Tag: grammi

Come preparare la pasta frolla senza burro

crostata ricotta e marmellata - My Italian Recipes


crostata ricotta e marmellata - My Italian Recipes

Non tutti amano il burro oppure per ragioni legate alla dieta preferiscono evitarlo. Questo non significa dover rinunciare ad una bella fetta di crostata, anzi. Oggi è possibile preparare la pasta frolla senza burro ottenendo un risultato dal sapore gradevole e friabile al punto giusto. I tuoi ospiti non se ne accorgeranno nemmeno. E allora, mano al grembiule e vediamo come preparare la pasta frolla senza burro.

Come preparare la pasta frolla senza burro

La pasta frolla senza burro si prepara naturalmente senza burro, che andrete a sostituire con dell’olio. Scegliete un olio di semi, che è insapore e rende bene per questo tipo di preparazioni. L’olio extravergine di oliva, per quanto buono e sano, non va bene in questo caso, in quanto il suo sapore sarebbe un pò troppo coprente.

La ricetta della pasta frolla senza burro

Procuratevi 120 grammi di olio di semi, 100 gr di zucchero, 1 uovo, 300 gr di farina 00.

Prendete una ciotola e lavorate bene l’olio, lo zucchero e l’uovo. Poi aggiungete poco per volta la farina setacciata. Lavorate bene sino ad ottenere la vostra pasta frolla senza burro. E voilà! E’ pronta. Tiratela come di consueto, farcitela a piacere e cuocete. I tempi di cottura sono uguali a quelli di una frolla normale con il burro.

Cosa preparare con la pasta frolla senza burro?

Una ricetta che vi consigliamo è quella della crostata ricotta e marmellata, che è una delle ricette più amate dai nostri utenti. Potete prepararla sostituendo alla frolla tradizionale quella senza il burro e poi scegliendo la marmellata che meglio preferite. Potete usare quella di more, oppure preparare la crostata di ricotta e marmellata di frutti di bosco, o ancora affettare sottilmente una mela o una pera.

 

Tagliatelle, o per meglio dire, pasta fresca all’orzo con funghi porcini



Un primo piatto simbolo della stagione autunnale…ma le tagliatelle in questione hanno poco in comune con quelle tradizionali all’uovo…Leggete e scoprirete le differenze…

Non ci sono grandi segreti dietro queste tagliatelle, posso dire che l’unica somiglianza con quelle tipiche bolognesi è la forma, ossia una sfoglia di pasta sottile dalla quale si ricavano delle striscioline di circa mezzo centimetro di larghezza, il resto è tutto diverso. Forse perché quando preparo la pasta in casa prevale l’abitudine della tradizione mediterranea e utilizzo sempre semola di grano duro impastata esclusivamente con acqua. In questo caso però ho utilizzato una miscela fatta con il 70% di semola di grano duro e il 30% di farina integrale d’orzo, inoltre per impastare mi sono avvalsa dell’uso della planetaria e non ho steso la sfoglia con il mattarello… insomma chiamarle tagliatelle potrebbe essere visto da alcuni come un sacrilegio e per questo me ne scuso!!! Dopo la doverosa precisazione vi illustro la semplicissima preparazione di questa pasta.
Ingredienti per 4/6 porzioni:

  • 105 grammi di farina integrale d’ orzo;
  • 245 grammi di semola di grano duro;
  • 160 grammi di acqua.

Per il condimento:

  • 500 grammi di funghi porcini;
  • mezza cipolla bianca;
  • uno spicchio piccolo d’aglio;
  • 100 ml di vino bianco;
  • 200 ml di panna da cucina;
  • un pizzico di noce moscata;
  • 2 cucchiai di olio d’oliva.
  • un mazzetto di prezzemolo

Preparare la pasta.
Miscelate le due farine e incorporate lentamente l’acqua, impastate a mano ( o in planetaria) fino ad ottenere un impasto asciutto, elastico e compatto. La quantità di acqua è indicativa e va sempre adattata alla qualità della semola che state utilizzando in quel momento.
Lasciate riposare l’impasto per circa un’ora, dopo di che tirate delle sfoglie sottili e ritagliatele a striscioline di circa mezzo centimetro di larghezza. Io ho fatto tutto con la macchinetta per la pasta e ho risparmiato un bel po di tempo… A questo punto potete disporre le vostre “tagliatelle” su dei piani di legno ben allineate tra di loro, senza sovrapporle e lasciarle asciugare fino all’indomani, oppure, se preferite potete cucinarle subito.

Preparare il  condimento. 

Tritate molto finemente mezza cipolla bianca.Trasferitela in un tegame con il fondo grosso e fate cuocere con due cucchiai di olio, evitando però di far soffriggere troppo a lungo, se necessario ( e ritengo che sia necessario se volete una cipolla ben cotta) aggiungete qualche cucchiaio di acqua calda e due foglie di alloro che intensificano gli aromi. Nel frattempo tritate l’aglio e preparate i funghi tagliandoli a cubetti regolari.
Quando il fondo di cottura della cipolla sarà ben asciutto, aggiungete i funghi e l’aglio tritato (se volete potete aggiungere un po di olio) fate insaporire per qualche secondo e aggiungete il vino bianco. Fate cuocere finché il liquido sarà evaporato, regolate di sale e spolverizzate un poco di noce moscata, aggiungete la panna e proseguite la cottura per 2 minuti circa.
Riempite una pentola d’acqua, salate e portate all’ebollizione, aggiungete la pasta e fate cuocere per circa 5/ 6 minuti ( questi tempi sono relativi alla mia pasta e ovviamente dipendono dallo spessore). Prima di scolare la pasta mettete da parte un mestolo d’acqua di cottura.Scolate la pasta al dente e versatela nel condimento di panna e funghi, aggiungete un poco dell’acqua di cottura che avete messo da parte e fate andare il tutto per qualche secondo a fuoco vivace. Attenzione, non fate asciugare troppo il condimento ma lasciatelo morbido e un po cremoso. Spolverizzate con un trito di prezzemolo e servite.

Gnocchi di patate FAQ | Ricettepercucinare.com

gnocchi di patate - RicettePerCucinare.com


gnocchi di patate - RicettePerCucinare.com
Gnocchi di Patate FAQ: tutto ciò che devi sapere

Gli gnocchi di patate sono un piatto tradizionale della cucina italiana, apprezzato per la sua consistenza morbida e il sapore delicato. Queste piccole palline di pasta, fatte principalmente con patate, farina e uova, sono versatili e possono essere accompagnate da una vasta gamma di salse e condimenti. Tuttavia, ci sono molte domande comuni che le persone si pongono riguardo alla preparazione, conservazione e cottura degli gnocchi di patate. In questa guida FAQ, esamineremo le domande più frequenti su questo delizioso piatto.

Negli gnocchi di patate ci vanno le uova? Quante uova per un kg di farina?

La presenza delle uova negli gnocchi di patate può variare a seconda della ricetta e delle preferenze personali. Tradizionalmente, le uova vengono aggiunte agli gnocchi per conferire maggiore consistenza e legare gli ingredienti. Tuttavia, ci sono anche ricette che non includono le uova, adatte per chi segue una dieta senza glutine o è intollerante alle uova.

Per quanto riguarda la quantità di uova da aggiungere per un kg di farina, dipende ancora una volta dalla ricetta e dalla consistenza desiderata degli gnocchi. In generale, una ricetta standard potrebbe prevedere l’uso di circa 1-2 uova per kg di farina. Tuttavia, è sempre consigliabile seguire la ricetta specifica che si sta utilizzando e fare eventuali regolazioni in base alla consistenza dell’impasto. Un eccesso di uova potrebbe rendere gli gnocchi troppo densi, mentre troppo poche potrebbero farli disintegrare durante la cottura.

Quanti grammi di gnocchi di patate a persona?

La quantità di gnocchi di patate da servire a persona dipende dalle preferenze individuali e dal tipo di pasto che stai preparando. In media, si consiglia di calcolare circa 100-150 grammi di gnocchi crudi per persona per un piatto principale. Per porzioni più piccole o come contorno, si può ridurre questa quantità a circa 80-100 grammi a persona.

Come conservare gli gnocchi di patate crudi?

Prodotti correlati Shop Laterradipuglia

Se hai fatto in eccesso o hai acquistato gnocchi di patate crudi e desideri conservarli, è importante farlo correttamente per mantenere la loro freschezza. Gli gnocchi di patate crudi possono essere conservati in frigorifero, preferibilmente in un contenitore ermetico o ben avvolti in pellicola trasparente, per un massimo di 1-2 giorni.

Quante calorie ci sono in 100 grammi di gnocchi di patate?

Le calorie negli gnocchi di patate possono variare leggermente a seconda degli ingredienti specifici utilizzati nella ricetta, ma in generale, 100 grammi di gnocchi di patate cotti contengono circa 130-150 calorie. Questo valore può aumentare se vengono serviti con salse ricche o formaggi aggiuntivi.

Come si congelano gli gnocchi di patate?

Gli gnocchi di patate possono essere congelati per conservarli per un periodo più lungo. Per congelare gli gnocchi, è meglio disporli su un vassoio o una teglia in un singolo strato, facendo attenzione che non si tocchino. Metti il vassoio nel freezer fino a quando gli gnocchi non saranno solidi, quindi trasferiscili in sacchetti per alimenti o contenitori sigillati. Questo eviterà che gli gnocchi si attacchino insieme durante il congelamento.

Quanto durano gli gnocchi in freezer?

Se conservati correttamente, gli gnocchi di patate possono durare fino a 2-3 mesi nel freezer senza perdere troppa qualità. Assicurati di utilizzare contenitori sigillati o sacchetti per alimenti adatti al freezer per prevenire la formazione di brina e mantenere la freschezza degli gnocchi.

Come scongelare gli gnocchi crudi?

Per scongelare gli gnocchi di patate crudi, trasferiscili dal freezer al frigorifero e lasciali scongelare lentamente durante la notte. Evita di scongelarli a temperatura ambiente per evitare la proliferazione batterica. Una volta scongelati, puoi procedere con la cottura come desiderato.

Come cucinare gnocchi di patate congelati?

Quando si cucinano gnocchi di patate congelati, non è necessario scongelarli prima. Puoi semplicemente aggiungerli direttamente nell’acqua bollente e cuocerli per qualche minuto in più rispetto agli gnocchi freschi, fino a quando non salgono in superficie. Assicurati di non sovraccaricare la pentola, altrimenti potrebbero attaccarsi insieme durante la cottura.

Quanti gnocchi surgelati a testa?

Quando si servono gnocchi di patate surgelati, puoi calcolare circa 150-200 grammi a persona per un piatto principale. Questa quantità può variare a seconda delle preferenze individuali e se sono serviti come contorno o piatto principale.

Come conservare gli gnocchi fatti il giorno prima?

Se hai preparato gli gnocchi di patate in anticipo e desideri conservarli per il giorno successivo, puoi farlo in frigorifero. Mettili in un contenitore ermetico e conservali in frigorifero per un massimo di 1-2 giorni. Quando sei pronto per consumarli, puoi semplicemente riscaldarli in padella con un po’ di burro o olio fino a quando sono ben caldi.

Con queste risposte alle domande più comuni su gli gnocchi di patate, sei pronto a preparare, conservare e gustare questo delizioso piatto con fiducia. Se non ami le patate puoi preparare anche gnocchi di spinaci, gnocchi di zucca o di altri ingredienti a tua scelta.



Proudly powered by WordPress