Subscribe via RSS

… è scoccata L’ORA DEL paTE’

Mtchallenge è un gioco-sfida culinario nato nel maggio 2010 su idea di un gruppo di amiche col desiderio di confrontarsi a distanza ogni mese su un piatto o su una preparazione.

Ho iniziato a giocare con loro dal luglio 2010 e moltissimi sono stati i piatti proposti nelle 34 edizioni, ogni volta l’interpretazione della ricetta è libera rispettando però gli ingredienti obbligatori o le particolari lavorazioni.

Mtchallenge non è solo un gioco-sfida, è un appuntamento in cucina con delle amiche a cui non si può rinunciare, un’occasione per imparare piatti e preparazioni nuovi e multiculturali.

Da oggi Mtchallenge è molto di più ……. il gruppo di amiche capitanate e su un’idea della splendida Ale hanno dato vita ad un bellissimo progetto ……….. racchiudere l’argomento di una sfida in un bellissimo libro dove raccontare e sviscerare tutti gli aspetti e le interpretazioni del piatto prescelto

Grazie ad Ale abbiamo dato vita a qualche cosa di ancor più grande di un semplice libro è un vero e proprio progetto con cui sostenere con ogni singolo libro una ONLUS la cui attività è rivolta ai bambini


Ogni libro acquistato sosterrà il progetto

 “CUORE DI BIMBI” della FONDAZIONE “AIUTARE I BAMBINI


E’ quindi con gioia ed emozione che Vi presento il primo libro della collana 

“I libri dell’MTChallenge”
L’ORA DEL paTE’

a cura di      Alessandra Gennaro
fotografie di        Sabrina dePolo
illustrazioni di    Roberta Sapino 
casa editrice :
SAGEP EDITORI– GENOVA www.sagep.it
144 pagine
costo: 18,00 euro
Sfogliando il bellissimo libro troverete:
         41 ricette di paté
           8 ricette di burri composti 
         33 ricette fra pani, crackers, grissni,muffins, scones chipse 
Il progetto più grande però è quello che vede ogni singolo libro sostenere il progetto: 
cuore di bimbi” della fondazione “Aiutare i Bambini”
Per quanto riguarda la beneficenza e la ONLUS riporto integralmente quanto scritto dalla Fondazione

Con questo libro, la community dell’MTChallenge sostiene il progetto “cuore di bimbi”, della Fondazione “aiutare i bambini”: nata nel2000, per iniziativa dell’ingegner Goffredo Modena, la fondazione si propone di dare un aiuto ai bambini poveri, ammalati, senza istruzione, che hanno subito violenze fisiche o morali e garantire loro l’opportunità e la speranza di una vita degna di una persona, nel mondo e in Italia. Sono 71 i Paesi del Mondo in cui la Fondazione interviene, realizzando progetti mirati, concreti, nati per rispondere a emergenze reali e portati avanti con abnegazione, serietà e competenza. Fra questi, appunto, c’è “cuore di bimbi”, attivo dal 2005 in 10 Paesi, che ha permesso ad oggi di salvare la vita a 857 bambini altrimenti condannati da gravi cardiopatie congenite, con esiti spesso letali.La Fondazione opera nella più assoluta trasparenza, nella convinzione che sia doveroso certificare ogni voce con la massima chiarezza, in un dialogo continuo che unisce chi è desideroso di fare del bene con chi ha la possibilità di farlo in modo concreto, rispettoso e consapevole di muovere nella stessa direzione: quella dell’aiuto alle tante vittime di questo mondo, rese ancora più indifese dall’essere bambini.
Da oggi, anche noi remiamo con Goffredo, con Sara e con gli oltre mille volontari sparsi sul territorio italiano – e lo facciamo con questo libro che è il primo tassello di quella che ci auguriamo possa essere una collaborazione duratura e proficua

I LINK SONO:
home page fondazione
http://www.aiutareibambini.it/
progetto sostenuto dal libro
http://www.aiutareibambini.it/component/k2/item/310-sostieni-la-campagna-cuore-di-bimbi-

OGNI COPIA (nessuna esclusa) del libro acquistata partecipa e sostiene il progetto di beneficenza, infatti ognuna lo porta prestampato sul retro della copertina 
La casa editrice ha lavorato tantissimo, per garantire la massima correttezza e la massima trasparenza e lo stesso sarà fatto dalla Onlus
“Tutte le copie del L’ ORA DEL paTE’ contribuiscono alla campagna “cuore di bimbi”, in base ad un progetto che è nato contemporaneamente al libro e si è sviluppato in parallelo: potete trovarle in tutte le librerie d’Italia, su amazon e su Ibs, 
sul sito della casa editrice 
http://www.sagep.it/easyStore/SchedeVedi.asp?SchedaID=2081 
e sul sito della onlus, a questo indirizzo 
http://www.aiutareibambini.it/oradelpate.”

Oggi alle 18.00 verrà presentato ufficialmente a Genova


Questo libro è favoloso, pagina dopo pagina Vi conquisterà.

A Voi la scelta di abbinare il pane al paTE’ che più vi stuzzica, le varianti sono tantissime 

Questo progetto è importante aiutateci a renderlo grandissimo.
Ogni libro vi porterà in casa tantissime idee per paTE’ meravigliosi e la grande certezza di fare veramente qualche cosa di concreto per i piccoli tesori di “cuore di bimbi” 
Il mio pane è pronto ……………….. con quale paTE’ lo abbinerò?
#loradelpate
GRAZIE 

Comunicato stampa Olio Dante




PROGETTO E-GOTHAM, ENERGIA PULITA DALLE MICRORETI INTELLIGENTI

All’Università del Sannio, la seconda riunione di verifica sullo stato d’avanzamento dei lavori.
Gli Oleifici Mataluni di Montesarchio (Benevento) tra i partner del gruppo di ricerca europeo.




Produrre energia distribuita sul territorio e gestirla in maniera intelligente, regolando le dinamiche di domanda ed offerta, riducendo al minimo le perdite ed utilizzando per lo più impianti che sfruttano fonti rinnovabili.

Sono questi gli obiettivi che si propone di realizzare, attraverso le microreti (microgrid), il progetto e-GOTHAM a cui partecipa il Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi del Sannio insieme a 17 partner europei, tra i quali gli Oleifici Mataluni di Montesarchio (BN). Il complesso agroindustriale oleario sannita è già da anni impegnato in un percorso virtuoso, volto a coniugare sostenibilità ambientale e sviluppo del territorio. Una sfida con cui misurarsi per aumentare la competitività sui mercati.

Il progetto e-GOTHAM, nell’ambito del programma Artemis sui sistemi “embedded”, è giunto alla seconda riunione di verifica sullo stato d’avanzamento dei lavori del gruppo di ricerca. Gli incontri si sono svolti ieri ed oggi a Benevento, presso l’Università degli Studi del Sannio.

Tra gli scopi del progetto e-GOTHAM, che avrà una durata di tre anni, quello di implementare un nuovo modello di domanda aggregata di energia, integrare efficacemente le fonti energetiche, aumentare l’efficienza di gestione e ridurre le emissioni di carbonio, accrescendo la consapevolezza dei consumi.

“Il nostro Dipartimento di Ingegneria – dichiarano i Professori Carmen Del Vecchio e Luigi Glielmo, che coordinano il gruppo di ricerca dell’Ateneo sannita impegnato in e-GOTHAM – contribuisce a realizzare una piattaforma informatica per una migliore gestione di microreti energetiche nei settori residenziale, terziario ed industriale, collaborando per la sperimentazione nel settore industriale con la Enemont, una società degli Oleifici Mataluni specializzata nel risparmio energetico e nello sviluppo di sistemi di energia pulita”.

Il mercato delle tecnologie pulite, secondo i più accreditati studi di settore, entro il 2018 vedrà quintuplicare l’apporto energetico delle microreti. Si calcola, infatti, che in sei anni si passerà dai 764 MW del 2012 a quasi 4000 MW.

“Per un complesso industriale quale quello degli Oleifici Mataluni – commenta l’Ingegnere Francesco Fuccio, Responsabile Area Impianti degli Oleifici Mataluni – i consumi energetici incidono in maniera significativa sul costo economico ed ambientale. Per questo, il tema dell’efficienza energetica va messo ai primi posti nella lista delle esigenze di innovazione aziendali. Tradizionalmente, i consumi energetici industriali sono considerati come un costo inevitabile, una bolletta da pagare ed una spesa da tenere sotto controllo. L’obiettivo degli Oleifici Mataluni è quello di passare ad una gestione attiva dell’elettricità come input della produzione, proprio come i materiali e la manodopera. Abbiamo creduto nelle microreti intelligenti per il miglioramento della gestione energetica e la conseguente riduzione dei costi e dell’impatto ambientale delle produzioni. Il progetto e-GOTHAM – conclude Fuccio – grazie anche alle collaborazioni con i numerosi partner internazionali, ci ha confermato le potenzialità delle microreti, in cui l’energia è generata vicino alle utilities (spesso da fonti rinnovabili, come nel caso del nostro impianto fotovoltaico), con riduzione al minimo delle perdite e possibilità di gestione attraverso un sistema intelligente, come quello che stiamo sviluppando nell’ambito del progetto, in grado di ottimizzare il bilancio tra produzione e consumo di energia a livello locale”.

Grande soddisfazione, dunque, per i risultati conseguiti da parte del gruppo di ricerca dell’Ateneo sannita.

“La riunione di verifica del primo anno di lavori – a parlare è la Professoressa Carmen Del Vecchio – ha avuto un esito molto positivo. Al meeting hanno partecipato i 17 partner di e-GOTHAM, dei quali cinque sono italiani (di questi ben quattro, tra università ed aziende, appartengono al territorio campano), mentre gli altri sono spagnoli, norvegesi, finlandesi ed estoni. L’Università del Sannio è stata presente all’incontro con noi docenti, con i dottorandi Daniela Meola e Giovanni Gambino, l’assegnista di ricerca Giovanni Palmieri ed Andrea Mongillo, Amministratore Unico di KES (Knowledge Security Environment), una spin-off dell’Università del Sannio”.Il prossimo appuntamento è previsto nel mese di giugno a Bruxelles, per la prima valutazione del progetto da parte della Comunità Europea.