Tag: soffritto

Minestra di Fagioli Magici

Nome fiabesco per il primo del menu di oggi: una minestra di fagioli …”magici”. In realtà si tratta di un piatto piuttosto semplice e non occorre essere dei “maghi” dei fornelli per prepararla. La magia? Un modo per far mangiare questo piatto anche ai bambini!

Puntata I Menu di Benedetta: 26 novembre 2012 (Menu delle Favole[1])
Tempo preparazione e cottura: 45 min ca.

Ingredienti Minestra di Fagioli Magici per 4 persone:

  • 100 gr di pancetta a cubetti
  • misto per soffritto qb
  • 450 gr di borlotti surgelati
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • brodo vegetale qb
  • sale
  • rosmarino qb
  • 150 gr di pasta da minestra (tipo ditalini)

Procedimento ricetta Minestra di Fagioli Magici di Benedetta Parodi

  1. Rosolare la pancetta senza olio nel tegame assieme al misto per soffritto.
  2. Unire i fagioli e farli insaporire bene.
  3. Aggiungere il rosmarino e qualche mestolo di brodo (oppure acqua calda con dado granulare), poi una presa di sale grosso.
  4. Unire il concentrato di pomodoro poi lasciare andare per una mezzoretta a fuoco dolce.
  5. Fuori dal fuoco frullare leggermente col mixer ad immersione, ottenendo una consistenza leggermente cremosa ma non completamente frullato.
  6. Rimettere sul fuoco ed aggiungere la pasta  e portare al termine della cottura.
  7. Servire con parmigiano e un giro d’olio.

References

  1. ^ Menu delle Favole

Quanto devono cuocere le seppie?

Ricettepercucinare.com


Quanto devono cuocere le seppie? - Ricettepercucinare.com

Quanto devono cuocere le seppie? Questa domanda assilla molti cuochi e molte cuoche “casalinghe”. Spesso siamo tutti propensi a comprare cibo e materie prime di ottima qualità, ma poi rischiamo di rovinare tutto con le cotture. Carne e pesce hanno cotture differenti. A volte molto prolungate (questo vale in particolar modo per la carne), altre volte invece veloci (e questo è più frequente per il pesce). Ma non è tutto così semplice. Alcuni cibi se stracotti diventano duri, o collosi, o gommosi. Ecco perchè è importante conoscere i tempi di cottura dei cibi. Parliamo allora oggi delle seppie. Vediamo come si preparano in modo da ottenere un prodotto cotto a puntino e soprattutto molto morbido. 

Come capire se la seppia è cotta? Quanto devono cuocere le seppie?

Prima di rispondere alla domanda “quanto tempo devono cuocere le seppie?”, diamo subito un trucchetto molto pratico e comodo per arrivare subito al dunque e non guardare nemmeno l’orologio. Per sapere se la seppia è cotta, prendete uno stuzzicadenti ed infilzatela. Se lo stuzzicadenti penetra facilmente nella seppia, questa è cotta. Se al contrario fa fatica, la seppia è ancora cruda.

Come si cucinano le seppie alla griglia?

La seppia alla griglia è sempre molto gradita, sia in estate che in inverno. Prepararla è tutto sommato abbastanza semplice e anche veloce. Se siete alla ricerca di ricette veloci dunque questa è una ricetta che fa per voi. Allora, lavate la seppia fresca, tagliatela in strisce o pezzettoni, poi tamponatela con carta assorbente. A questo punto accendete una griglia di ghisa e scaldatela molto bene. Deve essere rovente! Non vi resta che posare la seppia sulla bistecchiera e posarvi sopra un peso. A questo punto attendete 3 minuti. Dopo 3 minuti, girate la seppia. Proseguite per altri tre minuti e la seppia sarà pronta. Le seppie alla griglia cuociono 6 minuti circa. 

Quanto devono cuocere le seppie in pentola a pressione?

Mettete le seppie in poca acqua nella pentola a pressione. Chiudete. Dal momento del fischio potete calcolare 15 minuti. In alternativa, potete anche aggiungere un po’ di sugo o passata di pomodoro. In questo modo otterrete un buon sugo di pesce, facile e veloce. Se volete potete fare un breve soffritto e poi aggiungere le seppie e il pomodoro, mezzo bicchiere di acqua, chiudere e cuocere per 15 minuti dal fischio.

Come si cucinano le seppioline surgelate?

Le seppie surgelate hanno il vantaggio che non devono essere pulite. Dunque vi consentono di risparmiare tempo. In generale, ad ogni modo, le seppie surgelate o le seppioline surgelate non richiedono tempi di cottura eccessivamente prolungati. Fate finta di avere per le mani delle seppie fresche, sarà uguale.

Speriamo di aver risposto alla domanda “quanto devono cuocere le seppie”! Rimanete sintonizzati sul nostro magazine per altre risposte relativamente ai tempi di cottura dei vari prodotti alimentari.



Sughi veloci per gnocchi, idee

Ricettepercucinare.com


sughi veloci per gnocchi - Ricettepercucinare.com

Preparare gli gnocchi è facile e divertente: un bel chilo di patate, un terzo di farina, un pizzico di sale e, se gradito, un uovo. E’ un passatempo divertente per la domenica mattina ed è l’ideale per coinvolgere anche i bambini. Se non vi va di cimentarvi, o se non è domenica, sono moltissimi i negozietti di pasta fresca fatta in casa dove potete anche acquistare degli ottimi gnocchi già pronti. Se cerchi sughi veloci per gnocchi, idee nuove e diverse dal solito perchè gli gnocchi ti piacciono tanto ma vorresti condirli con fantasia, ti diamo noi qualche spunto. 

I sughi veloci per gnocchi che andiamo or ora a proporre sono diversi dal solito. Diamo per scontato che i classici sughi per gnocchi siano già noti a tutti. Ci riferiamo ovviamente al sugo di pomodoro e al sugo al ragù. Un altro sugo o condimento per gnocchi abbastanza comune in alcune regioni italiane per condire gli gnocchi è quello a base di fegatini. Ma passiamo oltre e lasciamo spazio alla fantasia.

1 – Gnocchi alla sorrentina

Un altro grande classico in fatto di sughi per gnocchi sono gli gnocchi alla sorrentina. Preparate un sugo fresco di pomodoro, aggiungete del buon Parmigiano e completate con mozzarella filante.

2 – Gnocchi ai quattro formaggi

Per preparare gli gnocchi ai quattro formaggi potete anche attingere a ciò che avete nel frigorifero. Capita sovente che nel frigo si accumulino piccoli avanzi di formaggi misti più o meno dimenticati. Recuperateli, privateli delle croste, riduceteli a dadini piccoli e metteteli in padella. Aggiungete un filo di latte e accendete la fiamma bassa. Ne otterrete una bella cremina con la quale potete condire velocemente i vostri gnocchi di patate. Una ricetta svuotafrigo davvero intelligente che, se volete, potete rendere gourmet con una grattugiata di tartufo.

3 – Gnocchi al ragu di salsiccia

Un’alternativa al classico ragu alla bolognese per condire gli gnocchi di patate è il ragu di salsiccia. Anche questo è uno dei sughi veloci per gnocchi che a noi piace tanto. Acquistate la salsiccia, sgranatela, saltatela su un soffritto di cipolla e carota, aggiungete qualche pelato o un pò di passata di pomodoro e portate a cottura.

4 – Sughi veloci per gnocchi con i funghi: gli gnocchi alla boscaiola

Tra i sughi veloci per gnocchi menzioniamo poi un grande classico autunnale, gli gnocchi alla boscaiola. Procuratevi degli ottimi funghi misti freschi, se possibile anche qualche porcino. Mondateli, tagliateli a listarelle e saltateli su una base di aglio e prezzemolo. Aggiungete un pò di panna e saltatevi gli gnocchi. Completate con un cucchiaino di grana padano.

5 – Gnocchi al salmone fresco e zucchine

Completiamo la carrellata dei sughi veloci quello con salmone fresco e salmone. Acquistate una fetta bella spessa di gnocchi al salmone. Fatele prendere calore in padella e poi con un mestolo di legno sfaldate tutto il salmone per bene. Grattugiate tre zucchine grosse con una grattugia a fori grossi. Saltate tutto insieme per bene, salate, aggiungete la scorza di mezzo limone e un po’ del suo succo. Ed ecco l’ultimo golosissimo condimento per gnocchi veloce veloce.



Proudly powered by WordPress