Tag: argomento

Il pesto alla genovese è tra i prodotti italiani più contraffatti nel mondo

Ricettepercucinare.com


come fare il pesto alla genovese - My Italian Recipes

Coldiretti così come altri enti impegnati nella tutela dei produttori e dei consumatori stilano sovente la classifica dei prodotti italiani più copiati e “taroccati” nel mondo. Tra questi ovviamente il Parmigiano Reggiano, la mozzarella, i vini. E’ notizia di oggi che nella top ten di questa poco felice classifica spicca oggi anche il pesto alla genovese. Ebbene si. Ma vediamo di capire qualcosa di più su questo argomento. 

Pesto alla genovese: un’eccellenza del Made in Italy

Forse qualche genovese troverà lusinghiera l’idea che il famoso condimento a base di basilico fresco sia entrato nella hit dei prodotti alimentari italiani più copiati e “taroccati” del mondo. Ma in realtà c’è ben poco da ridere. Coldiretti però conferma: il pesto alla genovese è entrato di diritto nella top ten dei prodotti più amati e ingiustamente bistrattati nel mondo.

La contraffazione di tutto ciò che è Made in Italy

Prodotti contraffatti confezionati ad hoc con il giusto mix di nomi e colori

Dovete considerare che la contraffazione di tutto ciò che è Made in Italy o ha a che fare con il prodotto italiano è un fenomeno molto comune. Spesso si usano termini italiani o che suonano simili a quelli italiani e combinazioni di colori nei packaging che rievocano le tonalità del tricolore per evocare l’idea di Made In Italy pur non essendo made in Italy. Si tratta di pratiche di contraffazione imitativa del tutto ingannevole che oggi vede protagonista proprio il pesto alla genovese. Subiscono già questa inquietante sorte il Provolone, il Pecorino romano, il Grana Padano, il Parmigiano Reggiano, la mortadella, il salame, il Chianti e il Prosecco. Prodotti imitati e presentati con strategie di naming “italianeggianti” e colori che ricordano proprio la nostra bandiera.

Come fare il pesto alla genovese? All’estero non è chiaro!

Rimane indubbio che solo gli italiani ed in particolar modo i liguri ed i genovesi sanno come fare il pesto alla genovese e che un prodotto similare acquistato all’estero non avrà mai il medesimo sapore dell’originale italiano. Ci auguriamo che in sede comunitaria e nelle opportune sedi internazionali il nostro paese abbia modo di far valere l’originalità e l’autenticità dei prodotti made in Italy che fanno grande la nostra nazione.

 



Ecco chi produce i prodotti Eurospin

Ricettepercucinare.com


chi produce i prodotti eurospin - Ricettepercucinare.com

L’Eurospin è una delle catene di supermercati più apprezzate dal grande pubblico. Varietà e scelta, prodotti qualitativamente buoni e prezzi accattivanti sono alla base del successo di questa formula che ogni settimana attrae innumerevoli acquirenti pronti a riempire carrelli e dispense sborsando il giusto. E forse anche qualcosa meno. Ma chi produce i prodotti Eurospin? Come avrete notato sono tutti prodotti come si suol dire “sottomarca”. E cosa significa sottomarca? Cerchiamo di capire qualcosa di più su questo argomento. 

Cosa sono i prodotti “di sottomarca”

I prodotti di sottomarca sono prodotti le cui marche sono meno note. Spesso questi prodotti sono l’imitazione dei prodotti più famosi della marche altrettanto famose. E costano di meno. Come mai? E’ presto detto. Le cosiddette sottomarche sono normalissime marche che non sono sostenute da in imponente apparato di marketing – con relativi budget importanti – e che pertanto non hanno la visibilità delle cugine con nomi più altisonanti. Dunque, domanderete voi, i biscotti marchiati Eurospin sono buoni tanto quanto i loro simili del marchio più famoso? La risposta è che se non sono identici, sono molto molto simili!

Quali sono i marchi Eurospin

Se leggete le etichette dei prodotti Eurospin noterete che su tutti o quasi tutti c’è scritto “prodotto per Eurospin da…”. Dunque vediamo quali sono i prodotti ed i brand che producono per Eurospin:

Fette biscottate

  • Fette biscottate Tre Mulini: prodotte da Colussi

Biscotti

  • I biscotti a marchio Buon Mattino sono un prodotto di Colussi
  • I Crumiri di Dolciando Eurospin provengono da casa Bistefani
  • I frollini con confettura di mele “Love Is” della linea Dolciando Eurospin sono prodotti da Vicenzi Caffè
  • Il caffè classico Espresso Italia in grani è un prodotto di Gimoka
  • Il Caffè Don Jerez, sia in grani che macinato, è prodotto da Pellini e Saicaf
  • Prodotti solubili per latte
  • Orozo caffè Eurospin prodotto da Crastan
  • Caffè istantaneo Eurospin prodotto da Ristori

Merendine

  • Le merendine tipo le Buondì sono prodotte nella fabbrica Bistefani proprio dove si producono i Buondì “originali”
  • Le Fiorentine con marmellata di albicocca, le Sfogliatine e i Ventagli di sfoglia sono prodotti dalla Biancoforno Arte Pasticcera.
  • I Croissant Albicocca, Cacao e Crema pasticcera di Dolciando sono prodotti dalla Bauli
  • Le merendine Dolciando” sono prodotti da Balconi.

Riso e pasta

  • Il riso basmati a marchio Delizie del Sole è prodotto da Riso Scotti
  • Il riso Thai parboiled a marchio Delizie del Sole è prodotto da Riso Scotti

Pasta

  • La pasta Tre Mulini secca viene prodotta da pasta Ceccato
  • La pasta Tre mulini Fresca è un prodotto di Pasta di Sardegna
  • La pasta all’uovo Tre Mulini è prodotta da Pastificio Andalini
  • I tortellini al crudo e tertelloni con ricotta e spinaci Tre Mulini sono prodotti Giovanni Rana. Le altre tipologie di pasta ripiena sono prodotti da Avesani.
  • La pasta fresca di semola Tre Mulini è prodotta da Maffei

Olio

  • L’Olio extravergine di oliva Frantoio La Rocca è prodotto da Castel del Condimenti
  • Il dado di carne Eurospin è prodotto dalla San Martino
  • I Funghi sottolio Delizie del Sole sono di Coelsanus
  • I peperoni sott’aceto e le olive verdi denocciolate in salamoia Varia Gusto sono di Coelsanus

 

Chi produce i prodotti Eurospin a base di carni e affettati

  • I Wursteloni TOBIAS sono prodotti AIA
  • I Wurstel Tobias da 4 pezzi sono prodotti Amadori
  • Il Prosciutto cotto in vaschetta La bottega del Gusto è prodotto da Raspini
  • La Carne in Gelatina e La trippa al sugo Il buon Pascolo Eurospin sono prodotti da Montana
  • La Mortadella in vaschetta La Bottega del Gusto è prodotta da Fiorucci
  • Il Prosciutto e il Salame Milano (a fette, in vaschetta) La Bottega del Gusto sono prodotti da Casa Modena

Succhi di frutta

  • Il succo di Arancia Rossa, Multivitaminico e Ace Puertosol è un prodotto di Pfanner
  • I succhi di frutta Pesca, Pera e Albicocca PuertosolL sono prodotti da Boschi Food and Beverage (Santal)
  • I succhi di frutta in brik Puertosol sono prodotti da La Doria

Bevande Gassate, birre e thè

  • Le bibite (cola, aranciata, limonata ecc…) sono prodotte da acqua Guizza
  • l Thè (limone, pesca e verde) sono prodotti da S. Benedetto
  • Il the al limone/pesca/verde Blues è prodotto da S.Benedetto negli stabilimenti di Sciroppi
  • I Bitter BLUES sono prodotti dalla Spumador
  • Le birre Best Brau Eurospin bionda, doppio malto e rossa sono prodotte da Castello
  • Lo sciroppo di menta blues è prodotto da Toschi

Gelati

  • Il sorbetto al limone Lemoon è prodotto da Polenghi
  • I ghiaccioli da congelare mister fruit (imitazione dei) sono prodotti da Dolfin s.p.a
  • I coni gelato al caffè, panna e ciliegia della linea le nostre stelle della Dolciando sono prodotti Sammontana
  • I sorbetti fragola, ananas e mirtillo 50% frutta confezione da 6 della Dolciando sono prodotti Sammontana
  • I ghiaccioli limone e liquirizia (tipo liuk) della Dolciando sono prodotti da Sammontana

Verdure surgelate

  • Il prezzemolo, il misto soffritto e la cipolla a cubetti Delizie del Sole sono prodotti da Orogel

Latte e derivati del latte

  • Gli Yogurt Land sono prodotti da Trentina latte
  • La Panna da cucina è prodotta da Sterilgarda
  • Il latte Land è prodotto da Parmalat
  • Le mozzarelle Land sono prodotte da Alival
  • Le mozzarelle di Bufala Land sono prodotte da Mandara
  • La Soia Drink Land è prodotta da Sterilgarda
  • Il Parmigiano Reggiano grattugiato Land è prodotto da Parmareggio
  • Il Parmigiano è prodotto da Virgilio
  • Il formaggio spalmabile Cremosella, Robiola e Primosale sono prodotti da Fattoria Osella
  • Il mascarpone Land è prodotto da Latterie Virgilio
  • Gli Yogurt di Soia Land sono prodotti dalla Alpro (uno dei pochi stabilimenti all’estero, in Belgio)
  • Il formaggio fresco spalmabile Land è prodotto dalla Exquisa
  • Prodotti per l’igiene personale
  • I bagnoschiuma da 500 ml sono prodotti da Malizia
  • Il sapone liquido Near Your Hand cosi come i gel doccia da 300 ml e i bagnoschiuma da 500 ml di Near Your Body sono prodotti da Mil Mil. Lo stesso dicasi per i solari Look Bronze
  • Lo shampoo Gocce di Seta è uno shampoo Wella
  • Il talco Near è prodotto dalla Italsilva (Spuma di Sciampagna)
  • La carta igienica La Lunghissima 2 veli è prodotta nello stesso stabilimento da dove provengono i famosi rotoloni Regina

Prodotti per la prima infanzia

  • Le patatine e i pop corn Mambo Kids sono prodotti Pata
  • Gli omogenizzati Prime Pappe sono prodotti nello stabilimento di TrentoFrutta 
  • Gli Stick al cioccolato Dolciando sono prodotti da Tuc
  • Le arachidi tostate salate Mister Sibamba sono prodotte da Pata

Detersivi per piatti e lavastoviglie:

  • Le ecodosi Dexal vengono prodotte dalla Packaging Imolese (azienda che lavora anche per Dixan, Dash)
  • I prodotti Eco commercializzati da Eurospin provengono dalla stessa azienda che produce i prodotti Winni’s

Uova zucchero e farina

  • Le Uova fresche Delizie del Sole sono uova AIA
  • La farina “00″ e quella per dolci Tre Mulini è prodotta da due aziende: Pasta di Sardegna e Molini Tandoi S.p.A.
  • Lo zucchero a velo Dolciando  Eurospin è prodotto da San Martino
  • Lo zucchero in buste monodose Sudzuker è prodotto da Maxi

Pesce

Proseguiamo la nostra carrellata volta a rispondere alla domanda “chi produce i prodotti Eurospin” con i prodotti a base di pesce: 

  • Il Tonno PERLA è prodotto di As Do Mar
  • I Bastoncini di merluzzo sono prodotti da Deutsche See (un’azienda che era di proprietà della Findus)
  • Il Tonno Ondina e il Tonno Athena sono prodotti da Frinsa (un’azienda spagnola)

Pet-food per animali

  • I Bocconi per cane (in lattina 1.25 e 1.6 kg) Radames sono prodotti da Morando (Miglior Cane)
  • I bocconcini di erbette e pomodoro per gatto Radames sono di Arovit
  • Il salamotto Radames di manzo è prodotto da Pets Choice
  • Le crocchette per cani, le crocchette Premium e i croccantini per gatti Radames sono prodotti da Morando (Miglior Cane e Miglior Gatto)

Ecco risposto alla domanda “chi produce i prodotti Eurospin”. Se dovessero esserci nuovi prodotti avremo cura di aggiungerli, oppure scriveteceli voi!



A Mr. Pan di Spagna non mettetegli fretta!

Lo so, sicuramente è un argomento trattato e ritrattato in giro per la rete, ma visto che in tante mi scrivete chiedendomi consigli e su “come si fa un bel pan di Spagna come il tuo”  (?!?!?) oggi ho pensato di scriverci un post.
Spero vi sia utile, di fugarvi ogni dubbio, di soddisfare tutte le vostre curiosità e di dare una risposta a tutte le vostre domande, ciò non toglie che potete comunque scrivermi per qualsiasi dubbio o chiarimento 😉

Buona lettura, intanto vado a godermi un po’ la mia piscina :)))
Felice giornata.

Alla prossima :))

E’ una delle primissime cose che ho imparato tempi addietro e che non dimentico mai: quando devi fare il Pan di Spagna non andar di fretta!

Diciamo che in quasi tutte le preparazioni dolci il tempo gioca il suo ruolo: difficilmente si trovano ricette “sbatti e via“!

L’argomento Pan di Spagna è già stato trattato tante volte su tanti blog, siti e forum.

Per molti prepararlo è un vero e proprio terno al lotto, ho amiche che spessissimo mi chiedo di far loro solo il Pan di Spagna perchè “non mi riesce mai bene” e di finire poi con farcitura e decorazioni per conto loro.

Io non l’ho mai considerato una “bestia nera” e credo che a mio favore ha giocato SEMPRE il fattore “tempo” oltre che la qualità degli ingredienti.

Partiamo proprio da questi ultimi: gli ingredienti.

Le dosi
Per ogni uovo: 40gr di zucchero e 40gr di farina ma arrivo anche a metterne 50gr.
Solitamente uso il lievito nel pan di Spagna perché almeno così vado sul sicuro e non butto tutto nella pattumiera, quindi:
al di sotto delle 6 uova (quindi 240gr di farina) uso mezza bustina di lievito, dalle 7 in poi ne metto una intera (fino a 500 gr di farina).

La farina
Uso quella “0” o “00” indifferentemente, sempre setacciata insieme al lievito.
L’aggiungo a mano, con una spatola o con una frusta, poca per volta, con movimento lento dal basso verso l’alto per far incorporare aria.
Mai mettere altra farina se prima non è stata assorbita la precedente.

Le uova
Le uova sono importantissime per questo tipo di preparazione, devono essere sempre fresche (io le prendo da mia mamma e se avete possibilità di prenderle dal contadino belle fresche è la miglior cosa), tirate dal frigo almeno 20-30 minuti prima di utilizzarle (anche se, qualche volta per la fretta, l’ho fatto con le uova appena prese dal frigo e mi è venuto bene uguale, quindi, secondo me, non credo sia indispensabile come punto), se avete fretta e poco tempo potete anche fare così: metterle per una decina di minuti in una ciotola con dell’acqua tiepida oppure una volta aperte scaldarle nel micro per pochissimi secondi a bassa temperatura (ma non lo consiglio).

I tempi
Personalmente non impiego mai meno di tre quarti d’ora per fare un Pan di Spagna (sarà per questo che lo faccio sempre di sabato pomeriggio quando è a casa mio marito che mi tiene la pesti?!?).
Prima di tutto sbatto le uova intere insieme allo zucchero per 15-20 minuti (non di meno).
Unire la farina settacciata insieme al lievito amalgamando con una frusta o una spatola (o cucchiaio di legno) a mano con un movimento dal basso verso l’altro e cercando di non far smontare il composto oppure potete usare direttamente le mani nude!
Io uso il primo sistema: setaccio sulla massa piccole quantità di farina per volta che amalgamo alle uova con un movimento lento, dal basso verso l’alto, e senza lavorarlo troppo, giusto il tempo che la farina “sparisca” dalla superficie, solo allora ne setaccio altra e così via fino ad esaurimento degli ingredienti.

Qualche volta ho usato anche un altro metodo: con lo sbattitore elettrico.
Abbasso la velocità delle fruste a 1 e comincio a setacciare la farino col lievito, non amalgamo a lungo, ma giusto il tempo che la farina “sparisca” dalla superficie della massa.
Fermo le fruste e setaccio dinuovo e così via fino a finire gli ingredienti.
Ma è un sistema che vi consiglio di usare raramente anche perché non posso garantirvi al 100% il risultato, io l’ho fatto e mi è riuscito lo stesso il pan di Spagna e ho comunque voluto condividerlo con voi.

Sbattere a lungo le uova con lo zucchero vi permetterà di ottenere una massa soda e che non si sgonfierà al momento dell’aggiunta della farina (il momento critico e che fa “crollare” il pan di Spagna prima della cottura).

La teglia
Sempre imburrata e infarina abbondantemente, possibilmente antiaderente, assolutamente non di vetro (io non mi ci trovo bene).
Per sformare perfettamente il pan di Spagna ed evitare quell’odioso effetto “vulcano” al centro, ho sperimentato un sistema (consigliato anche su cookaround mi pare): prima di iniziare la lavorazione imburrare e infarinare la teglia e tenerla in frigo fino al momento di versarci l’impasto e infornare subito in forno già caldo (acceso con debito anticipo).

6 uova = teglia diametro 24-26
9/10 uova = teglia diametro 30/32 oppure 25×35
12 uova = teglia monouso in alluminio (Cuki) da 12 porzioni

Il forno
Statico!
Acceso in abbondante anticipo e, soprattutto, solo la parte inferiore.
La temperatura è (come quasi sempre per i dolci) di 180°C.
I tempi di cottura vanno dai 35-40 minuti per pan di Spagna piccolini (teglie del diametro che vanno da 20 cm a 30 cm) ai 45-50 per quelli un po’ più grandi.
Non aprire mai il forno prima di 30 minuti, rischiereste lo sgonfiamento della preparazione.
Mia nonna prima e mia mamma dopo quando ero piccola mi hanno insegnato un trucchetto che tengo sempre presente: il dolce è pronto quando, guardando attraverso il vetro del forno (quindi senza aprirlo) si è staccato dalla teglia (e mai prima dei 30 minuti)!

Questi sono dei piccoli appunti in base alla mia esperienza col pan di Spagna e che ho voluto condividere con voi.

Per un esempio pratico trovate il mio pan di Spagna con le foto passo passo qui.
Qui ho usato il sistema dello sbattitore e non quello a mano (ma non vi garantisco il risultato, a vostro rischio e pericolo :))) ).

Proudly powered by WordPress