Tag: secondi piatti

Patate al forno 4 errori da non fare

Patate al forno 4 errori da non fare


patate al forno - My Italian Recipes

Le patate al forno sono uno di quei piatti che non ha bisogno di domande nè di particolari presentazioni. Piacciono e basta. A tutti, da nord a sud, di qualunque età. Eppure, a volte ci è capitato di mangiarle più buone del solito, in qualche ristorante o gastronomia…mentre a noi sembra sempre che manchi qualcosa. E allora, ecco quattro errori da non fare quando si preparano le patate al forno. 

1 – Sbagliare patate

Ebbene sì, ci sono patate e patate. Ogni patata ha il suo uso e spesso sui sacchetti quest’uso è anche indicato, ma non sempre. Per “riassumere” sommariamente, dovete sapere che esistono le patate a pasta gialla, più grandi e spesso vendute in sacchetti a rete, le patate novelle, piccoline, e le patate rosse. Per fare le patate al forno vi sconsigliamo di usare le patate rosse, ma al contrario vi consigliamo di prediligere le patate a pasta gialla. Vanno bene quelle grandi e anche quelle novelle. Nel caso di quelle novelle, potete anche lasciare la buccia, più sottile e commestibile.

2 – Non metterle a bagno

L’errore numero due che potete commettere quando preparate le vostre patate al forno è quello di non mettere a bagno le patate. Il che significa lavarle, sbucciarle (a meno che non siano patate novelle), tagliarle a pezzi e metterle un quarto d’ora almeno in acqua fredda. In questo modo le patate rilasceranno gran parte dei loro amidi e saranno maggiormente predisposte a diventare irresistibilmente croccanti. Dopo averle sciacquate, scolatele benissimo dell’acqua in eccesso e disponetele su un canovaccio bene aperte. Tamponatele con carta assorbente ed asciugatele.

3 – Non ungerle a dovere

Le patate vanno unte ma non devono “nuotare” nell’olio. Per cuocerle, disponetele su carta forno, irroratele con un filo d’olio, salatele, aggiungete gli aromi che gradite (aglio, rosmarino, salvia, quello che vi piace) e poi, con le mani, rimestatele in modo che siano tutte ben unte su tutta la loro superficie. Questo metodo vi consentirà di avere tutte le patate ben unte senza usare litri d’olio.

4 – Farne troppe!

Anche sulle quantità vi dovrete regolare e, se davvero volete fare tante patate, dovrete considerare di usare due leccarde o teglie da forno. Perché vi diciamo questo? Perchè le patate non devono essere ammassate, ma tutte ben distese e ben aperte. Se le ammassate, finirete per lessarle.

 

Pollo al forno con patate FAQ

Pollo al forno con patate FAQ


Pollo al forno con patate: risposte alle domande più frequenti

Il pollo al forno con patate è un piatto classico della cucina casalinga che unisce la semplicità con il gusto. Tuttavia, ci sono diverse domande che possono sorgere durante la preparazione di questo piatto delizioso. Ecco le risposte alle domande più frequenti per garantire un risultato perfetto ogni volta.

Come non far diventare duro il pollo?

Per evitare che il pollo diventi duro durante la cottura al forno, è importante non esporlo a temperature troppo elevate per troppo tempo. Assicurati di non cuocere il pollo troppo a lungo e di utilizzare tecniche come marinatura o copertura con stagnola durante la cottura per mantenere la carne succosa.

A quale temperatura deve essere cotto il pollo?

Il pollo deve essere cotto a una temperatura interna di almeno 75°C per essere sicuro da consumare. Utilizza un termometro per carne per controllare la temperatura interna, assicurandoti di non superare i 75°C per evitare che la carne diventi secca.

Quante calorie ci sono in una coscia di pollo al forno?

Le calorie in una coscia di pollo al forno dipendono da diversi fattori, come le dimensioni della coscia e gli ingredienti aggiunti durante la preparazione. In generale, una coscia di pollo al forno senza pelle di dimensioni medie contiene circa 180-200 calorie.

Perché il pollo non si lava prima di cucinarlo?

Prodotti correlati Shop Laterradipuglia

Lavare il pollo prima di cucinarlo può aumentare il rischio di diffusione di batteri come il Salmonella nella cucina. Durante la cottura a temperature adeguate, eventuali batteri presenti sulla superficie del pollo saranno eliminati. Quindi è meglio evitare di lavare il pollo per garantire la sicurezza alimentare.

Come rendere il petto di pollo più morbido?

Per rendere il petto di pollo più morbido, puoi marinare la carne prima della cottura. Una marinatura a base di olio, aceto, erbe e spezie non solo aggiunge sapore al pollo, ma aiuta anche a tenerlo morbido e succoso durante la cottura.

Come lavare il pollo prima di cuocerlo?

È raccomandato di non lavare il pollo prima di cuocerlo per evitare la diffusione di batteri. Invece, se necessario, tampona delicatamente il pollo con carta assorbente per rimuovere eventuali residui di liquido o impurità superficiali.

Come si fa a sapere se il pollo è davvero cotto?

Puoi verificare la cottura del pollo utilizzando un termometro per carne. Inserisci il termometro nella parte più spessa del pollo (solitamente nel petto o nella coscia) e assicurati che la temperatura interna raggiunga almeno 75°C. Inoltre, la carne dovrebbe apparire bianca e non rosa una volta tagliata.

Quale carne va lavata prima di cucinarla?

In generale, non è consigliabile lavare la carne prima di cucinarla, compreso il pollo. Il lavaggio della carne può aumentare il rischio di contaminazione batterica nella cucina. È meglio cuocere la carne a temperature adeguate per garantire la sicurezza alimentare.

Cosa fanno bene le patate al forno?

Le patate al forno sono una buona fonte di carboidrati complessi, potassio e vitamina C. Inoltre, sono un’ottima aggiunta a un pasto equilibrato e possono essere preparate in molti modi diversi per adattarsi ai gusti individuali.

Cosa cambia tra patate lesse e patate al forno?

Le patate lesse sono bollite in acqua fino a quando non diventano tenere, mentre le patate al forno vengono cotte nel forno fino a quando non diventano morbide all’interno e croccanti all’esterno. Le patate al forno spesso hanno una consistenza più densa e un sapore più intenso rispetto alle patate lesse.

A cosa serve sbollentare le patate?

Sbollentare le patate prima di metterle in forno può aiutare a ridurre il tempo di cottura e garantire che le patate siano cotte uniformemente. Questo processo precoce di parziale cottura rompe la struttura cellulare esterna delle patate, facilitando la cottura successiva nel forno.

Come conservare le patate prima di metterle in forno?

Per conservare le patate prima di metterle in forno, è meglio tenerle in un luogo fresco, asciutto e buio, come una dispensa o un armadio. Evita di conservarle in frigorifero, poiché il freddo può convertire gli amidi delle patate in zuccheri, alterando il sapore e la consistenza.



Capocollo di Martina Franca, come usarlo in cucina

capocollo di martina franca - La Terra DI Puglia


Profumato e morbidissimo, il Capocollo di Martina Franca si scioglie in bocca
capocollo di martina franca - La Terra DI Puglia

Il capocollo di Martina Franca, a Martina Franca e non solo, è davvero un’istituzione. Solo in Val D’Itria si riesce a produrre questo straordinario insaccato molto amato anche fuori regione. Perchè lì clima, altitudine, temperature sono davvero unici ed irripetibili. Un piccolo paradiso pugliese, dove il clima è arido ed assolato così come nel resto della regione, ma reso più fresco dalla presenza di estese aree boschive, con querce, pini ed alberi secolari che rendono l’aria profumatissima e frizzantina anche in piena estate. E’ qui che, complice la sapienza dei produttori locali, nasce un prodotto unico ed irripetibile, il Capocollo di Martina Franca, appunto. Ma come gustarlo? Come utilizzarlo in cucina per valorizzarlo al meglio? A voi alcuni consigli. 

1 – Sulla pizza

Il capocollo di Martina Franca è ottimo sulla pizza. Gli abbinamenti che preferiamo sono quelli con la cipolla, oppure, tanto per restare in Puglia, con la stracciatella pugliese. Da provare assolutamente.

pizza con capocollo e cipolle

2 – Come antipasto fantasioso

Vi consigliamo di prendere qualche fettina di capocollo e di farcirla con un latticino pugliese, come una stracciatella oppure un pò di burrata, di aggiungere un pomodorino confit e di avvolgere il tutto come fosse un involtino. Disponete i vostri involtini a raggiera su un piatto steso e collocate al centro qualche oliva leccina. Et voilà, l’antipasto “made in Puglia” è pronto!

3 – Nei saltimbocca….. alla pugliese!

E’ vero, i saltimbocca per definizione sono alla romana e prevedono l’uso del prosciutto crudo. Ma visto che va di moda reinterpretare i piatti, perchè non provare a realizzare dei saltimbocca alla pugliese, per così dire, con il Capocollo di Martina Franca? Per farlo naturalmente dovrete sostituire un insaccato con l’altro. Provare per credere!

saltimbocca alla romana - My Italian Recipes

Proudly powered by WordPress