Tag: Franca

Capocollo di Martina Franca, come usarlo in cucina

capocollo di martina franca - La Terra DI Puglia


Profumato e morbidissimo, il Capocollo di Martina Franca si scioglie in bocca
capocollo di martina franca - La Terra DI Puglia

Il capocollo di Martina Franca, a Martina Franca e non solo, è davvero un’istituzione. Solo in Val D’Itria si riesce a produrre questo straordinario insaccato molto amato anche fuori regione. Perchè lì clima, altitudine, temperature sono davvero unici ed irripetibili. Un piccolo paradiso pugliese, dove il clima è arido ed assolato così come nel resto della regione, ma reso più fresco dalla presenza di estese aree boschive, con querce, pini ed alberi secolari che rendono l’aria profumatissima e frizzantina anche in piena estate. E’ qui che, complice la sapienza dei produttori locali, nasce un prodotto unico ed irripetibile, il Capocollo di Martina Franca, appunto. Ma come gustarlo? Come utilizzarlo in cucina per valorizzarlo al meglio? A voi alcuni consigli. 

1 – Sulla pizza

Il capocollo di Martina Franca è ottimo sulla pizza. Gli abbinamenti che preferiamo sono quelli con la cipolla, oppure, tanto per restare in Puglia, con la stracciatella pugliese. Da provare assolutamente.

pizza con capocollo e cipolle

2 – Come antipasto fantasioso

Vi consigliamo di prendere qualche fettina di capocollo e di farcirla con un latticino pugliese, come una stracciatella oppure un pò di burrata, di aggiungere un pomodorino confit e di avvolgere il tutto come fosse un involtino. Disponete i vostri involtini a raggiera su un piatto steso e collocate al centro qualche oliva leccina. Et voilà, l’antipasto “made in Puglia” è pronto!

3 – Nei saltimbocca….. alla pugliese!

E’ vero, i saltimbocca per definizione sono alla romana e prevedono l’uso del prosciutto crudo. Ma visto che va di moda reinterpretare i piatti, perchè non provare a realizzare dei saltimbocca alla pugliese, per così dire, con il Capocollo di Martina Franca? Per farlo naturalmente dovrete sostituire un insaccato con l’altro. Provare per credere!

saltimbocca alla romana - My Italian Recipes

Frittata di zucchine e uovo d’oca

 
Vi ricordate quella fiaba dove c’era un’oca che faceva le uova d’oro? Io non mi ricordo il titolo ma fin da bambina sono rimasta affascinata da queste uova d’oro. Tempo fa la mia collega Franca mi ha regalato un uovo d’oca. Bellissimo! Bianco, enorme, splendido! Non ne avevo mai viste dal vivo né tanto meno avevo mai pensato a cucinarle (ero troppo affascinata dall’oca dalle uova d’oro). Lei mi disse che avrei potuto fare un’ottima frittata, tenendo conto che un uovo d’oca corrisponde a circa tre uova di gallina. Quella volta feci la frittata solo con l’uovo per assaporare appieno il suo gusto. Ottimo, delicato e pieno come il suo aroma. Naturalmente non ne ho più trovato, quale meraviglia, dunque, quando mercoledì, al solito mercatino a km 0 dei contadini locali, le ho viste! Mie! E questa volta ho provato a fare questa frittata con le zucchine.
Vi consiglio di provarle se siete così fortunate da riuscire a trovarle.
 

 
Ingredienti per 2 persone
1 uovo d’oca
5 zucchine medie
1 cipolla piccola
1 cucchiaio di bagnet verde o, in alternativa del prezzemolo tritato con un po’ d’aglio
1 cucchiaio di origano 
olio
extravergine q.b.
sale q.b.

Pulite la cipolla, tagliatela a rondelle sottili e mettetela in una padella con 4 cucchiai d’olio.
Lavate, spuntate le zucchine, tagliatele a rondelle sottili e aggiungetele nella padella con la cipolla.
Cuocete tutto a fuoco medio fino quando le zucchine risulteranno ben dorate (circa 10 minuti) aggiungete il bagnet verde, l’origano, aggiustate di sale e fate insaporire ancora per 1 minuto.
Nel frattempo rompete l’uovo (sappiate che il guscio è molto duro) in un piatto, salate e sbattetelo bene.
Versate le zucchine nell’uovo, mischiate bene. Mettete 1 cucchiaio d’olio nella padella dove avete fatto cuocere le zucchine e versatevi  il miscuglio di uovo.
Fate cuocere per circa 5 minuti, poi rivoltate la frittata aiutandovi con un coperchio piatto e lasciate  cuocere ancora per 2 minuti. Servite subito e buon appetito!

Se volete informazioni dettagliate sulle uova cliccate qui Speciale Uovo . Troverete molte notizie utili, dalla conservazione a come si fa a verificare la freschezza e tante ricette.

Ricerche frequenti:

Proudly powered by WordPress