Tag: Strudel

Strudel di mele FAQ | Ricettepercucinare.com

strudel di mele velocissimo- Ricettepercucinare.com


strudel di mele velocissimo- Ricettepercucinare.com

Il gustoso viaggio nello strudel di mele: risposte alle domande più frequenti

Introduzione:

Lo strudel di mele è una delizia culinaria che ha radici antiche e una popolarità che si estende ben oltre i confini delle Alpi. Originario dell’area austro-ungarica, questo dessert ha conquistato il cuore e il palato di molti, diventando un piatto amato in tutto il mondo. Ma dietro ogni fetta fragrante di questo dolce c’è una storia da raccontare, così come molte domande che possono sorgere su di esso.

Dove fanno lo strudel di mele?

Lo strudel di mele viene preparato principalmente nelle regioni alpine dell’Austria, della Germania, dell’Alto Adige in Italia e dell’Ungheria. Tuttavia, è diventato un piatto diffuso in molti paesi europei e viene preparato in molte cucine casalinghe e pasticcerie in tutto il mondo.

Quali sono le mele più adatte per fare lo strudel?

Le mele più adatte per fare lo strudel sono quelle con una consistenza soda e un gusto leggermente acidulo, come le mele Granny Smith, Fuji o Jonathan. Queste varietà mantengono la loro forma durante la cottura e offrono un equilibrio perfetto tra dolcezza e acidità al ripieno dello strudel.

Come si accompagna lo strudel di mele?

Lo strudel di mele si accompagna tradizionalmente con panna montata o gelato alla vaniglia, che aggiungono una cremosità deliziosa e contrastano bene con la dolcezza e la consistenza morbida del dessert. Alcune persone preferiscono anche servirlo con una spolverata di zucchero a velo o una salsa alla vaniglia.

Di dove è originario lo strudel?

Prodotti correlati Shop Laterradipuglia

Lo strudel ha le sue radici nella cucina dell’Impero asburgico, che comprendeva territori dell’attuale Austria, Ungheria, Repubblica Ceca e altri paesi dell’Europa centrale. Tuttavia, la sua forma moderna e la sua popolarità sono principalmente associate all’Austria e alle regioni circostanti.

Quante calorie ha un pezzo di strudel?

Le calorie in uno strudel di mele possono variare a seconda degli ingredienti e delle dimensioni della porzione. Tuttavia, in media, un pezzo di strudel di mele di dimensioni standard (circa 100 grammi) può contenere circa 250-300 calorie. Questo valore può variare leggermente in base agli ingredienti e al metodo di preparazione.

Come riscaldare lo strudel di mele?

Lo strudel di mele può essere riscaldato nel forno preriscaldato a 180°C per circa 10-15 minuti o fino a quando non è riscaldato uniformemente. In alternativa, può essere riscaldato in microonde per circa 1-2 minuti a potenza media. Assicurarsi di coprirlo con un foglio di alluminio per evitare che si secchi troppo durante il riscaldamento.

Quanto dura il dolce in frigo?

Lo strudel di mele può essere conservato in frigorifero per circa 3-4 giorni se conservato correttamente in un contenitore ermetico. Tuttavia, è meglio consumarlo entro 1-2 giorni per garantire la freschezza e la qualità ottimali del sapore.

Quanto si conserva?

Lo strudel di mele può essere conservato a temperatura ambiente per un massimo di 2 giorni, avvolto in carta stagnola o conservato in un contenitore ermetico. Per conservarlo più a lungo, è consigliabile riporlo in frigorifero o congelarlo.

Quanto costa lo strudel?

Il costo dello strudel di mele può variare a seconda della dimensione, della qualità degli ingredienti e del luogo dove viene acquistato. In genere, in una pasticceria o in un caffè, il prezzo di una fetta di strudel di mele può variare da circa 2 a 5 euro.

Quanto pesa una fetta di strudel di mele?

Il peso di una fetta di strudel di mele dipende dalle dimensioni del taglio e dalla consistenza del dolce. In media, una fetta di strudel di mele di dimensioni standard può pesare circa 100-150 grammi.

Quando è nato lo strudel di mele?

Le origini precise dello strudel di mele non sono note con precisione, ma si ritiene che abbia origini antiche risalenti al periodo dell’Impero asburgico, intorno al 17° secolo. Tuttavia, la sua forma moderna e la sua popolarità sono emerse principalmente nel XIX secolo, quando è diventato un piatto distintivo della cucina austriaca e ungherese.



Strudel di Cipolle alla Fiammetta

Questa ricetta cucinata da Fiammetta Cicogna in compagnia di Benedetta sembra un normale strudel, in realtà non è un dolce, bensì una sorta di quiche alle cipolle che davvero merita essere sperimentata per chi è amante del genere.

Puntata I Menu di Benedetta: 28 settembre 2012 (Menu Sembra ma non è[1])
Tempo preparazione e cottura: 80 min ca.

Ingredienti Strudel di Cipolle alla Fiammetta per 4 persone:

  • 3 cipolle
  • 3 acciughe
  • olio
  • acqua qb
  • pinoli qb
  • olive taggiasche qb
  • uvetta qb
  • 1 rotolo di pasta sfoglia
  • 1 tuorlo
  • latte qb

Procedimento ricetta Strudel di Cipolle alla Fiammetta di Benedetta Parodi

  1. Stemperare le acciughe in padella con un po’ d’olio
  2. Unire le cipolle affettate e farle stufare aggiungendo dell’acqua e salare.
  3. Tostare in un’altra padella i pinoli.
  4. Unire alle cipolle le olive tritate al coltello e l’uvetta.
  5. Una volta ben stufate le cipolle, togliere dal fuoco e unire anche i pinoli.
  6. Stendere la pasta sfoglia e farcirla con il ripieno alle cipolle, poi richiuderla arrotolandola e sigillando bene i bordi.
  7. Spennellare la superficie con il tuorlo diluito con un goccio di latte.
  8. Bucherellare la parte superiore dello strudel con uno stecchino.
  9. Cuocere in forno a 180 gradi per circa 40 minuti.

References

  1. ^ Menu Sembra ma non è

Strudel Salato alla Ricotta e Salsiccia

Uno strudel salato per un antipasto semplice da preparare se desiderate un’alternativa alla classica quiche da presentare in modo più originale: Benedetta Parodi ci propone oggi questo rotolo di pasta sfoglia farcito con un composto di ragù alla salsiccia e ricotta..

Tratta da: Molto Bene del 14 aprile 2014[1]
Tempo preparazione e cottura: 30 min. ca.

Ingredienti Strudel Salato alla Ricotta e Salsiccia per 4 persone:

  • 1 cipolla
  • Olio
  • 400 g di salsiccia
  • 5-6 pomodorini
  • Sale
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 1 rametto di rosmarino
  • 250 g di ricotta
  • 1 rotolo di pasta sfoglia
  • 1 uovo

Procedimento ricetta Strudel Salato alla Ricotta e Salsiccia di Benedetta Parodi

  1. Rosolare la cipolla affettata in padella con un goccio d’olio.
  2. Sgranare la salsiccia e metterla in padella con la cipolla.
  3. Tagliare i pomodorini a metà e unirli al resto del sugo in cottura, poi aggiustare di sale, sfumare col vino bianco e unire il rosmarino.
  4. Portare a cottura, poi trasferire in una ciotola ad intiepidire.
  5. Appena il ragù sarà un po’ raffreddato, aggiungere la ricotta e amalgamare.
  6. Srotolare la sfoglia su una placca da forno e spennellarla con l’albume, poi formare una striscia lunga con il composto di ricotta e salsiccia e arrotolare la pasta su se stessa.
  7. Spennellare anche la superficie con l’albume ed incidere con dei tagli trasversali lo strudel.
  8. Infornare a 200 gradi e cuocere per circa 20 minuti. 

References

  1. ^ Molto Bene del 14 aprile 2014

Proudly powered by WordPress