Subscribe via RSS

Focaccia soffice con pomodorini

Fra la magia dei lievitati un posto d’onore spetta sicuramente alle focacce, ottime per uno spuntino, per una cena speciale e per far festa con gli amici, per festeggiare l’arrivo dell’autunno ecco la meravigliosa focaccia soffice con dei buonissimi pomodorini confit imparata al corso di Adriano e Paoletta. 

Per poter utilizzare poco lievito, il procedimento nei tempi d’attesa non è velocissimo, però il gusto e il risultato ripaga l’attesa. 
500gr farina 0 (proteine 12%) 
100gr acqua 
170gr birra chiara 
150gr yogurt magro 
20gr fiocchi di patate 
30gr strutto 
11gr sale 
5gr lievito di birra 
1 cucchiaino malto 
Olio d’oliva 
Pomodorini confit o sale grosso 
Poolish 
Fare un poolish con l’acqua, 60gr di birra, 140gr di farina, malto, lievito e fiocchi di patate amalgamare gli ingredienti molto bene e poi lasciare lievitare coperto per circa 90 minuti 
Quando il nostro poolish sarà ben lievitato aggiungere la birra avanzata, lo yogurt e circa metà della farina ed amalgamiamo il tutto fino ad avere un impasto bello cremoso, quindi aggiungiamo la restante farina e il sale. Amalgamiamo ancora molto bene fino ad avere un impasto bello liscio ed elastico. 
Se utilizziamo l’impastatrice lavoriamo fino ad incordatura, ma si può lavorare benissimo anche a mano ci vuole solo un po’ di pazienza. 
Ad impasto ben lavorato, elastico e liscio aggiungiamo gradatamente lo strutto e facciamolo assorbire bene, quando avrà ben incorporato lo strutto sarà leggermente semilucido e molto elastico. 
Copriamo e lasciamo raddoppiare. 
A lievitazione avvenuta rovesciamo l’impasto sulla spianatoia, pieghiamo in tre e poi chiudiamo a filone quindi rimettere a lievitare fino al raddoppio. 
Possiamo anche farlo lievitare più a lungo mettendolo in frigo fino ad un massimo di 12 ore, quando vogliamo fare la focaccia prima di proseguire dobbiamo però ricordarci di tenerlo per un’ora a temperatura ambiente. 
A lievitazione avvenuta lo adagiamo con la chiusura in alto, in una teglia da forno ben oliata e subito dopo ribaltiamo l’impasto (serve per oliare bene entrambi i lati senza usare troppo olio) 
Spianiamo bene l’impasto con le mani unte facendo forza solo con i polpastrelli umidifichiamo leggermente la superficie con un po’ d’olio se serve e lasciamo raddoppiare 
Quando sarà lievitata ungiamo con un filo d’olio, con la punta di una forbice senza affondarla ma tenendola parallela alla pasta facciamo dei piccoli tagli solleviamo leggermente la pasta e inseriamo i pomodorini confit, poi copriamo con la pasta sollevata proseguiamo così ad intervalli regolari
Coprire i pomodorini con la pasta permette agli stessi di non bruciarsi e rimanere ben affondati nella focaccia
oppure possiamo praticare delle fossette e cospargiamo con un po’ di sale grosso ed infornare a 220° per circa 13-15 minuti 
Pomodorini confit
Per fare i pomodorini confit, tagliare dei pomodorini per il lungo metterli sulla teglia del forno con il taglio in alto, cospargerli leggermente con un po’ di sale e un pizzico di zucchero di canna e poi passarli al forno a 140° per circa un’ora
Questa focaccia è veramente deliziosa finisce come neve al sole
Ciao a presto e non fatevela scappare

Focaccia al Latte con i Fiocchi

Ma che vi credete che la mia passione per la pizza del sabato sera mi sia passata?

E nonono cari miei… qui a casa mia il sabato=pizza, SEMPRE, anche nel periodo natalizio 😛
Diciamo che ultimamente la mia passione l’ho momentaneamente “trasferita” al nostro fornaio di fiducia 😛

Eh si amiche e amici, il mio forno sta per passare a miglior vita :'( è saltato il termostato esterno e non tiene più la temperatura, non vi dico le peripezie che devo fare per ottenere una cottura decente.
All’inizio non capivo cosa avesse: impostavo 180°C e mi carbonizzava tutto (o quasi)… una, due volte e ho capito, il web me l’ha confermato 🙁 per fortuna che per adesso c’è ancora quello interno che funziona, ma per cuocere un pan di Spagna devo impostare 110°C se non voglio la carbonella :(((

Insomma… Questa focaccia è il frutto delle mie pizzebande 😛 precedenti alla “disgrazia”, in attesa del suo momento di gloria che credo sia giunto.
La focaccia la usiamo spesso anche in sostituzione del pane e poi i bambini preferiscono quasi sempre la soluzione panino al classico piatto in tavola, o no?

Con questo vi auguro un felice fine settimana, qui si prospetta nuvoloso, speriamo che migliori 🙂

Focaccia al Latte con i Fiocchi

  • Per l’impasto:

600 gr di farina,

30 gr di fiocchi di patate disidratati,
1 cubetto di lievito di birra fresco o una bustina di disidratato,
2 cucchiaino di zucchero,
1 cucchiaio colmo di strutto (o 3 di olio e.v.o.),
1 cucchiaino di sale,
200-250 ml di latte tiepido.
  • Emulsione:
acqua fredda e olio e.v.o. in parti uguali.
Prepariamo il lievitino.
Sciogliere il lievito con lo zucchero in 30 ml di latte tiepido (preso dal totale), unire 2-3 cucchiai di farina, impastare bene e mettere a lievitare per 30-40 minuti coperto e al caldo.
Nella ciotola della planetaria setacciare la farina, unire i fiocchi di patate, il lievitino e cominciare a impastare aiutandovi col latte tiepido fino a ottenere un impasto morbido, unire il sale e lo strutto e lavorare bene e a lungo la pasta.
Mettere la pasta in una ciotola imburrata (vi faciliterà il lavoro dopo al momento di “scaravoltarla” sul piano di lavoro), coprite con pellicola trasparente e mettere a lievitare in un luogo tiepido e al riparo da correnti d’aria per almeno 2 ore.
Trascorso questo tempo riprendere la pasta ormai ben lievitata, sgonfiarla e stenderla con le mani, allo spessore desiderato, nella teglia coperta da carta forno.
In una ciotolina prepariamo l’emulsione di acqua e olio, con le dita schiacciamo nella pasta così da creare delle fossette, degli incavi, spennelliamo leggermente con l’emulsione e lasciamo lievitare ancora per 1 ora in un luogo tiepido, prima d’infornare cospargere con del sale grosso (io ho usato il rosa dell’Himalaya).
Accendere il forno a 200°C e, trascorsa l’ora, infornare la focaccia e cuocere per 30-40 min.
Appena fuori dal forno spennellare ancora la superficie con l’emulsione e lasciar intiepidire prima di tagliare e farcire.
Oggi voglio anche parlarvi di una nuova azienda con la quale ho iniziato una nuova collaborazione: GerminalBio
Vent’anni di amore sincero per la salute e profondo rispetto per l’ambiente

Da più di vent’anni Germinal Bio è amore sincero per la salute, è profondo rispetto per l’ambiente, è bontà naturale. L’attenzione che poniamo nella scelta delle materie prime e la cura che riserviamo alla realizzazione di ogni prodotto rappresentano da sempre la nostra missione. Per questo oggi l’identità Germinal Bio si rinnova per esprimere e riaffermare con forza il suo amore per la salute e la natura con un progetto di identità sintesi di modernità, freschezza e appetizing.
Alla prossima.
Buon week end.

Menu della Vendemmia

E’ ormai tempo di vendemmia, l’uva sulle viti è matura e anche sulle nostre tavole ora non manca! Perchè accontentarsi di mangiarla come semplice frutta? Benedetta ci propone un menu a tema, protagonista proprio l’uva!

Ospite di questa puntata Joe Bastianich, ristoratore americano e protagonista di Masterchef in tv, che presenta la ricetta di un secondo di carne.

il Menù di Benedetta del 27 settembre 2012

(clicca sui link per vedere le ricette)

Antipasto: COGNA’ (o Cugnà)
Primo: TAGLIATELLE AI FUNGHI E UVA
Secondo: TAGLIATA DI MANZO CON RUCOLA E GRANA
Dolce: FOCACCIA AI FICHI[1][2][3][4]

References

  1. ^ COGNA’ (o Cugnà)
  2. ^ TAGLIATELLE AI FUNGHI E UVA
  3. ^ TAGLIATA DI MANZO CON RUCOLA E GRANA
  4. ^ FOCACCIA AI FICHI