Subscribe via RSS

Le barrette salate di pop corn al cioccolato

Resistere a certe ghiottonerie è cosa alquanto difficile per me.

Casualmente ho scoperto questa ricetta e volutamente,ogni tanto,digitavo su google: “ pop corn al cioccolato “ per il solo piacere di “ mangiare “ con gli occhi questi pop corn presenti in tanti blog e siti di cucina.

Infine mi sono stancata di mangiare solo con gli occhi ed ho deciso di mangiare con la bocca……finalmente li ho fatti!!!!!!!!!!!!

Ora sono appagata.

Ingredienti:

100 g di chicchi di mais

due cucchiai di olio extravergine d’oliva

sale q.b. (poco)

300 g di cioccolato al latte

 

 

In un largo tegame riscaldare l’olio e gettarvi i chicchi di mais.

Mettere un coperchio ed attendere il simpatico scoppiettio  del mais.

Alzare con cautela il coperchio ( a volte qualche chicco “ monello” ti fa balzare in aria perchè ti scoppia in ritardo e a sorpresa) e versare i festosi pop corn in una larga ciotola.

Salarli lievemente e preparare la “ ghiotta “ copertura.

Sciogliere al microonde il cioccolato e versarlo sui festosi pop corn,cercando di mescolare meglio possibile per avvolgerli tutti.

Versarli su metà di un grande foglio di carta stagnola e chiudere con l’altra metà del foglio dando una leggera pressione con la mano.

Riaprire ed attendere il raffreddamento della lunga lastra di pop corn cioccolatosi.

Spezzare tante barrette ed iniziare…….lo sapete già!!!!!!

Nota: ero un po’ dubbiosa ma devo dire che il sale ci sta proprio bene con il cioccolato.

 

 

 

piattino,ciotola e canovaccio da cucina GreenGate

 

 

Focaccia Rustica alle Tre Farine e Marmellata Biologica di Limone

Che ormai mi si veda raramente su questi schermi è ormai un dato di fatto.
Troppe cose da fare, lavoro da sbrigare, bambine da accudire… ma a mangiare si mangia, sempre!
Fotografo tanto, posto poco e quel poco che mi capita di condividere non sempre è una “novità”.
Ma perchè la cucina deve per forza essere sempre una novità??
Io cucino spesso polpette ma mica ogni volta stravolgo la ricetta? eppure piacciono, sempre, le solite, care, vecchie polpette.

Questo per dirvi che mi fa piacere se passate a trovarmi e mi lasciate un segno del vostro passaggio anche se la ricetta non è propriamente da grande chef :)))

Altra cosa che mi farebbe piacere è questa: se, per caso, provate una mia ricetta, mi farebbe piacere sapere cosa ve n’è sembrata, se vi è piaciuta, se faceva schifo, cosa cambiereste o avete cambiato… così, tanto per.

Ho voluto sperimentare la farina di soia, comprata qualche mese fa.
Potevo farci la pasta… e invece no! Ho pensato di utilizzarla in un lievitato; un dolce non-dolce se vogliamo: poco, pochissimo zucchero, altrettanto per il sale e l’uso della marmellata biologica di limoni che gli da quella nota aspra, ma dolciastra.

Focaccia Rustica alle Tre Farine e Marmellata Biologica di Limone

 Si ringrazia:
Fiordifrutta Rigoni di Asiago
farine integrale e di soia Le Farine Magiche Lo Conte
piatto in foglia di palma Ecobioshopping

300 gr di farina bianca,
100 gr di farina integrale,
100 gr di farina di soia,
un cucchiaio di strutto,
2 cucchiai di zucchero,
un pizzico di sale,
circa 200 ml di acqua tiepida,
1 cubetto di lievito di birra fresco,
1 vasetto di Fiordifrutta marmellata di Limoni Biologica,
1 tuorlo per spennellare,
qualche cucchiaio di zucchero semolato per la superficie.

Sciogliere il lievito in un po’ di acqua tiepida con un cucchiaino di miele.
Setacciare le tre farine e nella ciotola dell’impastatrice, unire il lievito e lo zucchero e iniziare a impastare.
Unire poco alla volta l’acqua, dopo un po’ il sale e lo strutto e lavorare l’impasto a lungo.
Ne risulterà una pasta morbida. leggermente appiccicosa.
Rovesciarla sulla spianatoia infarinata abbondantemente e dare due giri di pieghe del secondo tipo, formare una palla e sistemare in una ciotola capiente ben infarinata a lievitare, in un luogo tiepido, per 1 ora e mezza (deve raddoppiare).

Trascorso il tempo di lievitazione, riprendere la pasta, dividerla in due parti (io ho fatto tre, con la terza c’ho fatto la focaccia per la cena) e stenderne una nella teglia coperta da carta forno, stendere uno strato abbondante e uniforme di marmellata di limoni e coprire con l’altro pezzo d’impasto e rimettere a lievitare per altri 40 minuti (lieviterà velocemente).
Prima di infornare spennellare la superficie con il tuorlo sbattuto e cospargere con un po’ di zucchero semolato )io ne ho usato un cucchiaio da minestra).
Infornare a 180°C per 40 minuti.
Sfornare e servire tiepida, ma anche fredda è buonissima, noi l’abbiamo mangiata a colazione 😛
E questa la versione salata.
Buona settimana.

Pitburger

Ecco un’alternativa al solito hamburger. Invece del pane, adagiamo la nostra carne sulla piadina e la farciamo con squacquerone, rucola e pomodoro. Una bontà. Questa piadina mi ricorda tanto l’estate. La mangio sempre a Riccione durante le mie vacanze. Quindi un doppio piacere. La golosità di questo fantastico pitburger e il ricordo delle giornate al mare!

INGREDIENTI
carne macinata qb
sale
1 pomodoro
squacquerone qb
1 piadina sfogliata
rucola qb

Procedimento:
Preparare l’hamburgher e cuocerlo in padella con un filo di olio.
Affettare il pomodoro. Una volta pronto, disporre l’hamburgher sulla piadina, completare con rucola, squacquerone, fette di pomodoro. Riavvolgere la piadina.