Subscribe via RSS

Molto Bene! Le ricette del 23 maggio 2014

Chiudiamo un’altra settimana in compagnia di Benedetta Parodi e del suo Molto Bene con un dolce esotico per il weekend ed un paio di piatti semplici ed utili per ogni occasione.

La ricetta principale di oggi è infatti una pavlova ai frutti esotici, il mango e la papaya, ma prima Benedetta ci mostra come preparare delle ciambelline salate alle zucchine e patate in meno di mezzora. Ultimo piatto di oggi, uno spaghettino leggermente piccante alle acciughe, da preparare al volo.

Le ricette di questa puntata

(clicca sui link per vedere le ricette)

Ricetta -30 minuti: Ciambelline di Zucchine[1] (antipasto)
Ricette +30 minuti: Pavlova Esotica[2] (dolce)
Ricetta molto veloce: Spaghetti alle Acciughe[3] (primo)

References

  1. ^ Ciambelline di Zucchine
  2. ^ Pavlova Esotica
  3. ^ Spaghetti alle Acciughe

Spaghetti con Acciughe Fresche e Pomodorini

La pasta asciutta è sempre un ottimo alleato per le cene o i pranzi da cucinare velocemente all’ultimo minuto. Benedetta Parodi ce lo dimostra per l’ennesima volta insegnandoci a cucinare in meno di dieci minuti uno spaghettino con le acciughe fresche e i pomodorini, completato con le note piccante del peperoncino e croccante del pangrattato.

Tratta da: Molto Bene del 23 maggio 2014[1]
Tempo preparazione e cottura: 10 min. ca.

Ingredienti Spaghetti con Acciughe Fresche e Pomodorini per 4 persone:

  • 320 g di spaghetti
  • 150 g di acciughe fresche
  • 30 g di pecorino grattugiato
  • 7 pomodorini
  • Olio
  • 1 spicchio di aglio
  • Peperoncino qb
  • Sale
  • ½ bicchiere di vino bianco
  • 4 cucchiai di pangrattato
  • Prezzemolo tritato qb

Procedimento ricetta Spaghetti con Acciughe Fresche e Pomodorini di Benedetta Parodi

  1. Mettere a lessare la pasta in abbondante acqua salata bollente.
  2. Insaporire in una padella l’olio con uno spicchio d’aglio schiacciato e peperoncino.
  3. Aggiungere anche i filetti di acciughe e i pomodorini tagliati a spicchi.
  4. Sfumare con il vino bianco con fiamma vivace poi aggiustare di sale, abbassare il fuoco e coprire.
  5. A parte tostare il pangrattato in un’altra padella con un goccio d’olio.
  6. Scolare la pasta al dente e saltarla in padella con il sugo di pomodorini e acciughe.
  7. A fuoco spento, mantecare con il pecorino grattugiato.
  8. Completare con pangrattato tostato e prezzemolo tritato prima di servire.

References

  1. ^ Molto Bene del 23 maggio 2014

Pavlova alla Frutta Esotica

In tema di rivisitazioni e sperimenti, Benedetta Parodi ci propone una versione esotica della Pavlova, la tradizionale torta australiana alla frutta con base di meringa e panna: in questo caso per completare vengono utilizzati frutti esotici come mango, papaya e passion fruit.

Tratta da: Molto Bene del 23 maggio 2014[1]
Tempo preparazione e cottura: 2 ore 30 min. ca.

Ingredienti Pavlova alla Frutta Esotica per 4 persone:

  • 3 albumi
  • 160 g di zucchero
  • 1 mango
  • 1 papaya
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • 2 frutti della passione
  • scorzetta di lime qb
  • 250 ml di panna montata

Procedimento ricetta Pavlova alla Frutta Esotica di Benedetta Parodi

  1. Montare gli albumi a neve ferma con la frusta elettrica aggiungendo poco per volta lo zucchero.
  2. Foderare la placca del forno con cartaforno, poi adagiarvi sopra il bordo di uno stampo rotondo con cerniera.
  3. Trasferire gli albumi all’interno dello stampo, distribuendolo in modo uniforme e formando dei ciuffetti sulla parte esterna.
  4. Rimuovere lo stampo cercando di mantenere la forma rotonda degli albumi ed infornare la meringa a 80 gradi per 2 ore e 15 minuti circa.
  5. Nel frattempo sbucciare e tagliare a dadini mango e papaya e trasferirli in una ciotola.
  6. Irrorare i frutti con il succo di limone e la polpa dei frutti della passione, poi completare con scorzetta di lime e mescolare.
  7. Mettere la frutta in frigo a macerare mentre la meringa finisce di cuocere.
  8. Far raffreddare la meringa trasferendola sul piatto da composizione.
  9. Una volta raffreddata, farcire l’interno della meringa con la panna montata e completare distribuendo sopra buona parte della frutta esotica.
  10. Servire la pavlova con la macedonia rimanente a parte.

References

  1. ^ Molto Bene del 23 maggio 2014