Subscribe via RSS

Coniglio alle Prugne

Con la simpatica presenza di Paolo Ruffini ecco come Benedetta ha cucinato questa sera un piatto a base di coniglio, con la carne marinata al vino rosso e cotta con prugne e cipolline borretane aromatizzate al cioccolato.

Puntata I Menu di Benedetta: 8 gennaio 2013 (Menu Prendiamola per la Gola[1])
Tempo preparazione e cottura: 90 min ca.

Ingredienti Coniglio alle Prugne per 4 persone:

  • 1 coniglio a pezzi
  • 1 bicchiere di vino rosso
  • 1 cucchiaio di aceto
  • 100 gr di pancetta
  • 10 cipolline borretane
  • 3 spicchi d’aglio
  • 10 gr di cioccolato fondente
  • alloro, cannella, timo qb
  • acqua qb
  • sale
  • 12 prugne secche

Procedimento ricetta Coniglio alle Prugne di Benedetta Parodi

  1. Marinare la carne in vino rosso e aceto per almeno una decina di minuti.
  2. Sgocciolare la carne, tenendo da parte la marinata, e rosolarla velocemente in una padella dai bordi alti.
  3. Togliere la carne dalla padella e inserire cipolline e pancetta a rosolare.
  4. Dopo qualche minuto aggiungere alle cipolle anche aglio, cioccolato fondente, la marinata e gli odori.
  5. Fare insaporire velocemente, poi rimettere il coniglio nella padella con un goccio d’acqua.
  6. Dopo 20-30 minuti aggiungere le prugne e aggiustare di sale, poi terminare la cottura coperto per un’altra mezzoretta.

References

  1. ^ Menu Prendiamola per la Gola

Ravioli salati con pasta brisè-

Ingredienti per 50 ravioli:
Doppia dose di pasta brisè allo yogurt
50 g di parmigiano grattugiato
Semi di papavero o altri di vostro gradimento qb.
Per la superficie
2 tuorli d’uovo 
2 cucchiai di latte
Procedimento:
Stendete la pasta brisè con il mattarello, abbastanza sottile, con un bicchiere o tazza delle dimensioni del stampo per piegare i ravioli.
Prendete ora i cerchi di pasta e appoggiateli sul “piegaravioli”, al centro mettete un mezzo cucchiaino di parmigiano grattugiato e chiudeteli pressando bene. Togliete la pasta in eccesso, che uscirà dal bordo saldato,  mettetela da parte,  la recupererete alla fine. Appoggiate i ravioli su di una teglia con carta forno.
Lavorate in questo modo, fino a terminare la pasta recuperando anche i ritagli. 
Sbattete l’uovo con il latte e spennellate la superficie di ogni raviolo e cospargete con semi di papavero.
Infornate a 200 gradi, forno ventilato per 30 minuti.
Tempo di preparazione: 60 minuti
Tempo di cottura: 30 minuti
Difficoltà: bassa
Due parole..
I tempi indicati sono stati considerati con la pasta brisè preparata in precedenza.
Se fate la mia allo yogurt, potete prepararla con largo anticipo, io l’ho utilizzata dopo 3 giorni di frigorifero e si è lavorata a meraviglia, per nulla appiccicosa e morbida al punto giusto. Avete anche la possibilità di acquistarla pronta al supermercato, velocizzando ulteriormente i tempi di preparazione.
L’uovo spennellato sulla superficie farà si che i semi si fermino e non vadano persi in cottura.

Ecco perché mangiare i lampascioni

Che cosa sono i lampascioni?
Come saprete bene, la cucina pugliese ci propone veramente tante leccornie della sua terra e ci permette pure di gustarle in diversi modi. Un esempio evidente si denota proprio con i lampascioni, dei piccoli bulbi che possono sembrare delle cipolline, appartenenti alla famiglia delle Liliaceae. Si tratta di un prodotto decisamente diffuso in Puglia ed, oggigiorno, sono tanti ad apprezzarli, poiché si possono portare in tavola come un bell’antipasto, ma anche accompagnarli a tante altre ricette. Il loro sapore amarognolo e leggermente pungente, con una texture carnosa, lì rende appetitosi e perfetti per ogni pasto, da quello di carne a quello di pesce. Oggi, però, non desideriamo parlare della ricetta dei lampascioni, bensì vogliamo farvi sapere perché non si può proprio fare a meno di sfoggiarli sulla tavola per impreziosire tutti i nostri piatti.
Lampascioni: afrodisiaci e gustosi da portare a tavola
Non tutti conoscono questo prodotto della Puglia ed anzi, alcuni si limitano semplicemente a mangiarlo poiché attratti dal gusto. In realtà, però, si tratta di un bulbo che ha proprietà benefiche per il nostro organismo. Oltre ad essere contraddistinti da un basso apporto calorico-diuretico, sono perfetti per abbassare la pressione sanguigna e diminuire i grassi presenti nel nostro sangue; peraltro, svolgono pure un’effetto lassativo. Se non vi avessimo convinti, vi diciamo pure che sono ritenuti sin dall’antichità un prodotto afrodisiaco: infatti, sembra proprio che in età romana si era soliti servirli durante i banchetti dei matrimoni, giacché era un buon augurio per gli sposi. Non resta che provarli e gustarli in tanti modi!
Se desiderate provare anche voi i lampascioni e tanti altri prodotti della Puglia non perdete d’occhio il nostro shop LaTerraDiPuglia