Tag: pizza

Funghi ripieni in tre diverse versioni

Molto spesso i funghi nelle ricette, sono relegati al ruolo di coadiuvanti dell’ingrediente principale e lo sostengono nell’esaltazione del gusto, ma talvolta possono diventare anch’essi protagonisti del piatto. Scopriteli in tre diverse versioni

Oggi vi propongo i funghi ripieni in tre varianti: 


Funghi ripieni con erbe aromatiche

Ingredienti:

  • 600 grammi di funghi champignon (circa 12)
  • 30 grammi di pane ammorbidito nel latte
  • 1 tuorlo
  • 1 spicchio d’aglio
  • maggiorana
  • un rametto di rosmarino
  • origano
  • 2 foglie di salvia
  • olio


Lavate i funghi e staccate delicatamente i gambi dal capello. Disponete quest’ultimi su un canovaccio, con le lamelle rivolte verso il basso in modo che perdano l’acqua che si è accumulata durante il lavaggio. Prendete i gambi e tritateli molto finemente insieme all’aglio e al prezzemolo. Sminuzzate anche gli aghi del rosmarino e le foglioline di salvia. Trasferite il tutto in una terrina, aggiungete una spolverata di maggiorana essiccata (se disponete delle erbe fresche tanto meglio!) e origano. Unite il pane ben strizzato, il tuorlo, un pizzico di sale e mescolate per bene in modo da distribuire omogeneamente i sapori. Ora, con questo composto riempite i capelli dei funghi messi da parte. Ungete con un filo d’olio il fondo di una teglia e sistematevi i funghi. Cospargeteli con del pan grattato e fate cuocere in forno caldo  a 180-200 °C per circa 20-30 minuti.


Nota.
Questa versione ha un sapore abbastanza intenso e ho sentito prevalere il gusto pungente dell’aglio crudo. Per attenuarne il gusto fate trifolare i gambi dei funghi tritati insieme all’aglio e un cucchiaio d’olio.


Funghi ripieni con cimette di cavolfiore.

Ingredienti:

  • 600 grammi di funghi
  • 150 grammi di cavolofiore
  • ¼ di cipolla
  • noce moscata
  • prezzemolo
  • 1 uovo
  • 2 cucchiai di grana grattugiato


Preparate i funghi come già descritto al primo punto.
Lessate le cimette di cavolfiore in acqua leggermente salata. Nel mentre tritate finemente la cipolla e fatela cuocere brevemente in una padella con un cucchiaio d’olio, unite i gambi dei funghi tritati e fate insaporire per qualche minuto. Nel frattempo il cavolfiore sarà giunto a cottura (dovrà essere abbastanza morbido), quindi scolatelo e versatelo nella stessa padella insieme alle cipolle e ai gambi dei funghi. Lasciate insaporire per qualche minuto dopo di che spegnete e  con una forchetta schiacciate grossolanamente le cimette di cavolfiore quasi a volerle ridurre in una purea. Aspettate che il composto si sia intiepidito e dopo di che procedete ad aggiungere l’uovo, il prezzemolo, la noce moscata e un pizzico di sale. Amalgamate per bene e suddivite il composto sui vostri funghetti. Disponeteli su una teglia e fate cuocere in forno caldo a 180-200 °C per circa 20 minuti


Nota
Questa versione, secondo me, si presenta con un sapore più delicato, infatti  la nota dolce del cavolo e della cipolla ben cotti, attenua il gusto terroso dei funghi.


Funghi ripieni alla pizzaiola.

Ingredienti:

  • 600 grammi di funghi
  • 3 pomodori piccoli
  • 1 manciata abbondante di capperi sotto sale
  • 1 spicchio d’aglio,
  • qualche fogliolina di prezzemolo
  • origano
  • mezza cipolla



Prima di tutto mettete in ammollo i capperi in acqua tiepida per 10 minuti, poi procedete a preparare i funghi: lavateli e staccate delicatamente i gambi dal capello. Disponete quest’ultimi su un cannovaccio, con le lamelle rivolte verso il basso in modo che perdano l’acqua che si è accumulata durante il lavaggio. Prendete i gambi e tagliateli a piccoli pezzetti. Scolate e sciacquate i capperi sotto l’acqua corrente, strizzateli e  tritateli  grossolanamente. Preparate un trito di aglio e prezzemolo. Mettete un cucchiaio d’olio in una padella e fate trifolare per qualche minuto i gambi dei funghi con i capperi, l’aglio e il prezzemolo.
Tritate molto finemente anche l’aglio e il prezzemolo Versate il tutto in una padella con un cucchiaio d’olio e fate trifolare per 5 minuti. Togliete dal fuoco e aggiungete i pomodorini ridotti a cubetti regolari, mescolate bene, spolverate con del pan grattato, origano e regolate di sale. Suddividete il composto sui funghi. Disponete sul fondo della teglia un letto di cipolle affettate sottilmente, aromatizzate con del rosmarino e adagiatevi sopra i funghi ripieni, spolverate nuovamente il tutto con altro origano e pan grattato. Fate cuocere in forno per circa 20 minuti a 180-200°C.


Nota
Il classico abbinamento del pomodoro con l’origano richiama al palato il gusto tipico della pizza. Inoltre la previa cottura dell’aglio ha impedito che il suo aroma predominasse su tutti gli altri ingredienti.


E voi quale versione preferite?

Capocollo di Martina Franca, come usarlo in cucina

capocollo di martina franca - La Terra DI Puglia


Profumato e morbidissimo, il Capocollo di Martina Franca si scioglie in bocca
capocollo di martina franca - La Terra DI Puglia

Il capocollo di Martina Franca, a Martina Franca e non solo, è davvero un’istituzione. Solo in Val D’Itria si riesce a produrre questo straordinario insaccato molto amato anche fuori regione. Perchè lì clima, altitudine, temperature sono davvero unici ed irripetibili. Un piccolo paradiso pugliese, dove il clima è arido ed assolato così come nel resto della regione, ma reso più fresco dalla presenza di estese aree boschive, con querce, pini ed alberi secolari che rendono l’aria profumatissima e frizzantina anche in piena estate. E’ qui che, complice la sapienza dei produttori locali, nasce un prodotto unico ed irripetibile, il Capocollo di Martina Franca, appunto. Ma come gustarlo? Come utilizzarlo in cucina per valorizzarlo al meglio? A voi alcuni consigli. 

1 – Sulla pizza

Il capocollo di Martina Franca è ottimo sulla pizza. Gli abbinamenti che preferiamo sono quelli con la cipolla, oppure, tanto per restare in Puglia, con la stracciatella pugliese. Da provare assolutamente.

pizza con capocollo e cipolle

2 – Come antipasto fantasioso

Vi consigliamo di prendere qualche fettina di capocollo e di farcirla con un latticino pugliese, come una stracciatella oppure un pò di burrata, di aggiungere un pomodorino confit e di avvolgere il tutto come fosse un involtino. Disponete i vostri involtini a raggiera su un piatto steso e collocate al centro qualche oliva leccina. Et voilà, l’antipasto “made in Puglia” è pronto!

3 – Nei saltimbocca….. alla pugliese!

E’ vero, i saltimbocca per definizione sono alla romana e prevedono l’uso del prosciutto crudo. Ma visto che va di moda reinterpretare i piatti, perchè non provare a realizzare dei saltimbocca alla pugliese, per così dire, con il Capocollo di Martina Franca? Per farlo naturalmente dovrete sostituire un insaccato con l’altro. Provare per credere!

saltimbocca alla romana - My Italian Recipes

Cornetti sfogliati velocissimi, come fare?

Sfornare e gustare


Sfornare e gustare

I cornetti sfogliati sono uno dei grandi “tormentoni” del momento. Al pari della pizza fatta in casa, del pane fatto in casa e di altre ricette imperdibili che immancabilmente fanno capolino nelle cucine degli italiani, anche i cornetti non sono da meno. Tuttavia, il procedimento per realizzarli è piuttosto lungo e laborioso. Fare le varie “pieghe” con relativi tempi di attesa richiede tempo, pazienza ed un minimo di manualità. E allora, vediamo come preparare dei cornetti sfogliati velocissimi e davvero super sfogliati e super buoni. Si parte!

Cornetti sfogliati velocissimi: bye bye pieghe!

Come preparare insomma dei cornetti sfogliati velocissimi senza perdere troppo tempo, ma con la garanzia di avere un buon prodotto finale? I segreti non mancano e non abbiamo timore a svelarveli…

  1. Aggiungere all’impasto della panna fresca per dolci
  2. Aggiungere all’impasto dello yogurt bianco
  3. Usare direttamente la pasta sfoglia!

Aggiungere panna o yogurt all’impasto dei cornetti sfogliati

Aggiungere panna o yogurt all’impasto conferisce al prodotto finale una sofficità davvero notevole ed un effetto sfogliato impareggiabile e più che dignitoso, anche se non siete pasticceri provetti. Se avete una planetaria o una impastatrice o un robot da cucina Bimby farete ancora prima, ma anche impastando a mano non sarà difficile realizzarli.

Per leggere la ricetta completa, testata e collaudata, dei cornetti allo yogurt, cliccate qui.

Non dimenticate di inviarci la fotografia del vostro prodotto finito, sempre che facciate in tempo a scattarla.

Cospargere di zucchero granella

Preparare i cornetti sfogliati velocissimi con la pasta sfoglia

E’ vero, è un trucco davvero scontato, eppure anche con la pasta sfoglia potrete ottenere dei cornetti sfogliati gradevoli e divertenti per tutta la famiglia. Stendete il vostro disco di pasta sfoglia già pronta, spennellatelo di burro, spolverizzatelo di zucchero, poi tagliatelo a spicchi che arrotolerete su loro stessi. Infine, spennellate con latte e cospargete con granella di zucchero….e via in forno! Basteranno 10 minuti a 180 gradi per “ingannare” e deliziare tutta la famiglia!

Abbiamo soddisfatto la tua voglia di cornetti sfogliati velocissimi? Se così non fosse, non esitare a mandarci i tuoi consigli.

Proudly powered by WordPress