la temperatura interna.

Riposo dopo la cottura

Dopo aver tolto la salsiccia cotta dal fuoco, lasciala riposare per alcuni minuti. Questo permette ai succhi di redistribuirsi, assicurando una salsiccia più succulenta. Durante il riposo, la temperatura interna della salsiccia può anche aumentare leggermente, quindi considera questo fattore nella tua valutazione della cottura.

In conclusione, capire se la salsiccia è cotta richiede un mix di esperienza, osservazione e tecnica. Utilizza i suggerimenti sopra indicati per raggiungere la cottura perfetta e assicurarti di deliziare il palato dei tuoi commensali con salsicce succulente e gustose. Con la pratica, diventerai un esperto nel valutare la cottura della salsiccia e ottenere risultati deliziosi ogni volta. Buon appetito!



Proudly powered by WordPress