Subscribe via RSS

Pancotto

Il Pancotto, cosi come la pappa col pomodoro, è un tipico piatto tipico della cucina povera toscana cucinato con il pane toscano raffermo. Questo primo è particolarmente utilizzato anche per lo svezzamento dei bambini.
Vediamo come lo ha cucinato Benedetta.

Puntata I Menu di Benedetta: 22 ottobre 2012 (Menu Quando Eravamo Bambini[1])
Tempo preparazione e cottura: 30 min. ca.

Ingredienti Pancotto per 4 persone:

  • 1/2 kg di pane toscano raffermo qb
  • 1,5 l di acqua
  • brodo di carne qb
  • 100 ml di olio
  • 50 gr di burro
  • 2 tuorli
  • 100 gr di parmigiano
  • pepe

Procedimento ricetta Pancotto di Benedetta Parodi

  1. Ammollare il pane in una ciotola con l’acqua e lasciare riposare circa 1 ora.
  2. Trasferire tutto in una pentola ed aggiungere un po’ di brodo, olio e burro mescolando fino a spappolare bene il pane.
  3. Cuocere una ventina di minuti circa a bollore, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno ottenendo una crema morbida.
  4. Unire i tuorli d’uovo, mescolare bene e spegnere il fuoco.
  5. Aggiungere anche il parmigiano facendo una specie di mantecatura e pepare.

References

  1. ^ Menu Quando Eravamo Bambini

Menu Brunch con gli Amici

Immaginando di essere già alla domenica, oggi Benedetta cucina alcuni piatti per un brunch da consumare con gli amici, preparato un po’ all’italiana e un po’ all’americana.

Lo spazio con lo specialista di questa puntata è dedicato alla preparazione delle uova.

il Menù di Benedetta del 23 ottobre 2012

(clicca sui link per vedere le ricette)

Antipasto: QUICHE ZUCCHINE E SPECK
Secondo: UOVA IN CAMICIA
Secondo: UOVA STRAPAZZATE (Scrambled Eggs)
Secondo: UOVA ALL’OCCHIO DI BUE
Dolce: PANCAKE COCCO E BANANE
Dolce: MUFFINS ALLE MELE[1][2][3][4][5][6]

References

  1. ^ QUICHE ZUCCHINE E SPECK
  2. ^ UOVA IN CAMICIA
  3. ^ UOVA STRAPAZZATE (Scrambled Eggs)
  4. ^ UOVA ALL’OCCHIO DI BUE
  5. ^ PANCAKE COCCO E BANANE
  6. ^ MUFFINS ALLE MELE

La ricetta del gratin dauphinois

Pubblicato da Ilaria Scremin[1] alle venerdì, 19 ottobre 2012 e classificato in Contorni[2], L’Angolo dello Chef[3], Ricette Vegetariane[4].

    Stampa ricetta/articolo[5]

Oggi vi propongo un viaggio nella tradizione gastronomica francese con un piatto che fa molto inverno e che a me, personalmente, ricorda anche il Natale. Mi riferisco al gratin dauphinois, un gratin di patate con l’aggiunta di formaggio e panna fresca perfetto per accompagnare egregiamente sia piatti a base di carne che di pesce. Il gratin del Delfinato, regione della quale questo piatto è originario, è particolarmente noto e diffuso anche in America settentrionale e Canada. Diffidate delle ricette che vi chiedono di pre-cuocere le patate: per una perfetta riuscita del gratin dauphinois, le patate devono essere affettate sottilissime ed cuocere direttamente in forno.

formaggio,grana,gruviera,noce moscata,panna fresca,patate,pepe,sale[6][7][8][9][10][11][12][13]

References

  1. ^ Ilaria Scremin (plus.google.com)
  2. ^ Visualizza tutti gli articoli in Contorni (www.imenùdibenedetta.com)
  3. ^ Visualizza tutti gli articoli in L’Angolo dello Chef (www.imenùdibenedetta.com)
  4. ^ Visualizza tutti gli articoli in Ricette Vegetariane (www.imenùdibenedetta.com)
  5. ^ Stampa ricetta/articolo (www.imenùdibenedetta.com)
  6. ^ formaggio (www.imenùdibenedetta.com)
  7. ^ grana (www.imenùdibenedetta.com)
  8. ^ gruviera (www.imenùdibenedetta.com)
  9. ^ noce moscata (www.imenùdibenedetta.com)
  10. ^ panna fresca (www.imenùdibenedetta.com)
  11. ^ patate (www.imenùdibenedetta.com)
  12. ^ pepe (www.imenùdibenedetta.com)
  13. ^ sale (www.imenùdibenedetta.com)