Subscribe via RSS

Fusilli Calamari e Carciofi

Ritorna nella cucina di Benedetta l’esperto di pesce Davide Valsecchi con i suoi consigli per preparare piatti semplici e gustose. Oggi ci propone la ricetta per una primo con tre ingredienti essenziali: la pasta corta, fusilli bucati corti, i carciofi, prodotto di stagione, e i calamari che ben si legano con questo tipo di pasta

Puntata I Menu di Benedetta: 14 dicembre 2012 (Menu Scambiamoci gli Auguri[1])
Tempo preparazione e cottura: 25 min ca.

Ingredienti Fusilli Calamari e Carciofi per 4 persone:

  • 3 calamari (consigliato il tipo patagonico C4)
  • 3 carciofi
  • acqua qb
  • olio
  • prezzemolo qb
  • sale
  • vino bianco qb
  • 250 gr di fusilli bucati corti
  • olive taggiasche qb

Procedimento ricetta Fusilli Calamari e Carciofi di Benedetta Parodi

  1. Pulire i calamari rimuovendo le interiora e la pelle e affettarli (vedi video per il procedimento corretto da utilizzare).
  2. Preparare un brodetto facendo bollire le foglie esterne dei carciofi in acqua.
  3. Affettare i carciofi sottili e rosolarli in padella con olio e prezzemolo tritato per un paio di minuti.
  4. Nel frattempo buttare la pasta in acqua bollente salata.
  5. Aggiungere i calamari ai carciofi, aggiustare di sale e sfumare con il vino.
  6. Unire anche un paio di mestoli del brodetto al sugo.
  7. Scolare la pasta qualche minuti prima del tempo e terminare la cottura nel sugo.
  8. Impattare completando con olive taggiasche e olio crudo

References

  1. ^ Menu Scambiamoci gli Auguri

Ricerche frequenti:

Arrabbiatella di Gragnano con Polipo, Funghi e Pomodorini per il 1° Rallo Blog-Friend Day delle Cantine Rallo

Arrabbiatella di Gragnano con Polipo, Funghi e Pomodorini

Ingredienti per 4 persone:
500 gr di penne all’arrabbiata di Gragnano,
polipo surgelato (ma potete usare anche il fresco),
30 gr di funghi secchi
10 pomodorini maturi,
aglio,
olio,
sale,
pepe bianco,
carota,
sedano,
cipolla.
Per prima cosa scongelare il polipo la sera prima (circa 12 ore in frigo).
La mattina mettete a rinvenire i funghi secchi per circa 6 ore in una ciotola con dell’acqua calda (circa 40°).
In una pentola capiente preparare un brodo vegetale mettendo a bollire la carota, il sedano e la cipolla, una volta giunta a bollore calarvi il polipo scongelato e lavato per bene e lasciar cuocere fino a che non sia tenero  infilzandolo con una forchetta.
Lasciare nell’acqua di bollitura per una mezz’ora, scolare e passare in acqua fredda.
In una padella mettere a rosolare dell’olio con uno spicchio d’aglio, unire i funghi lavati e ben strizzati e portare a cottura aiutandovi con qualche mestolo di acqua calda.
Unire il polipo tagliato a pezzetti e lasciar insaporire, salare e pepare.
Unire i pomodorini tagliati a spicchi e privati dei semi, saltare e spegnere tenendo il tutto coperto.
Cuocere la pasta al dente e versare nella padella con i funghi e il polipo.
Saltare ancora qualche minuto e servire caldo.


Abbiamo accompagnato il piatto con un buon bicchiere di vino bianco offertoci gentilmente dalle Cantine Rallo.
La varietà dell’uva è Grillo e il nostro bicchiere è un Bianco Maggiore.
Vino aromatico, dal gusto deciso ma “dolce” al gusto, lo vedrei bene anche con un dolce rustico tipo una torta di mele, si sposa bene.
Ne abbiamo approfittato e visto che ce ne hanno inviate due bottiglie, oltre ad accompagnare il piatto, l’abbiamo servito anche come aperitivo accompagnato da una bruschetta di pane casereccio con pancetta e formaggio.
Ringrazio le Cantine Rallo per questo vino squisito.