Aspic di pollo e ortaggi

Aspic di pollo e ortaggi


L’aspic
è una celebre ricetta  originaria della
cucina francese molto conosciuta e apprezzata anche in altri paesi come Austri,
Germania, Finlandia, Croazia e Russia. E’  un preparato culinario da consumarsi tipicamente
nelle grandi occasioni come capodanno o in tarda primavera o estate. Gli
ingredienti possono essere i più svariati (pezzetti di carne, frutta,
verdura, giardiniera, salumi, pesce, latticini) ma il componente
essenziale è il brodo  leggero e sgrassato.
La
preparazione avviene ponendo gli ingredienti desiderati in un recipiente idoneo
a conferire alla composizione da portare in tavola una forma solitamente  a tronco di cono arrotondato ma
ormai lo ai prepara Anche in altre forme come in questo caso.. Si ricoprono
quindi con il brodo amalgamato con gelatina  (o altri addensanti) e
si pone il tutto in frigorifero finché il brodo non si è rassodato e il piatto
non ha assunto un aspetto gelatinoso. Si capovolge quindi il recipiente in un
piatto di portata e si serve in tavola, eventualmente con una guarnizione a
piacere. A Milano prende il nome di Marbré (marmorizzato) in francese.
La
sua storia ha origini in Francia a inizio Ottocento anche se in realtà ricette
di carne in gelatina erano già diffuse durante il Medioevo come testimonia la
citazione nel Viander, ricettario del XIV secolo ma l’aspic così come lo
conosciamo e come si è diffuso lo dobbiamo a Marie Antoine
Carême, chef de cuisine di Napoleone
Bonaparte che creò lo chaud-froid (caldo-freddo) una pietanza a base di carne o
pesce che veniva irrorata con una salsa calda e lasciate raffreddare. Seguendo
lo stesso procedimento ma utilizzando del brodo addensato realizzò l’aspic, allo
scopo di migliorare il sapore e la conservabilità al pesce freddo e al pollame.
 
I francesi probabilmente gli diedero questo
nome dal latino aspis (vipera) per la sua temperatura fredda che ricordava
quella dei rettili.

LE IMMAGINI E I TESTI PUBBLICATI IN QUESTO SITO SONO DI PROPRIETA’ DELL’AUTORE E SONO PROTETTI DALLA LEGGE SUL DIRITTO D’AUTORE N. 633/1941 E SUCCESSIVE MODIFICHE. COPYRIGHT © 2010-2050. TUTTI I DIRITTI RISERVATI A IL POMODORO ROSSO DI MARIA ANTONIETTA GRASSI. VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DI TESTI O FOTO, SENZA AUTORIZZAZIONE.

Ingredienti per 4
persone

150 gr di piselli in
scatola
2 cucchiai di succo di
limone
Pulite tutti gli ortaggi
 in acqua salata calcolando le diverse
cotture. Scolateli al dente, Scottate per 5 
minuti, nella stessa acqua le falde del peperone. Fate raffreddare,
tagliate tutto a cubetti, mettete  in una
ciotola e mischiate.
Lessate il petto di
pollo, sciolatelo e lasciatelo raffreddare. Filtrate il brodo e tenete da
parte.
Fate ammorbidire la gelatina in acqua fredda per
15 minuti e nel frattempo tagliate il pollo a pezzetti.
Preparate la gelatina
portando a ebollizione ½ litro del brodo di pollo e, via dal fuoco,fatevi
sciogliere la gelatina ben strizzata, unite il succo di limone e lasciatela
intiepidire.
Versate uno strato di
gelatina sul fondo di uno stampo e mettete in frigorifero a rassodare per 10
minuti.
Riprendete lo stampo
fate uno strato con gli ortaggi, mettete sopra 
il pollo e versate la gelatina rimanente facendo in modo che copra bene
il tutto.
Coprite con pellicola da
cucina e mettete in frigorifero per almeno 2 ore.
Al momento di servire
immergete un attimo lo stampo in acqua calda, sformate capovolgendo su un
piatto da portata e servite .

Proudly powered by WordPress