Tag: antico

Scoperto il formaggio più antico del mondo in una tomba

La tomba di Ptahmes custodiva una forma di formaggio
Solitamente quando si pensa all’Antico Egitto non si può fare a meno di menzionare le tombe, i sarcofagi, che sono delle vere e proprie case per l’aldilà. All’interno di queste tombe, difatti, vi si trovavano diversi oggetti di uso quotidiano per il defunto e così tra i tanti oggetti ritrovati, vi è pure una forma di formaggio. In particolare, nella tomba del Ptahmes ovvero del sindaco della città di Menfi è stata ritrovata un’anfora che custodiva al suo interno una sostanza dura e bianca. Gli studiosi, dunque, effettuando diverse ricerche sono arrivati alla conclusione che si trattasse semplicemente di una forma di formaggio fatto con latte di mucca, pecora o capra. Forse, il sindaco dell’antica città era un gran goloso di questo tipo di formaggio!
Il formaggio più antico e pericoloso ha 3200 anni
Ad ogni modo, nonostante il grande stupore per la scoperta, vi è stato qualcosa di ancor più interessante: difatti, grazie a delle analisi approfondite effettuate sul monumento funerario e in particolare sul prodotto presente nell’anfora, si è arrivati a capire che la forma ha 3200 anni e, inoltre, sarebbe molto pericolosa per la salute umana. Sicuramente, vi starete chiedendo che cosa possa avere di così pericoloso del formaggio! Praticamente, all’interno di esso, è stato trovato un batterio-killer ossia quello che è in grado di provocare la Brucellosi. Questa malattia altamente mortale si può contrarre quando si mangia un alimento che non ha subito la pastorizzazione e, forse, nel caso di questo formaggio è proprio ciò che è successo. Questo studio, che ha suscitato interesse a livello internazionale, è stato condotto in Italia grazie alla mano del chimico dell’Università di Catania, Enrico Greco, che ha sottolineato che si tratta senz’altro del reperto archeologico di formaggio solido più antico scoperto ai giorni nostri!

Risotto all’uovo-

Sfondo, carta da pacchi star pensylvania
Ingredienti x 2 persone:
200 gr di riso
1 ciuffo di erba cipollina
1 tuorlo d’uovo
80 gr di formaggio spalmabile tipo philadelphia
sale qb
olio evo qb Antico frantoio muraglia
Procedimento:
Lessate il riso in acqua salata, mantenedolo al dente.
In una ciotola sbattete il tuorlo con l’erba cipollina, precedentemente tritata fine.
Aggiungete il formaggio e stemperatelo bene nell’uovo.
A riso cotto trattenete un cucchiaio di acqua di bollitura e mettetela nel composto a base di uovo, colate il riso e conditelo aggiungendo un filo di evo a crudo e una spolverata di pepe bianco.
Tempo di preparazione 10 minuti
tempo di cottura 12 minuti
Difficoltà bassa

Vellutata di carote e fagioli-

Ingredienti x 2 persone:
100 g di fagioli lessati Melandri gaudenzio
100 g di carote crude
40 g di cipolla 
500 g di acqua
un cucchiaino di insaporitore solubile vegetale skaj’s
olio evo qb antico frantoio muraglia
1 cucchiaio di asiago stagionato dop grattugiato
Procedimento:
Mettete nel mixer assieme all’acqua, i fagioli lessati e precedentemente ammollati, le carote e la cipolla tritate grossolanamente; 
azionatelo e frullate fino ad ottenere una crema fine e senza grumi.
Versate il composto in un tegame, e portate ad ebollizione, aggiungete l’insaporitore e fate cuocere per 15 minuti, se la volete più densa aumentate il tempo di cottura di qualche minuto.
Servite con un filo di evo a crudo e Asiago stagionato dop grattugiato.
Tempo di preparazione: 10 minuti
Tempo di cottura: 15 minuti
Difficoltà: bassa

Grazie al blog  “In cucina con Memole” per il dono che mi ha gentilmente girato.
Come sempre lo dedico a tutte voi 🙂

Proudly powered by WordPress