Subscribe via RSS

Sciroppo limone e salvia per una bibita genuina e dissetante

Il prossimo fine settimana sarà, secondo previsioni, molto caldo ed afoso non mi sembra il caso di proporvi di accendere il forno o una ricetta troppo complicata 
Una ricetta però non può mancare 
per festeggiare i quattro anni di questo mio piccolo spazio….
per dire GRAZIE a voi che con fiducia mi seguite provando quello che vi propongo ed apprezzando il mio modo di trasmettere la gioia del cucinare ……..
per tutto questo è perfetta questa dissetante non ricetta, rapida quanto apprezzata in questo periodo. 
La “ricetta” è di Maria una ragazza che ha fatto con me il corso di panificazione. 
E’ un dissetante sciroppo alla salvia e limone da tenere sempre in frigo per delle bibite genuine e dissetanti, se lo offrite ai vostri ospiti non svelate subito gli ingredienti, dopo l’assaggio saranno meravigliati ed il bis sarà assicurato 

40 foglie di salvia medio-grandi 
4 limoni non trattati 
1 litro d’acqua 
600-700gr zucchero 

Il procedimento è semplicissimo ed è talmente buono ed apprezzato che io faccio doppia dose 
In una coppa fare degli strati alternati di salvia e fette sottili di limone (ho usato dei bellissimi limoni di Sorrento), quindi aggiungere un litro d’acqua, coprire e lasciare in infusione per 20-24 ore. 

Il giorno dopo, o trascorso il tempo, mettere in una pentola tutto il liquido ottenuto, schiacciare aiutandosi con uno schiacciapatate (o altro utensile simile) le fette di limone e la salvia per recuperare tutto il liquido d’infusione. Aggiungere al succo 600gr (o 700gr secondo i gusti) di zucchero e riscaldare lo sciroppo quel tanto che basta per sciogliere lo zucchero. 
Quando sarà tutto sciolto, filtrare lo sciroppo e trasferirlo in una bottiglia di vetro, farlo raffreddare e poi conservarlo in frigorifero. 

Per un ottimo bicchiere dissetante, basterà aggiungere un po’ di sciroppo in un bicchiere d’acqua fresca e sorseggiarlo. 
Il suo gusto delicato e fresco sarà veramente rinfrescante.

Offro a tutti Voi un bel bicchiere dissetante, ringraziandovi e augurandovi un buon weekend

Ciambella di Mele, Noci e Cioccolato

E per chiudere in bellezza/dolcezza la settimana (che caso!) eccovi una ciambella profumatissimaaaa  e buona altrettanto 😛
Da campana D.O.C. (abitante in Campania) ho utilizzato le mele dalla mia terra: l’Annurca; ma si può tranquillamente sostituire con la renetta o con qualunque altra vi trovate in casa (se avete fretta di provare).
Con questa ricetta vi auguro un buon fine settimana sperando che si plachi la pioggia e ci regali, non dico il sole, ma almeno il bel tempo.
Ciambella di Mele Annurca, Noci e Cioccolato

250 gr farina,
3 uova,
125 gr burro,
3 mele Annurca
50 gr noci sgusciate,
150 gr zucchero,
100 gr cioccolato fondente,
un bicchierino di liquore Strega,

2 cucchiai di zucchero di canna,
1 bustina di lievito per dolci,
cannella in polvere,
pangrattato.

Lavorare il burro, ammorbidito a temperatura ambiente, con lo zucchero, unire i tuorli, la farina, il lievito, la grappa e la cannella (ne risulterà un impasto consistente).
Sbucciare le mele e tagliarle a dadini, tritate le noci, spezzettare il cioccolato e unire il tutto al composto mescolando bene con un cucchiaio di legno.
Montare a neve gli albumi e incorporarli delicatamente al composto.

Imburrare uno stampo a ciambella, spolverizzarlo con pangrattato e versare il composto, livellare la superficie e cospargerla di zucchero di canna.

Infornare, in forno caldo, a 180° per un ora circa, vale la prova stecchino.

I fusilli con piselli e patè cunzato

In uno dei tantissimi libri bimby ho trovato la ricetta di un patè: patè cunzato.

Cunzato è un termine siciliano che significa “ condito”……ora vediamo come….

Di mio ho cambiato qualcosa nelle proporzioni degli ingredienti.

Per chi non ha il bimby la ricetta è fattibilissima perchè basta sostituire il bimby con un qualsiasi mixer con le lame.

Per mia abitudine, quando preparo un patè che mi servirà per condire della pasta o per essere spalmato su tartine,ne faccio una dose abbondante in modo tale da trovarmelo pronto nei giorni in cui cucinare è impossibile ( leggasi riunioni pomeridiane a scuola ).

I barattolini che riempirò di patè saranno,naturalmente,da me sterilizzati a bagnomaria per 30 minuti.

 

piattino e canovaccio da cucina GreenGate

 

Ingredienti per il patè cunzato:

125 g di mandorle bianche Emporio Ecologico

200 g di olive nere snocciolate

4 spicchi d’aglio

30 g di capperi in olio extravergine d’oliva Bonomo e Giglio

poca menta fresca ( circa 10 foglioline)

un pizzico di peperoncino

240 g di pomodori secchi Life

un poco di origano

220 g di olio extravergine d’oliva

Inoltre:

pasta formato fusilli Franciacorta Valdigrano

pisellini ( i miei surgelati)

una nocciolina di burro

poca cipolla

olio,sale e pepe

acqua q.b.

formaggio grana grattugiato

 

Riunire nel boccale bimby le mandorle,i capperi,le olive nere,l’aglio,i pomodori secchi,il peperoncino e la menta: fare andare 10 secondi velocità 7.

Riunire sul fondo con la spatola ed aggiungere,dal foro del coperchio, l’olio e l’origano facendo andare per 30 secondi a velocità 4.

Fatto il patè cunzato non resta che lasciarne un poco per condire la pasta e, con il rimanente,riempire dei barattolini che verranno poi sterilizzati.

Mettere la pentola con l’acqua sul fuoco ( per la pasta) e dedicarsi a preparare i pisellini al burro.

In un tegamino rosolare poca cipolla tritata  in olio e burro,aggiungere i pisellini,sale e pepe e cuocere dolcemente con un po’ di acqua.

Mettere in pentola i fusilli e,appena cotti,versarli in una padella con il patè cunzato,i pisellini ed una spolverata di grana grattugiato.Mescolare bene il tutto e servire in tavola.